Al Cesena manca un calcio di rigore

VAR FeralpiSalò-Cesena
Condividi questo articolo

COSI’ NON VAR – L’analisi “a freddo” degli episodi arbitrali più discussi del match FeralpiSalò-Cesena: era da rigore il fallo su Bortolussi

Nelle ultime settimane il Cesena non ha certo conquistato sul campo quanto avrebbe meritato. Le prestazioni negative contro Fermana e Vis Pesaro hanno fruttato alla squadra di Viali zero punti, mentre contro Perugia, Matelica, Modena e Feralpisalò ne sono arrivati appena tre a fronte di un gioco a tratti spumeggiante come quello intravisto qualche mese fa. Poiché spesso le scelte arbitrali sono argomento di discussione tra i tifosi, inauguriamo oggi uno spazio per analizzare gli episodi più controversi, anche perché in Serie C non c’è il VAR…

Analizziamo dunque oggi la sfida andata in scena allo stadio Lino Turina di Salò, dove il fischietto Mario Vigile di Cosenza ha diretto la sfida tra FeralpiSalò e Cesena, valida per il recupero della 23^ giornata di Serie C (vedi FeralpiSalò 0-0 Cesena, le pagelle di Cesena Mio). In particolare ci soffermeremo su due episodi che, a nostro avviso, avrebbero potuto cambiare il corso della partita (vedi immagini sotto riportate).

Così non VAR - Feralpisalò-Cesena 0-0

Il primo episodio riguarda un possibile calcio di rigore a favore del Cesena. Al 17′ del primo tempo, Di Gennaro parte dalla propria metà campo e in serpentina si libera di due avversari, arrivato sulla trequarti avversaria serve a Bortolussi, partito in posizione regolare: un “cioccolatino” che gli permette di entrare in area di rigore con il solo portiere De Lucia di fronte. Ma a quel punto il difensore Bergonzi, rimasto alle spalle del bomber bianconero, lo trattiene leggermente per la maglia, ma non è questo il contatto interessante: infatti, come si può vedere dall’immagine, il difensore colpisce con la gamba sinistra la gamba destra di Bortolussi, che cade in area di rigore. Incomprensibilmente, il direttore di gara fischia un fallo in attacco, mentre Vigile avrebbe dovuto fischiare un calcio di rigore in favore degli ospiti. Per quanto riguarda invece il colore del conseguente cartellino, il difensore sarebbe dovuto essere ammonito e non espulso, visto che prova ad intervenire sulla palla, anche se la manca completamente.

Così non VAR - Feralpisalò-Cesena #2

Il secondo episodio riguarda una mancata espulsione, nello specifico per Michele Collocolo, centrocampista del Cesena. Al minuto 63, infatti, un errato controllo da parte di Steffé scatena il contropiede avversario, condotto da Scarsella che supera la metà campo e prova a servire in diagonale il compagno libero sulla sinistra: Collocolo non frena la sua corsa e, a palla già partita, frana sul centrocampista della FeralpiSalò, iniziando il contatto (come si vede dall’immagine) con il piede sinistro. Collocolo, già ammonito, non anticipa l’avversario e non tocca il pallone: a nostro avviso, si tratta di un errore di valutazione perché Vigile ha concesso (giustamente) il vantaggio, ma a fine azione avrebbe dovuto ammonire per la seconda volta Collocolo.


Immagini tratte dalla diretta di elevensports.it

4 Comments on “Al Cesena manca un calcio di rigore”

  1. Come disse Beccalossi: “Beh, cazzo, ragazzi! Se non è rigore questo qui ! ”
    Il rigore c’è anche per me, purtroppo non avendo visto la partita non posso vedere il fallo di Collocolo.
    Gli errori arbitrali sono convinto che a fine stagione si compensano, il Cesena deve continuare il suo percorso e crederci fino alla fine, dove verranno tirate le somme, quello che ne uscirà servirà come lezione per il prossimo anno.

  2. Guarda Luca, semplicemente ho detto la mia opinione: quel rigore non lo avrei mai dato.
    Tu puoi dire tranquillamente il contrario ma non “che partita hai visto?”
    Ok?
    Grazie

  3. Sul fallo di Collocolo sono d’accordo.
    Sull’episodio di Bortolussi invece non sono convintissimo: per me non era rigore ne fallo in attacco, poteva lasciare proseguire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *