Cesena, battere l’Isernia per ricominciare a volare

Isernia-Cesena
Invia l'articolo agli amici

OPERAZIONE IANUS – Per il Cesena è indispensabile battere l’Isernia per riprendere la corsa verso la promozione. In attesa di buone notizie dalle Marche…

Domenica scorsa, dopo ben 13 vittorie e 2 pareggi, il Cesena ha perso per la prima volta nell’anno solare 2019. La Recanatese infatti, già vittoriosa all’andata al Dino Manuzzi, si è ripetuta  anche in casa propria, superando i bianconeri per 2-1 (vedi Un Cesena generoso, ma svagato, perde ancora contro la Recanatese).

Fatale per gli uomini di Angelini il primo tempo, nel quale hanno commesso grossissime ingenuità, regalando di fatto due gol ai padroni di casa. D’altronde una sconfitta non era così impossibile da pronosticare: era già da qualche giornata infatti che il Cesena non giocava bene e le ultime vittorie in trasferta erano state un po’ fortunose; inoltre l’assenza di tre giocatori molto importanti come De Feudis, Munari e Ricciardo ha complicato ulteriormente le cose. Infine, se vogliamo, possiamo anche aggiungerci la mancanza di tifo sugli spalti per via della protesta sulla questione biglietti che ha conferito alla partita un clima un po’ surreale (anche se, la normalità in Serie D sarebbe questa, ma non per noi…).

E’ però inutile continuare a pensare a questa sconfitta. Ora il Cesena deve rimboccarsi le maniche e ricominciare a correre spedito verso la vittoria del campionato, non scontata prima di Recanati (anche se molti lo sostenevano), ma non certo compromessa ora, anche se le cose si sono un po’ complicate. Il Matelica infatti, dopo aver perso lo scontro diretto contro i bianconeri, ha ottenuto 8 vittorie consecutive, riducendo così a 5 punti il suo svantaggio in classifica, distanza che un mese fa era il doppio. Se, per ipotesi, entrambe le squadre confermeranno la media punti dell’ultimo mese, allora i marchigiani ad inizio aprile avranno agganciato i bianconeri. Se da un lato è difficile pensare che il Matelica possa continuare a vincere senza mai fermarsi, dall’altro è anche vero che la squadra di Tiozzo è tornata ad essere inarrestabile come lo fu ad inizio stagione. Nel dubbio, una sola la soluzione: ricominciare a vincere e farlo molto spesso fino alla fine del campionato. A partire dalla prossima sfida casalinga contro l’Isernia.

La squadra bianconera è infatti chiamata ora ad una svolta per non farsi rosicchiare altro terreno da chi insegue. Decisive in questo senso potrebbero essere le prossime due giornate (con in mezzo una settimana di sosta): mentre il Cesena affronterà l’Isernia in casa e la Savignanese al Morgagni di Forlì, il Matelica avrà due partite sulla carta molto più impegnative contro la Sangiustese in casa ed il Francavilla fuori. Mai dire mai, ma se il Cesena dovesse vincere entrambe le due partite, potrebbe concretizzarsi un nuovo allungo in classifica.

Meglio però non guardare troppo avanti e pensare ad una partita alla volta. Testa quindi rivolta esclusivamente all’Isernia, partita nella quale il Cesena dovrà mettere testa, cuore e gambe per ricominciare a volare !

Commenta con Facebook

About Matteo Magnani

Matteo Magnani è fedele tifoso del Cesena fin dalla tenera età di 8 anni, grazie alla grande passione trasmessagli dal padre. Studia Giurisprudenza nel campus di Ravenna e da oltre tre anni è uno degli apprezzati editor della pagina facebook emergente Per chi ama il Cesena, dove ha iniziato a muovere i primi passi nel mondo dell’editoria digitale, rigorosamente seguendo con passione (e spesso anche apprensione) le vicende del “suo” Cesena calcio.

View all posts by Matteo Magnani →