A grande richiesta, torna Drago al Dino Manuzzi!

Cesena-Entella
Condividi questo articolo

OPINIONI DI UN DIVANO – Il Cesena va alla grande in trasferta, ma stenta in casa. L’idea del Divano: se tornasse Drago come assistant coach?

E niente, il Cesena da trasferta gioca come se fosse in pantofole, a volte addirittura giochicchia, fa il minimo indispensabile e incassa il massimo sindacale, ovvero i tre punti. In casa tenta, ritenta e stenta. Fosse solo il male di questo meraviglioso poker bianconero in trasferta, potremmo pensare ad una fortunata combinazione, ad un caso del destino, ma non è così. La storia si ripete dallo scorso anno, con i bianconeri pirateschi lontano dalle mura amiche, sempre pronti ad azzannare i padroni di casa e ad arraffare il bottino pieno e stenterelli invece a Cesena, sia pur con l’attenuante dello stadio vuoto.

Il mago è in galera 
Il 16 novembre dello scorso anno, il Cesena espugnava finalmente casa sua ed il Divano aveva elaborato la sua solita stralunata teoria (vedi Il mister trasforma il Dino Manuzzi in una “trasferta”): “Probabilmente Viali nella riunione prepartita, prima di entrare in campo, ha trovato la soluzione al problema. “Da oggi, ragazzi, il Manuzzi è considerato trasferta. Fate finta di essere voi gli ospiti, nello stadio di un’altra città”. Poi ha presentato un suo amico, un serio professionista del mondo magico, che ha ipnotizzato ad uno ad uno i ragazzi, ripetendo ossessivamente: “Siete in trasferta! Siete in trasferta!”. Ah, a pensarci prima! Quando prima? Prima! Beh, ha funzionato. Così d’ora in poi, auspico che il Cesena, fino a che non potremo riprendere possesso dei nostri amatissimi mezzi seggiolini monochiappa bianconeri, consideri il Dino Manuzzi campo da trasferta.”  Ora, il Divano ha saputo da fonti bene informate che purtroppo il mago è stato tratto in ceppi presso la locale Casa Circondariale con ridicole accuse di “truffa aggravata” e “circonvenzione di incapaci” e quindi non è in grado di assistere ulteriormente la compagine che noi amiamo. Che fare allora, per sbloccare anche in casa i ragazzi del Cavalluccio e puntare dritti alla promozione?

I numeri di Drago
Una soluzione ci sarebbe, molto semplice fra l’altro, e so per certo che sarebbe gradita a molti tifosi. Il ritorno del grande Drago come assistente di Viali per le partite interne. Un allenatore che mi ha divertito come nessun altro, che mi ha fatto passare pomeriggi e serate entusiasmanti al Dino Manuzzi: era il campionato 2015/16, l’anno precedente il Cesena aveva raggranellato la miseria umiliante di 24 punti in 38 partite, con 36 gol fatti e 73 subiti… Peccato però che fuori casa la squadra di Drago fosse una vera pippa. Perché? I soliti bene informati mi spiegarono che il problema non era né tattico, né motivazionale, ma prettamente psicologico. “Lontan da te non si può star” pare cantassero in pullman i giocatori di Drago quando andavano in trasferta e si struggevano di malinconia ripensando al loro stadio lontano. E quindi giocavano con quella saudade, quella malinconia soffusa che impediva loro prestazioni maschie e vigorose, con quella voglia di finire al più presto l’incontro con qualunque risultato per tornare nella Romagna in fiore. Drago, quindi, questo è certo, non è allenatore da sbarco, ma in casa ha sempre fatto bene. Lo dice la mia memoria, ma lo dicono soprattutto i numeri di quel fantastico campionato: 16 vittorie, 2 pareggi e tre sconfitte; 40 gol all’attivo in 21 partite e solo 12 subiti. Credo che attualmente sia disponibile, quindi…

Pentitevi!
Purtroppo l’operazione si potrebbe fare se non ci fosse la tenace avversione dell’A.C.A.C. (Associazione Cinghialisti Anonimi Cesena), che da anni ritiene l’ex allenatore calabrese responsabile di qualunque disgrazia passata, presente e futura possa occorrere alla nostra squadra, compresa la forfora dei raccattapalle. E allora, io dico: “Cari cinghialisti, arrendetevi all’evidenza, non siate irrazionali. Drago è l’allenatore che ci farebbe fare il salto di qualità al Dino Manuzzi. Vedrete che questa volta vi convincerete anche voi. C’è sempre tempo per pentirsi. Questo è il momento giusto. Firmate anche voi la petizione del Divano per il ritorno di mister Drago come assistant coach “interno”. Massimo, l’allenatore più vincente della storia al Dino Manuzzi”.

No? Dopo non lamentatevi se le cose non vanno. Io ve l’ho detto. Pentitevi!


Foto di Luigi Rega tratta dal sito calciocesena.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *