Cesena 2-3 Matelica, le pagelle di Cesena Mio

Pagelle Cesena-Matelica
Condividi questo articolo

PAGELLE – Cesena eliminato. Rocambolesco finale: il Cesena pareggia al 90’+6, ma il Matelica segna un gol (probabilmente irregolare) al 90’+8

E’ successo veramente di tutto quest’oggi al Dino Manuzzi, dove il Cesena viene eliminato rocambolescamente dal Matelica. Un risultato clamoroso, non solo perchè i bianconeri avevano a disposizione due risultati su tre per qualificarsi alla fase nazionale dei playoff, ma soprattutto per il modo in cui è avvenuta questa eliminazione. La squadra di mister Viali non ha giocato un gran primo tempo, con gli ospiti sempre più padroni del campo con il passare dei minuti e meritatamente in vantaggio al 37′ con il colpo di testa di Magri su azione di calcio d’angolo, anche se i bianconeri hanno sciupato dal dischetto nel recupero con Bortolussi, ipnotizzato da Vitali. Uno choc che si è protratto nella ripresa, con la formazione marchigiana ancora sugli scudi e capace di portarsi sullo 0-2 con un tiro da fuori dell’indisturbato Calcagni. Poi finalmente, senza più niente da perdere, il Cesena si sveglia grazie all’ingresso di Ardizzone e all’arretramento in difesa di Zecca: dopo la rete del 1-2 di Di Gennaro al 69′, i bianconeri si buttano in avanti a capofitto provandoci in tutti i modi ed il forcing porta i suoi frutti al 90’+6, ultimo minuto di recupero, con la girata vincente di Ardizzone da dentro l’area. Sembrava finita (e doveva esserlo, stando alla comunicazione del recupero da parte del direttore di gara) e invece no… Incredibilmente, l’arbitro concede un’ultima azione al Matelica, che riesce a segnare in appena 12 secondi, in seguito ad un’azione viziata da un netto fallo su Ardizzone al limite dell’area: l’arbitro non fischia, la palla finisce a Balestrero che fa 3-2 e chiude la stagione del Cesena. Queste le pagelle di Cesena Mio:

NARDI 6: provvidenziale nelle uscite e preciso nei rinvii, specialmente nel finale. Mal posizionato in occasione della rete di Magri, mentre sul gol decisivo è messo fuori causa da una deviazione che lo spiazza.

CIOFI 6: è l’unico della retroguardia bianconera a non commettere errori, ma lascia anticipatamente il campo per operare un cambio che consentisse una maggior spinta sulla sua corsia.

DAL 59′ RUSSINI 5: la sua qualità avrebbe potuto fare comodo ai bianconeri, peccato che il numero 10 non sia minimamente entrato in partita e venga a sua volta sostituito nel finale.

DAL 85′ SORRENTINO SV

RICCI 5: dopo le tante belle prove offerte nel girone di ritorno, oggi un brutto passo falso. Ha infatti colpe sia sul primo gol del Matelica, quando si fa sovrastare da Magri, sia sul secondo, non avendo allontanato al meglio un pallone vagante poi tramutato in oro.

GONNELLI 5: nel primo tempo è messo sovente in affanno da Volpicelli e Leonetti, che gli sgusciano spesso via. Si riscatta nella ripresa, salvando più volte capra e cavoli. Tuttavia, gestisce in modo pessimo l’ultimo istante del match, sbagliando prima in uscita e poi in marcatura su Balestrero.

FAVALE 4,5: una delle peggiori prestazioni da quando veste la maglia bianconera: inconsistente sia davanti che soprattutto dietro, con gli ospiti che riescono costantemente a trovare praterie dalla sua parte. Senza poi parlare dei tanti palloni persi per troppa sufficienza.

CAPELLINI 4,5: avrà toccato forse due palloni in un’ora di gioco. Diversamente dal solito, non riesce ad offrire alcun contributo in fase di interdizione, costringendo Di Gennaro ad abbassarsi per recuperare palloni nella sua metà campo. In occasione della rete dello 0-2, incomprensibilmente, anziché andare in pressing su Calcagni, preferisce  abbassarsi sulla linea dei difensori. La sua uscita dal campo coincide con la riscossa del Cesena.

DAL 59′ ARDIZZONE 6,5: ha un buon impatto sul match. Porta infatti un po’ di ordine in mezzo al campo, riuscendo a raddrizzare una barca che dopo lo 0-2 sembrava affondare. Sarebbe stato l’eroe di giornata, grazie alla rete del 2-2, senza i succcessivi grossolani errori (in particolare dell’arbitro, ma non solo). Subisce un’evidente carica al limite dall’area bianconera in occasione del gol partita.

DI GENNARO 6,5: nel primo tempo è ben marcato dagli avversari e poco concreto. Le cose cambiano con l’ingresso di Ardizzone che permette all’ex Lazio di giocare in posizione più avanzata e dare molto fastidio alla retroguardia del Matelica. E’ sua la rete del 1-2 e suo anche il penultimo tiro bianconero della partita, sventato miracolosamente da Vitali e Mbaye sulla linea. Il Cesena segna poco più tardi dopo la sua “spizzicata” per Ardizzone.

STEFFE’ 6: interrompe molte iniziative degli avversari, pur sbagliando qualcosa di troppo in fase di appoggio. Esce stremato poco prima dell’infuocato finale.

DAL 82′ PETERMANN SV

ZECCA 5,5: da ala destra dialoga molto con i compagni, ma pecca diverse volte nell’ultimo passaggio. A sorpresa, se la cava invece decisamente meglio una volta spostato a terzino destro, crossando parecchio e guadagnando diversi corner.

DAL 82′ ZAPPELLA SV

CATURANO 5,5: alti e bassi. Nel primo tempo ha il merito di procurarsi il rigore, poi fallito da Bortolussi. Nella ripresa commette diversi errori in area di rigore, ma serve a Di Gennaro un bellissimo assist per la conclusione poi clamorosamente salvata da Vitali e Mbaye. Che abbia lottato su tutti i palloni non si discute, ma avrebbe potuto dare di più.

BORTOLUSSI 5: oggi non riesce ad essere il solito catalizzatore di palloni. E’ comunque sempre al centro del gioco, ma è davvero troppo pesante l’errore dagli undici metri che avrebbe consentito al Cesena di chiudere il primo tempo sul 1-1. Si riscatta parzialmente nella ripresa, servendo l’assist per Di Gennaro.

ALL. VIALI: la scelta di schierare Capellini si è rivelata sbagliata e la sua sostituzione tardiva. Cambi disperati, ma comprensibili: azzeccata la scelta di adattare Zecca come terzino, così come l’ingresso di Ardizzone a discapito degli altri centrocampisti in panchina; ha fatto discutere (e molto arrabbiare il diretto interessato) il cambio del subentrato Russini. Comunque, i cambi avevano dato i loro frutti, portando a un pareggio poi buttato alle ortiche con il contributo decisivo del direttore di gara.


Elaborazione grafica tratta da  it.wikipedia.org

One Comment on “Cesena 2-3 Matelica, le pagelle di Cesena Mio”

  1. Meno male che Caturano e rientrato solo nel finale si stagione….se no andavamo in D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *