Cesena settimo o ottavo: cambia poco, ecco cosa…

SerieC - Cesena
Condividi questo articolo

L’ANALISI – L’ultima giornata della regular season definirà gli incroci playoff e playout: queste le possibilità riguardanti il Cesena

Domenica il Cesena chiude la regular season affrontando l’Arezzo al Dino Manuzzi. I bianconeri, a dir la verità, non hanno nulla da perdere e potrano affrontare a viso aperto i toscani, che invece hanno necessità di punti per evitare l’ultimo posto, comportante la retrocessione diretta in Serie D.

Infatti, tolti i 4 punti di penalizzazione alla Sambenedettese, il Cesena può soltanto arrivare settimo o venire superato dal Matelica e posizionarsi quindi ottavo, due piazzamenti che comporterebbero situazioni praticamente identiche in chiave playoff. Poiché il Modena è la miglior quarta tra i tre gironi, al primo turno preliminare accederanno le squadre qualificatesi dalla sesta all’undicesima posizione del Girone B, con la settima che affronterà in gara secca la decima, mentre l’ottava si scontrerà con la nona: in ogni caso, entrambi i piazzamenti garantirebbero alla squadra di mister Viali di affrontare la prima gara in casa con a disposizione due risultati su tre. Le cose potrebbero cambiare soltanto nel secondo turno preliminare: nel caso in cui la sesta classificata (Triestina o FeralpiSalò) non dovesse superare il primo turno, il Cesena, qualora arrivasse settimo e superasse il primo turno, potrebbe restare ancora “testa di serie” insieme alla quinta classificata e affrontare una delle altre due squadre vincenti nel primo turno.

Insomma, quasi una questione di “lana caprina”, tenendo conto che l’Arezzo per dormire sonni assolutamente tranquilli dovrebbe battere i bianconeri. Certo, è difficile pensare che agli amaranto possa non bastare il pareggio, visto che in quel caso, il Ravenna per evitare l’ultimo posto dovrebbe battere con almeno 5 gol di scarto il Carpi. Comunque, mai dire mai, specialmente quando le motivazioni cominciano a scarseggiare come nel caso dei carpigiani…

Per quanto riguarda invece il Matelica, in lotta (si fa per dire…) con il Cesena per il settimo posto, se la vedrà con l’Imolese, che rinfrancata dal colpaccio al Dino Manuzzi ha battuto pure il Gubbio ed agganciato il Legnago al quint’ultimo posto: i rossoblu devono assolutamente arrivare almeno sopra al Fano, terz’ultimo, per evitare il peggior posizionamento di classifica contro gli stessi, nel caso si dovessero affrontare ai playout. Pertanto anche i marchigiani, reduci da un pareggio e due sconfitte nelle ultime tre partite, avranno vita difficile, contro una squadra super motivata e devono solo vincere per superare il Cesena dal momento che, a parità di scontri diretti, la loro differenza reti è nettamente peggiore.


Immagine tratta dal sito calabriamagnifica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *