Il Cesena gioca male, ma comunque non vince (Eresie ep. 10)

Vis Pesaro-Cesena
Condividi questo articolo

ERESIE BIANCONERE – Il Cesena dimostra carattere e conquista un pareggio fortunoso in quel di Pesaro. E poteva addirittura vincere…

Il Cesena di mister Viali passa in vantaggio con Bortolussi nel primo tempo, ma poi smette completamente di giocare e subisce la Vis Pesaro per tutta la ripresa, con i marchigiani che sprecano diverse palle gol, salvo poi raggiungere il meritato pareggio nel finale grazie ad un calcio di rigore regalato da Nannelli e trasformato da De Respinis (vedi Vis Pesaro 1-1 Cesena, le pagelle di Cesena Mio).

I bianconeri steccano dunque la partita della maturità con un secondo tempo da film horror nel corso del quale, per 45 interminabili minuti, si sono limitati a scagliare in avanti ogni pallone recuperato, palloni che puntualmente finivano ai giocatori biancorossi che potevano cosi rilanciare l’azione senza bisogno di produrre alcuno sforzo per strappare la sfera ai nostri. Buttare la palla in avanti a caso può anche essere una soluzione in certi momenti della partita, ad esempio quando la squadra è in difficoltà, oppure nei dieci minuti finali quando gli avversari tentano il tutto per tutto, ma non può certo essere un piano-partita sistematico.

Se la squadra di William Viali fosse veramente questa, sono certo che finirebbe all’ultimo posto della classifica (con buona pace degli amanti del brutto calcio), ma per fortuna il Cesena ha dimostrato di poter essere molto meglio di cosi. Niente drammi dunque, fra tre giorni si torna in campo e bisogna dimenticare in fretta questa brutta prestazione in modo da non ripeterla più.

Forse una settimana densa di elogi dopo la vittoria sull’Ancona-Matelica ha influito negativamente su una squadra non ancora matura, ma che comunque ha tutto il tempo per maturare e (speriamo) dire la sua in campionato. E’ giusto dunque non fare drammi, a patto che Viali, aldilà delle preconfezionate dichiarazioni ai giornalisti che lasciano il tempo che trovano, faccia capire ai suoi ragazzi che prestazioni così non sono accettabili. Il tecnico è infatti parso molto arrabbiato durante la gara e purtroppo avrà poco tempo per lavorare prima del prossimo impegno, ma forse gli basterà dire che la partita contro il Pontedera non è un’esercitazione difensiva e che anche il Cesena può provare a giocare…

Battute a parte, sono certo che martedi sera il Cesena proverà a fare una grande partita davanti al suo pubblico e lo so perché questa squadra ha dimostrato di avere carattere da vendere. Attenzione però, perché non sempre le convinzioni di un “eretico” si rivelano giuste…


Immagine tratta dal sito calciocesena.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.