Fiorentina, Napoli, Juventus e Cesena le reginette del Protti 2019

Cesena 2005 - Memorial Protti
Condividi questo articolo

GIOVANILI – Si è disputato nel weekend il Memorial Protti, uno dei più importanti tornei giovanili (under 14) a livello nazionale. Molto bene il Cesena

Nonostante la pioggia ed il clima inclemente, circa tremila persone hanno assistito all’atto conclusivo del Memorial Flavio Protti 2019, il torneo che nel weekend ha visto scendere in campo 32 delle più forti squadre under 14 d’Italia e non solo, visto che hanno raggiunto la riviera romagnola anche blasonate squadre straniere, come Manchester City, Brondby, Nordsjealland e diverse altre, provenienti da Albania, Danimarca, Norvegia, Polonia e persino Israele.

Dopo tre giornate di intense sfide, al Valentino Mazzola di Santarcangelo la Fiorentina ha superato 1-0 il Napoli, conquistando il prestigioso trofeo, intitolato alla memoria di Flavio Protti, fondatore del Sant’Ermete Calcio e padre del celebre Igor, già capocannoniere in Serie A negli anni ’90. In precedenza, la Juventus aveva superato 2-0 il Cesena nella finale per il terzo posto. Per i giovani bianconeri, in campo con la classe 2005 visto lo status di “dilettanti”, un quarto posto che riempie di orgoglio, tenuto conto delle vere e proprie “corazzate” che hanno partecipato al torneo, peraltro finendo alle spalle dei nostri ragazzi.

Un torneo che per la formazione di Gianluca Leoni è iniziato già venerdì mattina, contro il San Marino, sconfitto 2-0. Poi la “passeggiata” serale contro il Maccabi Haifa, surclassato 8-0, quindi, con la qualificazione già in tasca, il Cesena ha pareggiato 2-2 con l’Alcione nella mattinata di sabato, accedendo così ai quarti di finale. Sabato sera a Villa Verucchio il capolavoro del nostro undici: contro l’Inter detentore del torneo, i nostri ragazzi hanno sofferto nella prima parte di gara, ma poi sono usciti molto bene alla distanza, conquistando un prezioso pareggio 1-1 in rimonta. Inevitabile la conclusione ai calci di rigore, una serie diventata interminabile vista l’estrema precisione al tiro: è finita 13-12 per il Cesena, con tutti i ragazzi ad abbracciare il portierone capace di neutralizzare due penalty (un solo errore per i bianconeri).

L’accesso tra le prime quattro del ranking è stato un trionfo, considerato che sono rimaste fuori formazioni come Atalanta, Spal e Manchester City, oltre a tutte le altre agguerrite formazioni straniere. Purtroppo, la semifinale di domenica mattina contro la Fiorentina (poi vincitrice del torneo) è risultato impegno davvero proibitivo nel quale i giovani bianconeri hanno lottato fino alla fine, riuscendo però a rimontare solo parzialmente il precoce doppio svantaggio iniziale, dimezzato nella ripresa per il 2-1 conclusivo. Nonostante la battuta d’arresto, il Cesena è potuto comunque essere protagonista del gran finale in uno stadio gremito, quando ha sfidato la Juventus per il terzo posto: è stata questa la sconfitta più netta, un 2-0 che ben fotografa l’andamento della partita. Nelle altre “finaline” disputate al mattino, l’Inter ha superato 2-1 il Manchester City per il 5° posto e l’Atalanta ha battuto 2-0 la Spal per il 7° posto.

L’evento si è concluso con le premiazioni di tutte le 32 squadre presenti (a consegnare le coppe anche Igor Protti) ed i riconoscimenti individuali per i migliori giocatori del torneo. Poi il rompete le righe ha sancito la fine di questo 16° Memorial Flavio Protti che una volta ancora ha portato lungo la riviera romagnola i migliori giovani che il calcio internazionale ha da offrire.  Appuntamento quindi alla prossima edizione, con la consapevolezza che questa prestigiosa vetrina riuscirà una volta ancora a regalare una tre giorni di grande sport. Per il Cesena un risultato prestigioso ed un’altra positiva esperienza messa nel bagaglio di questi ragazzi, categoria 2005, messisi in ottima evidenza nel corso della manifestazione.

Bravi ragazzi ! #ForzaCesena #daiburdel


Immagine tratta dalla pagina www.facebook.com/memorialflavioprotti/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *