Calciomercato #2 – Ancora, regna l’incertezza

Calciomercato Cesena FC
Condividi questo articolo

CALCIOMERCATO – Mercato ancora bloccato dalle troppe incognite ancora sul tavolo. Per ora, le sole novità sono la conferma di Ciofi e l’addio di Brunetti

E’ già iniziato il mese di luglio, ma il calciomercato è ancora in alto mare. Il Cesena, come peraltro tutte le altre squadre di Serie C, comprensibilmente stante la situazione, non può ancora pianificare compiutamente la stagione che verrà, dal momento che ancora vi sono troppi nodi da sciogliere. Innanzitutto, non è dato sapere quando si riprenderà e se si giocherà a porte aperte o chiuse: l’ultima idea, emersa dalle parole del Presidente della Figc Gravina qualche giorno fa, sarebbe quella di giocare a porte aperte, ma limitando la’affluenza massima al 25% della capienza, che per il Cesena equivarrebbe a 5.049 spettatori, ma al momento questa è soltanto un’ipotesi. Altro aspetto da considerare è la categoria degli under, che a partire dal prossimo anno dovrebbe ricomprendere soltanto i giocatori nati entro il 31/12/1998; si sta discutendo infatti se considerare ancora under anche i giocatori nati entro il 31/12/1997, in modo da facilitare per tutti i club l’erogazione delle somme legate alle loro presenze. Infine, si dovrà senz’altro aspettare venerdì 24 luglio, data in cui ci sarà la prossima assemblea di Lega Pro, per capire se e come sarà strutturata la riforma dei campionati.

In questo clima di incertezza, il Cesena ha però già fatto chiarezza sullo staff tecnico: dopo aver confermato mister William Viali, proseguiranno l’avventura in bianconero anche Filippo Medri, nel ruolo di allenatore in seconda, Mattia Vincenzi, in quello di preparatore atletico, Francesco Antonioli, in quello di preparatore dei portieri, e Massimo Magrini, che continuerà ad occuparsi del recupero degli infortunati. Inoltre, sul versante societario, il Cesena FC ha per ora deciso di proseguire con le proprie gambe, rifiutando tutte le offerte da parte di eventuali acquirenti, in quanto non disposti a mettere sul piatto più di quanto fanno gli attuali 29 soci, ovvero oltre un milione a stagione.

Tutto ciò premesso, una qualche conclusione a proposito di mercato può però già essere fatta. Come già detto qualche settimana fa (vedi Calciomercato #1 – Il punto sulla rosa attuale) il Cesena farà sicuramente sottoscrivere il loro primo contratto professionistico a Francesco Campagna, Andrea Zammarchi e Davide Munari. Con loro in rosa ci sarà sicuramente anche Andrea Ciofi, che anche l’anno prossimo verrà considerato come under. Dovrebbero poi rimanere in bianconero anche i veterani Giuseppe De Feudis e Nicola Capellini, con i quali sono già state avviate le trattative per il rinnovo del contratto appena scaduto.

Non vestiranno invece la maglia del Cavalluccio Karlo Butic, Federico Giraudo e Ivan De Santis, per i quali il Cesena non nutre interesse a riaverli in prestito; discorso simile anche per Giuseppe Borello e Fabrizio Brignani, che pur interessando ai bianconeri non sono destinati ad essere dirottati ancora in Serie C. Tra i tanti ai quali è scaduto il contratto, sono quasi certi dell’addio anche Simone Lo Faso, Salvatore Caturano e Giuseppe Zampano, destinati a squadre disposte a pagare ingaggi più importanti, mentre Alessandro Brunetti dovrebbe a breve essere ufficializzato dalla Recanatese. Al capolinea anche l’avventura di Federico Agliardi, al quale non dovrebbe essere proposto il rinnovo, e di Emanuele Valeri e Leonardo Marson, che potrebbero essere ceduti per fare cassa, specialmente qualora i giocatori nati nel 1998 non dovessero essere più considerati under.

2 Comments on “Calciomercato #2 – Ancora, regna l’incertezza”

  1. Condivido la sensazione di Massimo e aggiungo che la scelta del direttore sportivo non è certo la scelta di una società che punta in alto. Un esordiente come Zebi va bene in società come il fano o la fermana. Le società ambiziose prendono direttori esperti e con campionati vinti alle spalle, non scommettono su uno al suo secondo campionato. Ovviamente felice di essere smentito da Zebi contro il quale non ho nulla e a cui auguro il meglio.

  2. A me sembra che questa società sia arrivata alla fine delle sue possibilità economiche e pertanto trovo molto difficile che possa organizzare una squadra capace di arrivare almeno nei primi 6 posti della classifica finale del prossimo campionato così da poter iscriversi alla C 1 Elite, cosa importantissima per non finire nei meandri di una categoria paragonabile alla attuale Serie D.
    Auspico fortemente una mia errata valutazione di tutta questa situazione ma in ogni caso FORZA CESENA.
    CESENA nel ♥️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *