Il cincischiometro punta lo zero, il Cesena punta in alto

Arezzo-Cesena
Condividi questo articolo

OPINIONI DI UN DIVANO – Niente tictoc per i vializzati, centrocampo mera espressione geografica. Sobrio ed efficace, il Cesena è una certezza

Il principe di Metternich, o per meglio dire Klemens Wenzel Nepomuk Lothar von Metternich-Winneburg-Beilstein, diplomatico austriaco, nel 1847 se ne uscì con la famosa frase: “l’Italia è una mera espressione geografica”. Dopodichè gli italiani, permalosi e tignosi come pochi al mondo, ce la misero tutta per fargli fare una figura non proprio da profeta, diciamo una figura di cacca e fecero in modo di costruirla davvero, l’Italia. Ora, se il buon principe di Metternich (Klemens Wenzel eccetera) fosse stato oggi allo stadio di Arezzo, avrebbe potuto dire altezzosamente che il centrocampo del Cesena è una “mera espressione topografica”, visto che i bianconeri ci stazionano poco e niente.

IL CINCISCHIOMETRO PUNTA A ZERO
Ma forse proprio questa è la chiave del successo di Viali. L’avere abbandonato ogni tentativo di presidiare la zona centrale del campo, quanto meno in fase propositiva, vista la caratura non proprio eccelsa di Petermann e soci. Lo so che è di gran moda il titic titoc, lo sanno anche i miei maroni che si allungano, inebetiti ad ogni extrapalleggio lezioso, ormai dilagante nelle partite degli allenatori “bravi”. Invece il Cesena no. E’ un Cesena sobrio, senza fronzoli (vedi Arezzo 0-2 Cesena, le pagelle di Cesena Mio). Con Viali, il cincischiometro punta decisamente allo zero e il Cesena punta decisamente sempre più in alto.

SAN NARDONE ACCHIAPPA IL PALLONE
Grazie anche a San Nardone, certamente, che sta rendendo lo straordinario (intervento) ordinario. Il portiere aretino, invece, ha subito il primo gol, quello di Favale, che ha tirato da fuori area un pallone non irresistibile. Come mai? Un’ipotesi molto accreditata è che il povero Sala sia stato colpito dalla cosiddetta Sindrome di Eleven (un’interruzione ogni 6 minuti nel primo tempo) e si sia disconnesso dalla partita per un attimo. Un attimo fatale. Ora che aveva rifatto il login, la palla era già entrata. Poi glielo facciamo vedere registrato, il gol.

IL CAVALLUCCIO PUNTA IN ALTO
Il Cavalluccio punta in alto nonostante l’arbitro ipovedente. Eh sì, perché vedere due falli da ultimo uomo come quelli subiti dal Cesena nel primo tempo e non sanzionarli adeguatamente dovrebbe essere attribuito a malafede o incapacità. Allora, forse, ci vede poco. Altra ipotesi: che da piccolo il suo sogno (dell’arbitro) fosse quello di arbitrare il 6 Nazioni di rugby. Per questo non ha fischiato praticamente nessun placcaggio? Per questo ha ignorato un chiarissimo fallo di mano da rigore contro di noi? Boh…

COSE BELLE E COSE MENO BELLE
Oh, come si aiuta la squadra! Mi allarga il cuore. Ho registrato diversi importanti interventi di Bortolussi e Russini in difesa. Invece mi lascia perplesso il secondo tempo, nel corso del quale il Cesena è sembrato un po’ pigro e annoiato e ha lasciato pastrocchiare (un po’ troppo) l’Arezzo e il suo geriatrico.

NIENTE DOCCIA PER CERCI
A proposito del quale, va detto che Cutolo, nonostante i 37 anni, è ancora un bel peperino, mentre Cerci (33) è risultato piuttosto poco decisivo nei venti secondi che è stato in campo. E’ entrato verso la fine, si è guardato intorno, forse un’occhiata anche all’orologio e si è risieduto in panchina. Deve essersi detto: “naaaa. Io non sudo a quest’ora, va là. Così non faccio neanche la doccia e arrivo a casa prima”. Quello che vuol dire l’esperienza…

MVP: PORBIA
Migliore in campo, secondo il mio Divano, Favale. Lo ha soprannominato “Porbia (polvere) perché vola dappertutto, non si posa mai e non lo acchiappi. Bravo Porbia  (e tutti gli altri).  Una menzione per San Nardone, non solo perchè fa rima. Sono undici in campo e giocano tutti, sono undici partite che non si perde, avanti così. Perfino Eleven Sports, per festeggiare, mi ha regalato un secondo tempo senza interruzioni. Roba da non credersi. Invece ci dobbiamo credere, eccome.


Immagine tratta dal sito www.calciocesena.com

One Comment on “Il cincischiometro punta lo zero, il Cesena punta in alto”

  1. ringraziamo la connessione del portiere aretino ahahah
    ps: L’arbitro veramente incredibile ieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *