Al Cesena manca qualità e fantasia (Eresie ep. 22)

Eresie Cesena-Viterbese
Condividi questo articolo

ERESIE BIANCONERE – Tra la delusione dei suoi tifosi, il Cesena non va oltre al pareggio a reti inviolate contro la Viterbese

Il risultato ottenuto ieri dal Cesena è stato sicuramente deludente, ma la partita nel suo complesso non è stata poi così da buttare, anche se la posizione di classifica delle Viterbese (tutt’altro che meritata) faceva sperare in un esito migliore.  A mio avviso, l’approccio mentale era l’incognita principale di questa gara e penso sia stato ottimo: il Cesena, infatti, è partito benissimo con pregevoli trame ed importanti occasioni da gol (quelle di Steffe e Pierini su tutte), ma ancora una volta, purtroppo, è mancato il cinismo e la mancanza di cattiveria sotto porta sta diventando oggettivamente un problema (vedi Cesena 0-0 Viterbese, le pagelle di Cesena Mio).

Contro l’ultima in classifica, il tecnico Viali ha schierato a sorpresa Brambilla, in un centrocampo completato da Missiroli e Steffè, ma la prestazione del giovane di scuola Milan è stata insufficiente e probabilmente sarebbe più utile per il ragazzo andare a giocare di più per mettere in cascina un po’ di esperienza e di malizia. I compagni di reparto però non hanno fatto meglio e purtroppo anche i tre centrocampisti subentrati nella ripresa non hanno brillato. Dunque, la prestazione dei sei centrocampisti schierati ieri mi porta a pensare che, oltre ad un centrocampista “coast to coast” alla Collocolo, serva anche un regista vero dal momento che l’apporto in costruzione dei vari Rigoni, Missiroli e Steffè è stato in questi mesi a dir poco insufficiente.

In attacco, pur mangiandosi un gol da posizione favorevole e pur offrendo una prestazione molto fumosa nella ripresa, Pierini è stato per distacco il migliore del reparto, con un Caturano inconcludente, ma generoso, ed un Bortolussi inconcludente e basta. Anche per quanto riguarda l’attacco, dunque, nonostante qualche giornalista in settimana si sia dichiarato soddisfatto del reparto avanzato con l’arrivo (ancora non ufficiale) di Pittarello, pare invece evidente che serva come il pane un giocatore rapido e bravo a saltare l’uomo con continuità (Pierini ha buona tecnica, ma dall’inizio del campionato ha saltato meno uomini di quanti Russini ne saltava in una sola partita, talvolta addirittura in un’azione).

Inoltre, in questa giornata poco favorevole, anche il reparto difensivo ha avuto le sue lacune, con Gonnelli che in un paio di occasioni ha agito addirittura da trequartista avversario, innescando gli attaccanti della Viterbese. In definitiva, vista la mancanza di qualità in regia e di fantasia in attacco, viene il dubbio che queste siano caratteristiche poco gradite al tecnico, nonostante siano in realtà indispensabili per tutte le squadre ambiziose.

Nessuna tragedia però, considerando che le prime due stanno facendo un campionato a parte: abbiamo perso un po’ di margine sul quarto posto, è vero, ma si può (e si deve) ritornare a correre.


Immagine tratta dal sito www.calciocesena.com

2 Comments on “Al Cesena manca qualità e fantasia (Eresie ep. 22)”

  1. Mi fa piacere che ci sia chi riesce a vedere il bicchiere mezzo pieno…..però se siamo realisti a mio parere il Cesena è questo ……sempre uguale , lento , sterile, io direi anche abbastanza noioso, ….magari un goal lo trova vince e siamo ( siete ) tutti contenti.
    Perché di partite come questa ne abbiamo vinte diverse è inutile negarlo. E quindi mi pare abbastanza evidente che se continuiamo così saremo alla fine superati da almeno un altro paio di squadre a meno che queste non abbiano problemi come no o più di noi.i

    Anno scorso avevamo gente come Koffi , Capanni , Russini, Di Gennaro ….tutti giocatori di qualità che potevano saltare l uomo ( cosa che come evidenzia l articolo in modo sacrosanto. quest’ anno non abbiamo fatta eccezione per Pierini)
    Mi pare a questo punto evidente che questa mancanza di fantasia sia una precisa scelta della conduzione tecnica per favorire altre caratteristiche .
    Scelta rispettabile , ma opinabile , e purtroppo per come la vedo io le possibilità di passare si serie tramite playoff sono molto vicine allo zero.

  2. Concordo e rimarco il mio pensiero. Il giocatore che fa più danni in questo momento è Pierini. Si divora gol possibili, anche ieri innescato in contropiede per ben due volte aveva a fianco un compagno libero, invece niente o tenta un dribbling assurdo o prova a passarla a Bortolussi a volte triplicato dagli avversari. Ha perso un infinita di palloni con la squadra sbilanciata. Sopravvalutato, tanto fumo e poco arrosto. Russini almeno , quando puntava l’uomo lo saltava questo si autodrobbla da solo con il risultato do perdere palla. Non è il solo, Caturano è il suo compagno ideale. Giocatore finito. Missiroli anche lui ex calciatore, che con Brambilla, venivano regolarmente saltati dal loro nero di centrocampo. Caro Viali se non ti ravvedi in fretta, altro che 39 punti, le scelte fatte devono poi essere supportate dai fatti. Iericon tutti centrocampisti a disposizione, le tue scelte alla fine sono state completamente sbagliate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *