Un buon Cesena tiene testa alla SPAL nel test amichevole

Cesena-Spal
Condividi questo articolo

CHE BELLO E’ – L’amichevole estiva del Dino Manuzzi si è conclusa con il successo 3-2 della SPAL sul Cesena. Per i bianconeri a segno Sabato e De Feudis

Nell’opprimente calura di una notte di mezza estate, il Cesena fa un figurone contro la ben più attrezzata SPAL, scesa in Romagna per un test amichevole prima del debutto ufficiale in Coppa Italia. Un impegno che invece i bianconeri hanno già sostenuto, vincendo pochi giorni fa a Rimini (vedi Il racconto della mitica trasferta a Rimini), e che sarà bissato domenica sera contro la Vis Pesaro in un match che vale il passaggio del turno nella Coppa Italia di Serie C.

Serie C, appunto, quella alla quale si sta preparando con grande entusiasmo il Cesena. Due categorie in meno dell’ormai consolidata SPAL, formazione che tra una quindicina di giorni prenderà parte al terzo campionato consecutivo di Serie A, con concrete possibilità di centrare un’altra salvezza: insomma, la differenza di rango tra le due squadre c’è tutta, ma ieri sera, soprattutto nel primo tempo, non è stata così evidente. Certo, quando gli ospiti hanno alzato il ritmo, si è vista la differenza di cilindrata, i padroni di casa hanno iniziato a commettere molti più errori, ma l’impressione complessiva è stata ottima ed aumenta la convinzione che già quest’anno  il Cesena potrà fare molto bene in terza serie.

Pronti, via e SPAL praticamente subito in vantaggio al 7′ con Di Francesco, bravo a concretizzare una bella verticalizzazione di Jankovic. Nemmeno il tempo di reagire che i ferraresi raddoppiano grazie alla fisicità di Petagna, che al 14′ si libera di Maddaloni e fa 2-0. A quel punto, tutto lasciava pensare ad una goleada spallina, invece il Cesena c’è, inizia a macinare gioco, affrontando a viso aperto con aggressività e coraggio i più dotati avversari, tanto che i due gol in apertura resteranno le uniche conclusioni verso la porta di Agliardi. Sabato approfitta del corner di Russini ed accorcia al 16′, poi il Cesena si procura tre ottime occasioni per pareggiare, due volte con l’ottimo Sarao in area e poi con Rosaia da fuori. Il primo tempo si chiude quindi con la SPAL in vantaggio 2-1, ma gli applausi sono tutti per il Cesena che ha tenuto il campo alla grande.

I bianconeri hanno però speso tantissimo e dopo un ultimo sussulto di Sarao al 47′, i giocatori di Semplici riprendono il controllo delle operazioni e vanno diverse volte vicini al terzo gol, soprattutto con Petagna che spreca clamorosamente e con Kurtic che coglie la traversa. Il gol arriva comunque al 64′ con l’eterno Floccari (già segnava al Dino Manuzzi quindici anni fa…) che concretizza l’assist dell’ex D’Alessandro. Anche se si tratta di un’amichevole, il Cesena però non molla e dopo un forcing finale coglie il gol del definitivo 2-3 al 88′ con De Feudis, al secondo gol in pochi giorni. Il risultato pare tutto sommato giusto: la SPAL è più forte ed ha meritatamente vinto, il Cesena ha lottato e convinto ed ottenuto la soddisfazione di tenere testa ad una squadra di Serie A.

A fine partita, mister Francesco Modesto si è detto soddisfatto di quanto visto in campo, anche se avrebbe voluto ancora qualcosa in più dal punto di vista dell’aggressività. Resta il fatto che per il Cesena quello di ieri sera è stato un ottimo test in vista di impegni decisamente più abbordabili, ma non per questo facili, che i bianconeri dovranno affrontare con lo stesso piglio e la stessa mentalità vista contro la SPAL. A cominciare già da domenica contro la Vis Pesaro, peraltro la stessa formazione che inaugurerà il Manuzzi in campionato ai primi di settembre.

Che bello è

Al debutto in bianconero dal 1′, Manuel Sarao ha disputato una buona partita e si è reso pericoloso in svariate occasioni, tenendo in costante apprensione la difesa spallina. Lui ed il giovane Carlo Butic rappresentano una buona batteria di attaccanti centrali, che in questa stagione avranno il gravoso compito di concretizzare il lavoro sulle fasce degli attaccanti esterni e fornire un solido punto di riferimento per i centrocampisti centrali. Per quanto visto ieri sera, Sarao pare ben impostato per questo compito, anche se resta da verificare la verve realizzativa. Le premesse sono comunque positive.


Foto di Luigi Rega tratta dalla pagina www.facebook.com/calciocesenafc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *