Arzignano 0-1 Cesena, le pagelle di Cesena Mio

Arzignano-Cesena
Condividi questo articolo

PAGELLE – Il Cesena passa subito in vantaggio con Franco al 17′ poi controlla agevolmente fino alla fine, conquistando tre punti preziosi contro l’Arzignano

Il Cesena conquista la vittoria al Romeo Menti di Vicenza, opposta all’Arzignano che, prima del match, distava 5 punti in classifica ed occupava il primo posto della virtuale griglia playout. Ora, con questo meritato successo, i bianconeri chiudono il girone di andata con ben 8 lunghezze sulla zona pericolosa della classifica ed anzi si piazzano immediatamente a ridosso della top ten del campionato.

Dopo una breve fase di studio, la partita si mette subito bene per il Cesena, che conquista un calcio d’angolo con Valeri e sullo spiovente dalla bandierina passa in vantaggio dopo i tocchi di testa di Ciofi, Maddaloni e quello vincente di Franco piazzato sul secondo palo. A quel punto i bianconeri controllano e lasciano fare la partita all’Arzignano, che però si rende pericoloso solamente in un paio di occasioni: prima è bravissimo Marson a sventare il tentativo di autogol di Sabato, poi l’estremo difensore blocca in due tempi su Ferrara in chiusura di tempo. Nella ripresa ci si attende la reazione dei padroni di casa, che però si concretizza solamente con una conclusione da fuori deviata in angolo dal portiere ed un paio di mischie sbrogliate dalla difesa. Piuttosto, sono i romagnoli a fallire un paio di occasioni per chiudere il match, soprattutto quella clamorosa con Zerbin a tu per tu con il portiere vicentino nei minuti conclusivi. I 5′ di recupero assegnati inducono l’Arzignano all’assalto finale, ma la difesa è attenta e Sabato dentro l’area piccola sventa l’unica situazione potenzialmente pericolosa.

Soffrendo forse un po’ troppo, il Cesena ottiene la terza vittoria esterna di questo girone di andata (a Verona e Gubbio le altre) e si rimette in corsa per andare a caccia di un posto playoff nel girone di ritorno, fase del campionato che inizierà già sabato prossimo quando al Dino Manuzzi arriverà il lanciatissimo Carpi, secondo in classifica. Queste le pagelle di Cesena Mio:

Marson 6,5 Viene sollecitato pochissimo dall’evanescente attacco dell’Arzignano, ma quando viene chiamato in causa risponde presente, soprattutto sulla deviazione di Sabato nel primo tempo o in un paio di situazioni nella ripresa ben lette e disinnescate.

Ciofi 6,5 Sempre attento e preciso in fase difensiva, entra nell’azione del gol partita, visto che è lui a rimettere in mezzo lo spiovente proveniente dalla bandierina di sinistra.

Maddaloni 6,5 Schierato a sorpresa come centrale, se la cava con efficacia nonostante qualche piccolo affanno sulle palle alte.

Sabato 5,5 In un paio di situazioni è pescato fuori posizione e verso la metà del primo tempo ha rischiato di combinarla grossa, salvato dai riflessi di Marson. Nel finale è invece efficace nello sventare una pericolosissima situazione in area bianconera.

Capellini 5,5 Tiene la posizione e copre bene la fascia, ma si vede pochissimo in fase di costruzione della manovra e così le iniziative più ficcanti nascono tutte dalla parte opposta.

Dal 62′ Zampano 6 Un’altra mezz’ora per mettere minuti nelle gambe nella quale si propone un paio di volte con buone sovrapposizioni, mentre non rischia nulla in fase di copertura.

Franco 7 Realizza il gol partita con opportunismo e senso della posizione, visto che va diretto sul secondo palo dove arriva il pallone toccato da Ciofi e Maddaloni. Per il resto, una partita pulita in regia al pari del compagno di reparto, con il quale tiene compatta la linea e prova a rilanciare l’azione quando è possibile.

De Feudis 6,5 Partita diligente ed ordinata nella quale si conta solo l’errore che porta Valeri a dover spendere un’ammonizione altrimenti evitabile. Oggi anche un paio di proiezioni offensive in area di rigore che non sortiscono effetto, ma che contribuiscono ad alleggerire la pressione.

Valeri 6,5 Altra partita positiva del Pendolino di Roma che a tratti è inarrestabile e macina tutto quello che incontra sulla fascia. Conquista con caparbietà il corner dal quale arriva il gol e continua a ribaltare l’azione per tutta la durata del match, trovando sempre energie inaspettate.

Borello 6 Nel primo tempo è propositivo e prova spesso a saltare l’uomo per creare superiorità o pericoli alla retroguardia, poi nella ripresa è più guardingo e dà una mano alla linea di centrocampo con profondi ripiegamenti.

Butic 5,5 Combatte e si sbatte, ma risulta pressoché invisibile per larghi tratti della partita. La sua fisicità è importante per provare a tenere alta la squadra, ma non si registrano azioni pericolose (o potenzialmente tali) a suo nome.

Dal 80′ Zecca SV

Russini 6 Al pari di Borello è l’uomo con più qualità e quindi quello con le maggiori chance di mettere in difficoltà l’Arzignano: nel primo tempo ci prova spesso e con Valeri getta scompiglio nella zona di campo difensiva destra della formazione di casa, senza però riuscire a sfondare. Nella ripresa si spegne e poco prima di metà tempo viene sostituito.

Dal 62′ Zerbin 6 Entra bene in partita e gioca una buona mezz’ora, macchiata però in parte dalla clamorosa occasione fallita al 90′, quando non riesce a battere Tosi in uscita dopo il bel duetto con Zecca.

All. Modesto 6,5 La batosta di sabato scorso ha scosso la squadra e certamente è stato bravo il mister a farla reagire, presentandola combattiva e pronta a dare battaglia su un campo difficile, anche (ma non solo) per il fondo insidiosissimo. La partita si mette subito bene, è vero, ma la gestione tattica e dei cambi questa volta non può essere oggetto di critiche.


Elaborazione grafica tratta da www.wikipedia.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *