Un brutto Cesena si fa rimontare e perde 2-1 a Vicenza

Vicenza-Cesena
Condividi questo articolo

COMMENTO – Grazie ad un rigore generoso il Cesena va in vantaggio con Sarao, ma subisce la rimonta del Vicenza e non riesce più a combinare nulla di buono

Disputa una brutta partita il Cesena a Vicenza, soprattutto nel secondo tempo, e finisce per perdere 2-1, nonostante fosse inizialmente passata in vantaggio. Portiere e difesa spesso incerti, centrocampo per lunghi tratti sovrastato dagli avversari ed un attacco praticamente inesistente: questa l’estrema sintesi della prestazione bianconera, peggiorata dal fatto che anche mister Modesto sembra averci capito pochissimo, visto che praticamente sbaglia tutti i cambi.

Dopo una lunga fase di studio che non produce niente di interessante su entrambi i fronti, a sorpresa è il Cesena a passare in vantaggio al 21′. Grazie ad un’azione di rimessa, i bianconeri si presentano nella metà campo avversaria in due contro uno, ma anziché servire il liberissimo Borello dall’altra parte, Giraudo prova la conclusione da posizione defilata e mette fuori sul contrasto con il difensore vicentino: per il direttore di gara è però calcio di rigore, ma le immagini suggeriscono che il difensore ha preso la palla prima di colpire l’avversario sullo slancio. Ma in Serie C non c’è VAR e dal dischetto si presenta Sarao, che con freddezza mette alle spalle del faentino Grandi.

Poteva sembrare l’inizio di una bella partita per il Cesena, che però da quel momento in poi, e per oltre 70 minuti, non tirerà più in porta. E così, arriva ben presto il meritato pareggio che il Vicenza ottiene con l’evidente complicità di Agliardi, il quale respinge malissimo una conclusione centrale da 25 metri mettendo la palla proprio sui piedi di Vandeputte che al 29′ fa 1-1.

La ripresa è inguardabile, visto che il Cesena gioca i peggiori 45 minuti della stagione. Il disastroso Franco atterra Giacomelli in area con un intervento scriteriato senza alcuna giustificazione, visto che falcia da dietro il fantasista senza avere alcuna possibilità di raggiungere la palla. Lo stesso Giacomelli trasforma dagli undici metri con una botta centrale, portando i suoi sul 2-1. Ci sarebbe tutto il tempo per rimediare, eravamo solo al 52′, ma i bianconeri non ne azzeccano più una e spariscono dal campo. Poi, ci mette del suo anche mister Modesto, che toglie dal campo i meno peggio, ovvero Franchini, Borello e Valencia, mentre lascia continuare Zecca, Sarao e Franco, inserendo Zerbin, Rosaia e Butic. In teoria si dovrebbe passare al modulo a due punte centrali, ma la palla là davanti non ci arriva praticamente più e quindi non lo sapremo mai… Qualche perplessità anche sull’ingresso di Valeri per Giraudo al minuto 87, ma ormai non serve a nulla recriminare poiché il Vicenza, peraltro con il minimo sforzo, ovvero limitandosi a controllare, porta a casa la vittoria e con essa il secondo posto in classifica alle spalle del Padova.

L’impressione è che, proprio Padova a parte, sia un campionato davvero modesto (con la M minuscola), ma che comunque il Cesena stia faticando parecchio ad esprimere un proprio gioco. Vero è che la classifica è quella che tutto sommato ci si era prefissati (10 punti in 8 partite), cioè quella che se conservata fino alla fine garantisce una tranquilla salvezza, ma dopo serate come quella di Vicenza c’è di che essere preoccupati.

Ora c’è da rimboccarsi le maniche e pensare al prossimo complicatissimo impegno, il match casalingo con la Sambenedettese, un avversario davvero ostico, soprattutto se niente dovesse migliorare in settimana.


Immagine tratta dalla diretta www.elevensports.it

One Comment on “Un brutto Cesena si fa rimontare e perde 2-1 a Vicenza”

  1. Non è un brutto Cesena, tutt’altro. Diciamo più debole dell’avversario, ma nel primo tempo finché intelligenza tattica e corsa hanno sopperito alla qualità della rosa abbiamo dominato. Alla lunga ha prevalso il più forte. Nel prossimo campionato, con questo allenatore e questi giocatori con un anno in più di esperienza e due innesti lotteremo certamente per fare il salto di categoria. Complimenti alla dirigenza e al settore tecnico. Forza Cesena!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *