“A Cesena senza fare barricate”, parola di Federico Giampaolo

Federico Giampaolo
Condividi questo articolo

INTERVISTA – Federico Giampaolo,  allenatore dell’Avezzano e fratello del più conosciuto Marco, anticipa i temi della sfida di domani all’Orogel Stadium

Nell’ipotetica griglia di partenza del campionato, l’Avezzano partiva in seconda fila, subito dietro alla favorita Cesena, in compagnia di Recanatese, Matellica, Pineto e gli altri club con ambizioni playoff. Oggi però, dopo il giro di boa, i biancoverdi si trovano a fare i conti con una classifica alquanto deficitaria, che li vede al quart’ultimo posto con 18 punti. Inoltre, l’avvio del girone di ritorno li mette subito di fronte ad un appuntamento molto probante, come quello di domani pomeriggio al Dino Manuzzi. Queste le sensazioni, raccontate a Cesena Mio, di mister Federico Giampaolo, ex calciatore di Pescara, Genoa e Verona, nonché fratello di Marco, il tecnico della Sampdoria, in vista della sfida in terra romagnola.

Ciao Federico, come vi presentate a questa gara, dopo la sosta invernale?
“Abbiamo lavorato bene, però lamenteremo probabilmente qualche assenza ed i nuovi arrivati devono ancora inserirsi al meglio, dunque non saremo al completo”.

L’ostacolo non è certo dei più semplici…
“Sappiamo bene che ci attende un incontro difficilissimo contro un’avversaria molto forte, attrezzata. Durante il mercato di dicembre sono partiti big come Cerone, Dos Santos e D’Eramo (il talento classe 1999 è passato allo Spezia in Serie B, ndr): ora la nostra realtà si chiama salvezza e dovremo fare la gara della vita al Manuzzi per centrare un risultato positivo. Ce la giocheremo prestando attenzione, ma senza fare le barricate. Alle mie formazioni cerco sempre di dare un’identità di gioco precisa, di praticare un calcio propositivo senza snaturarsi troppo in base all’avversario di turno e sarà così anche questa volta”.

“Conosco Angelini, nel primato del Cesena c’è molto di suo”

Davanti troverete però un Cesena smanioso di infilare il sesto successo di fila…
“Il Cesena ha una rosa costruita per vincere e dispone in ogni reparto di calciatori importanti, esperti tipo Agliardi, De Feudis, Biondini, Ricciardo, Alessandro, Tortori. Inoltre, i bianconeri inoltre hanno alle spalle una società solida ed un pubblico eccezionale: è giusto che salgano di categoria, perché con la Serie D non c’entrano nulla. Mio fratello Marco mi ha raccontato che Cesena è una piazza passionale che vive di calcio, un ambiente nel quale si lavora bene. Lui stesso, a prescindere da com’è andata a finire (esonero dopo 9 giornate nel 2011/12, ndr), la considera comunque una bellissima esperienza”.

Da collega, quanto consideri determinante il lavoro di Angelini nel raggiungimento del primato in classifica?
“Conosco il mister, l’ho affrontato da avversario e le sue squadre giocano sempre un buon calcio. Angelini conosce l’ambiente cesenate, è stato bravo a far calare nella categoria i giocatori e a dare tranquillità al gruppo nei momenti di difficoltà attraversati nei mesi scorsi. C’è grosso merito dell’allenatore romagnolo in questo primo posto”.

Credo proprio che alla fine del campionato il Cesena trionferà

Veniamo al tuo Avezzano: un girone fa le aspettative erano ben diverse, cosa non ha funzionato?
“Gli obiettivi di partenza erano ambiziosi, nel match d’andata disputammo una grande prova, cadendo immeritatamente al 91’. Sicuramente le prestazioni sono quasi sempre state ottime, abbiamo raccolto meno di quanto seminato ed i motivi di questo flop sono vari: dalla penalizzazione di tre punti, al fatto di essere stati poco cinici sotto porta in numerose partite nelle quali abbiamo sciupato parecchio lasciando punti per strada. Sapete che quando ci si trova in queste situazioni particolari inaspettate in avvio, non è poi semplice uscirne, ma resto fiducioso”.

In chiusura, un pronostico secco: secondo te, il Cesena raggiungerà la promozione in Lega Pro?
“Penso proprio di sì: il Matelica è compagine organizzata, ma salvo cataclismi, credo proprio che i ragazzi di Angelini trionferanno”.


Immagine tratta dal sito ilcentro.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *