Il Cesena prosegue la preparazione in vista del campionato

Centro Sportivo Rognoni - Cesena
Condividi questo articolo

QUI VILLA SILVIA – Mentre arrivano i primi acquisti sul mercato, nelle file del Cesena si riscontra il primo caso di positività al covid-19

Il Cesena è tornato al lavoro ormai da tre settimane e la squadra di William Viali ha ricominciato a correre e sudare a Villa Silvia dopo la brusca interruzione del campionato ed i terribili mesi di lockdown dovuto all’emergenza coronavirus.

Dopo una prima fase in cui i (pochi) componenti della rosa del Cavalluccio hanno ripreso confidenza con il campo attraverso allenamenti individuali, subito dopo Ferragosto si è tornati ad una sorta di normalità con allenamenti di gruppo in virtù del fatto che tutti i tamponi eseguiti siano risultati negativi. Poi, il gruppo si è via via infoltito, visto che nei giorni scorsi sono arrivate le prime ufficializzazioni in sede di calciomercato (vedi Calciomercato #7 – Dopo Caturano, ufficializzati Collocolo e Petermann), con Caturano, Collocolo e Petermann che si sono prontamente uniti al gruppo in quel di Villa Silvia.

Inizialmente, mister Viali ha impostato il lavoro ignorando completamente il pallone, lavorando invece sulla parte fisica ed atletica per rimettere in moto adeguatamente giocatori che da diversi mesi si allenavano esclusivamente in proprio. Non era infatti mai successo prima che si rimanesse fermi per così tanto tempo, considerando che le vacanze estive solitamente tenevano gli atleti lontano dal campo per un mese al massimo. A coadiuvare l’allenatore c’è anche la bandiera Giuseppe De Feudis nella sua nuova veste, non più a tirare il gruppo e sudare in prima fila, ma bensì a dirigere gli allenamenti in questa sua nuova esperienza di assistente allenatore. Poi, passata la prima fase, pian piano si è tornati anche a lavorare sulla tecnica e la tattica, con il gruppo bianconero che pian piano prosegue l’avvicinamento al campionato di Serie C, che nelle intenzioni della Lega dovrebbe cominciare il 27 settembre.

Il condizionale in questo caso è però d’obbligo, considerando che il coronavirus non è ancora stato sconfitto. Anzi, dopo i nuovi casi romagnoli riconducibili al focolaio creatosi in una discoteca nella serata di Ferragosto, anche il Cesena FC ha ufficialmente comunicato che un suo tesserato ha contratto il virus. Come conseguenza di ciò, tutto il gruppo Cesena (dirigenti, staff e giocatori, per un totale di circa 40 persone) dovrà osservare  un periodo di isolamento fiduciario (la cosiddetta “quarantena”) fino al 9 settembre presso una struttura ricettiva senza contatti con l’esterno: ciononostante, gli allenamenti proseguiranno per tutti tranne che per il diretto interessato, che invece osserverà un analogo periodo di isolamento domiciliare. Ovviamente, tutti i tesserati saranno costantemente monitorati in questo periodo, come previsto dal protocollo sanitario che ha consentito la ripartenza dello sport. Certo, si tratta del primo caso conosciuto della nuova stagione in SerieC, ma l’attenzione e la preoccupazione sono alte e l’avvio del campionato il 27 settembre è tutt’altro che scontato.

Nel frattempo, anche a causa di questo imprevisto, il “gruppo squadra” ha modificato i suoi programmi, dovendo tenere conto della nuova logistica: un doppia seduta di allenamento oggi e domani a Villa Silvia, per poi salire ad Acquapartita nella mattinata di lunedì, dove i bianconeri resteranno fino al 10 settembre, ovvero fino alla fine del periodo di isolamento fiduciario (“quarantena”), che trascorreranno tra il campo di allenamento sulle sponde dell’omonimo lago e l’Hotel Miramonti, appositamente organizzatosi per far fronte a questa situazione.


Immagine tratta dal sito www.cesenatoday.it

3 Comments on “Il Cesena prosegue la preparazione in vista del campionato”

  1. Stefano Fi , con i 14 giocatori ti costringono in pratica a cedere uno dei due ( o a non prendere bentivegna), la coperta è cortissima. anche io non lo cederei, lo manderei in prestito perche per me non da garanzie (fa una partita buona e tre no, come è normale per un giovane), la c non è la d e da quello che ho capito se non arrivi ai play off in pratica retrocedi in c2. I 14 giocatori over, devono essere tutti forti e non giovani scommesse, a mio parere, per carità.

  2. Suggerimento per articolo, si potrebbe fare un po di chiarezza su quali giocatori del cesena non hanno contratto professionistico e non rientrano quindi nei 22? Campagna e Munari per esempio vanno contati? No perchè se contiamo gli 8 prestiti da A e B (che saranno giovani, speriamo forti , che verosimilmente giocheranno per via dei contributi), almeno gli altri 14 giocatori dovranno essere un po piu esperti, e quindi per via della coperta corta giovani che danno poche garanzie in c come i 2 non ce li possiamo permettere. Esempio: zebi vorrebbe prendere Bentivegna, nel caso Munari venga contato nei 22 siamo costretti a cederlo perchè l alternativa sarebbe cedere un over che invece le garanzie tecniche le da (ad esempio russini). Poi ovvio che tutto dipende dagli obbiettivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *