Il Cesena del futuro è qui: la capolista siamo noi!

Cesena-SudTirol
Condividi questo articolo

OPINIONI DI UN DIVANO – Al rigore contro il Cesena, rischio squalifica per un fitto lancio di ciabatte verso la tv. Poi però San Nardone para…

Nessuna parentela. Nessuna somiglianza. Solo il nome è quello. Per il resto, il Cesena del 2021 cosa ha da spartire con quello di fine estate scorsa? La risposta è: POCO, molto poco. Sceso in campo con clamorosi buchi nella formazione, il Cavalluccio Football Club non ha avuto alcun timore nell’affrontare la capolista. Tanto possesso palla, attenzione in difesa, convinzione in attacco (vedi Cesena 0-0 SudTirol, le pagelle di Cesena Mio). Vi dirò che perfino il centrocampo è sembrato un reparto molto migliorato.

IL NIPOTINO IN PORTA
Poi è mancato qualcosina, senz’altro. Bortolussi si è mangiato un rigore tirando un palloncino come se in porta ci fosse stato suo nipotino piccolo e avesse paura di fargli male. Non si fa, dai. Qui sono tutti grandi. Anzi, in porta il SudTirol aveva una bestiaccia che ha salvato nel primo tempo sulla meravigliosa incursione missilistica di Favale e ha acciuffato pure il velenosissimo tocco di Nanni in piena mischia nel secondo tempo. Il Divano oggi era incontenibile, vedeva rigori in continuazione per il Cesena, almeno tre ogni dieci minuti (ma due c’erano, dai, vabbè, diciamo uno sicuro), non vi dico cosa è successo quando nel finale di partita il modesto arbitrucolo ha assegnato un rigore ai tugnini per un tocco di spalla in area.

FITTO LANCIO DI CIABATTE DAGLI SPALTI
Per fortuna il televisore era a una certa distanza, e non ha risentito del fitto lancio di oggetti dagli spalti. Dalla cucina, la Signora, preoccupata dai rumori, è arrivata un po’ affannata: “Cos’è successo, ti è caduto qualcosa?”. “Le palle mi sono cadute, porco il maiale” avrei voluto dire, ma la prospettiva di essere squalificato e di dormire nella cuccia (esterna) del gatto, mi ha fatto optare per un generico “No niente vffnclziocaprcacciadiquellaeva, mi sono scivolate le ciabatte”. “Nel televisore?” ha ribattuto la Signora, abbandonandomi indignata al mio destino. “Alla tua età… I burdel…”. E scuoteva la testa. Ho finto superiorità e stavo con gli occhi sbarrati a guardare il prevedibile scempio, ma con una speranza nel vecchio cuore.

RECUPERO DELLE CIABATTE
E lui lo ha fatto, il miracolo. San Nardone ha parato il rigoruccio (mozzarella fotocopia del nostro) e allora ho recuperato le ciabatte, fondamentalmente per avere qualcosa da tirare al televisore alla prossima occasione e mi sono apprestato a gustare l’inevitabile vittoria in extremis dei nostrani. Che non è arrivata, ma ditemi voi se non dobbiamo essere ubriachi di fiducia dopo una prestazione così, con tutte quelle assenze, con tutto quello che è andato storto. Se il SudTirol è la capolista, noi cosa siamo?

IL MIGLIOR CESENA DELL’ANNO
Di più, siamo molto di più. Il miglior Cesena dell’anno, scrive Nicholas in chat, giocando sul fatto che è la prima e unica partita disputata nel 2021… Io sorrido e penso fra me: “Per ora. Questi ragazzi ci faranno sognare”. Parola di Divano. Tengo comunque a portata di mano le ciabatte, per ogni evenienza…


Immagine tratta dalla diretta di www.elevensports.it

8 Comments on “Il Cesena del futuro è qui: la capolista siamo noi!”

  1. Alberto, ovviamente hai ragione anche tu, tarpare le ali ai sogni di un tifoso dovrebbe essere un reato da codice penale 🙂 , ti confesso che la mia è piu che altro scaramanzia…(ma metti che facciamo altre due vittorie ,e vedi come cambiano i miei commenti eheh)
    Ps..i complimenti al pezzo ormai non te li faccio nemmeno piu…
    pps..mi raccomando le ciabatte fra capo e collo all’arbitro, prendi bene la mira 🙂

  2. Troppo saggio, Max. Ma ricordando quando l’avvilimento scorreva a fiumi, perché non sognare di volare? Lindbergh lo ha fatto e guarda che razza di oceano ha attraversato con quel macinino!… Il tifoso è un infante adulto, lascialo giocare con le emozioni. Ciò detto, hai ragione, ovviamente. Ciaociao. Alla prima che perdiamo, vedrai dove va a finire il mio ottimismo. 🙂

  3. Si Stefano concordo, specifico che le mie perplessità riguardano il primo posto (ho anche scritto che ai playoff nulla è impossibile con i giusti innesti, quindi mi pare che l ottimismo non mi manca), però la sensazione è che per fare goal serva sempre la giocata importante, e obbiettivamente non possiamo andare avanti tutto il campionato sperando che all’ultimo minuto qualcuno toglie il coniglio dal cilindro, però intanto non prendere gol e tenere le partite in bilico fino all’ultimo è un grandissimo merito. La mia sensazione è che per il goal ci serva sempre l episodio, se combino questa mia personale e fallibilissima sensazione con la media punti pazzesca che dovremo tenere per ottenerlo, mi pare esagerato parlare di primo posto. tutto qua.

  4. Ciao, io non pretendo niente. Come sottolineato, occorreva una svolta netta rispetto alla gestione Modesto e questo girone d’andata ha dimostrato che le scelte fatte in estate ed il lavoro chiaro del mister hanno portato questi risultati. Con il senno del poi, non si va lontano e si creano polemiche inutili, a mio parere. Condivido le parole di Viali al termine della partita di ieri e condivido la positività, da lui espressa. I risultati sono spesso ,non sempre figli del gioco proposto. Il Cesena ieri, ma non solo ha giocato sempre palla e creato le situazioni per colpire, a centrocampo si è regalato veramente poco, poi ci sono gli avversari che se è vero che hanno vinto partite a tavolino se sono lassù, non può essere un caso. Voli pindarici non ne faccio, mi accontento della dignità ed onestà, impegno di tutte le figure che fanno parte del nostro Cesena, con l’impegno, questo sì lo prenderei, di fare una seria programmazione, partendo da queste solide basi per creare una squadra comunque solida. I risultati, verranno di conseguenza.

  5. Carpe diem, fratelli bianconeri (quelli giusti). Se penso ai miglioramenti della squadra da inizio anno ad ora, penso che niente sia impossibile, nemmeno il primo posto. Il Sudtirol secondo me non ha più risorse di noi e noi dobbiamo recuperare gli assenti. Sono d’accordo che ci manca il centrocampo all’altezza del compito, ma l’attacco è tutt’altro che disprezzabile. Quando si impara a fare le nozze con i fichi secchi, si può sperare, anzi è obbligatorio. Dieci partite a fila senza perdere. Non sarà solo qulo. Daidaidai. Ovvio che servono due innesti, Borello uber alles.

  6. Max , stavolta invece secondo me abbiamo giocato molto meglio delle altre volte, abbiamo creato anche diverse occasioni e probabilmente con i cambi giusti di Koffi e Capanni avremo potuto vincerla .
    A differenza di Modena e Padova ieri non si è vista una netta superiorità dell’ avversario ..anzi. Ora se questo è stato per merito nostro e per demerito loro non lo so( spero la.prima.ipotesi)
    Certo se con un paio di innesti giusti..( esempio Agazzi del Livorno) a centrocampo potremo migliorare e non poco , ma se si parla di primo posto la vedo dura, perché oltre le già citate Modena e Padova , vedo bene anche un ritorno della Triestina dopo il cambio di allenatore.

  7. Secondo me attualmente al primo posto non possiamo aspirarci, mancano 20 partite se ne vincessimo 12 ne pareggiassimo 4 e ne perdessimo 4 (e non credo sia facile) andremmo a 72 punti, che non garantiscono il primo posto, ne il secondo, e nemmeno il terzo. ieri era uno scontro diretto da vincere, (padova e modena potrebbero girare a 39 ). Inoltre facciamo una fatica boia a segnare, avvolgiamo sterilmente dalla fascia, ma mai un taglio, mai un imbucata, non mettiamo mai un uomo davanti al portiere. Le vittorie nel finale sono segno di grande carattere, ma con gli eurogol di capanni o di ardizzone non vinci i campionati, (ameno che non li facciano tutte le domenica, e non si pretenda questo da loro). Prima o poi la verità viene sempre a galla e la verita è che abbiamo carattere, abbiamo trovato solidità difensiva, ma il nostro gioco è parecchio sterile. Con uno (o due ) centrocampisti forti e magari il ritorno di borello, ci giochiamo i play off, niente è impossibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *