Finalmente si torna a casa: bentornato stadio Dino Manuzzi!

Tifosi Cesena Romagna
Invia l'articolo agli amici

QUI VILLA SILVIA – Il Cesena sta preparando la prima partita che si disputerà al Manuzzi contro il Francavilla: prevista una coreografia della Curva Mare

In città si respira un entusiasmo incredibile. Ne sono la prova i 7522 abbonati (leggi Cesena, passione pazzesca: pubblico da serie A!) che domenica pomeriggio affolleranno per la prima volta in stagione il rinnovato Dino Manuzzi. Di fronte i bianconeri si troveranno il Francavilla, che in classifica ha gli stessi punti della squadra allenata da Angelini. L’evento è atteso veramente da tutti, partendo dalla società fino ad arrivare ai giocatori e soprattutto ai tifosi del Cesena. Per l’occasione il tifo organizzato della Curva Mare ha preparato una splendida e monumentale coreografia che verrà messa in atto all’ingresso delle due squadre.

Per non deludere l’attesa che il pubblico ha nei confronti di domenica pomeriggio ma anche per potersi rifare dopo il beffardo pareggio contro la Sangiustese, i bianconeri si stanno allenando duramente a Villa Silvia per presentarsi nella miglior forma possibile all’impegno contro il Francavilla. Il volto nuovo è ovviamente quello di Agliardi, che è tornato a calcare il campo del quartier generale del Cesena dopo un’estate passata ad allenarsi al Santarcangelo. Per lui sono alte le probabilità di impiego già a partire da domenica, sebbene Angelini debba risolvere la questione under. Con l’esperto portiere titolare infatti sarà necessario inserire un ulteriore classe ’99 al posto di Sarini. Con ogni probabilità si andrà dunque a ritoccare l’attacco, con Tortori che dovrebbe partire dalla panchina per fare spazio ad uno tra Andreoli e Casadei. Qualora invece Sarini fosse confermato, non cambierebbe nulla nel Cesena se non il centrale: Benassi è infatti tornato ad allenarsi e potrebbe essere schierato dal 1′ al posto di Stikas o di Zamagni, con Ciofi spostato sull’out di destra.

La partita di domenica bagnerà il ritorno allo stadio Manuzzi dopo un’estate infernale: sembrano ormai lontane le giornate di giugno e luglio durante le quali tutti i tifosi bianconeri avevano paura di dover rimanere fermi un anno senza una squadra a rappresentare la propria città. Per fortuna questa tragedia è stata scongiurata ed ora siamo pronti a tornare ad affollare le nostre tribune ed i nostri gradoni, pronti a gridare e a sostenere la squadra perché, nonostante tutto, il Cesena siamo noi!