Per far bene in SerieC, meglio giocatori affermati o giovani promesse?

Migliori acquisti SerieC
Condividi questo articolo

L’ANALISI – In attesa del calciomercato, cerchiamo di capire come dovrebbe muoversi il Cesena, analizzando la rosa delle 5 squadre promosse dalla SerieC

A pochi giorni dall’inizio ufficiale del calciomercato, il Cesena sta imbastendo le prime trattative che, solamente dal 1 luglio, potranno essere ufficializzate. Sono diversi i nomi di categoria sui quali sta lavorando in questi giorni il direttore sportivo Alfio Pelliccioni (vedi Calciomercato #3 – E’ ormai fatta per Sabato. Molto vicino anche Ricci) per poter fornire a mister Francesco Modesto una rosa competitiva per affrontare al meglio il campionato di SerieC 2019/20. Ad oggi però diversi tifosi del Cavalluccio si lamentano per il fatto che non sia ancora stato accostato ai colori bianconeri un nome di spessore, che possa loro consentire di entusiasmarsi dal primo giorno del ritiro estivo.

Chi lo sa, magari è ancora presto, oppure la società ha scelto di non affidarsi  a uomini che hanno già giocato in Serie B e che quindi arriverebbero in Romagna con minori stimoli rispetto a giovani talenti che invece si devono ancora nel calcio professionistico. Al proposito, potrebbe essere interessante analizzare la rosa delle squadre che la scorsa stagione hanno vinto il campionato di SerieC per capire quale potrebbe essere la scelta vincente

Girone A: Entella e Pisa

Il Girone A ha ospitato due delle cinque squadre che sono state promosse in Serie B, ovvero l’Entella ed il Pisa. I liguri, ritornati in cadetteria dopo appena un anno dalla retrocessione, hanno deciso di puntare su giocatori di categoria superiore come Martinho, Nizzetto, Eramo, Pellizzer De Luca. Alla fine però la vera sorpresa è stata la giovane punta classe ’98 scuola Sassuolo Dany Mota, autore di 13 reti in campionato e quinto miglior marcatore del girone. Il Pisa invece, classificatosi terzo alle spalle del Piacenza, ma poi vittorioso nei playoff, ha potuto contare sull’apporto dell’eterno bomber Moscardelli, capace di segnare 8 gol in campionato e 2 ai playoff alla veneranda età di 39 anni. Oltre all’ex Cesena, hanno determinato l’ottima stagione dei toscani anche il trentenne bomber di categoria Marconi, autore di 12 gol in campionato, e l’esperto Masucci, che con 7 reti ha dato il proprio contributo alla risalita. Da segnalare inoltre nel Girone A le prestazioni del capocannoniere Tavano (17 gol con la Carrarese) e dell’ex cesenate Gliozzi (15 gol con la maglia del Siena), che però non sono riusciti a vincere i playoff.

Girone B: Pordenone

Nel secondo girone di SerieC è stato promosso unicamente il Pordenone, che ha di fatto vendicato la mancata promozione in Serie B di qualche anno fa, quando venne sconfitto in maniera rocambolesca dal Parma. Il capocannoniere della squadra è stato il giovane attaccante in prestito dal Torino classe ’97 Candellone, autore in campionato di 14 gol e 3 assist. Tra le sorprese di questa stagione ci sono i due difensori del Pordenone, ovvero De Agostini (terzino sinistro) e Barison, difensore centrale: in due hanno messo assieme 11 gol (5 le reti del primo, 6 quelle del secondo) ed entrambi hanno quasi sempre giocato in questa categoria. Uno dei migliori giocatori della squadra neroverde è stato il centrocampista Burrai, che ha messo a segno 7 reti e dispensato addirittura 15 assist per i propri compagni. L’ex giocatore del Siena, negli ultimi sei anni, ha sempre militato in C, mentre l’unica stagione in B (2013/14 a Modena) coincise con la promozione in A del Cesena. In questo girone il capocannoniere è stata un’altra vecchia conoscenza, Granoche (17 gol con la Triestina), ma altri giocatori che hanno spesso militato in B come Giacomelli e Caracciolo (12 gol con Vicenza e Feralpisalò) hanno segnato tanto, senza però condurre alla promozione la propria squadra.

Girone C: Juve Stabia e Trapani

L’ultimo girone ha visto la promozione di due squadre con qualche trascorso in Serie B. La Juve Stabia ha giocato un campionato praticamente perfetto grazie soprattutto all’apporto degli ex bianconeri MezavillaPaponi. Il centrocampista paraguaiano ha segnato 6 reti, mentre il bomber addirittura 15, classificandosi quarto nella classifica dei marcatori. In questo caso dunque le Vespe hanno fatto affidamento su giocatori esperti per la categoria, ma con un passato in B: oltre ai due citati anche i difensori Troest e Marzorati ed il centrocampista Di Roberto. Il Trapani è riuscito a tornare in B dopo appena una stagione, passando attraverso la lotteria dei playoff. I giocatori chiave di questa cavalcata che hanno già militato in B sono Evacuo (13 gol), Nzola (8 gol) e Pagliarulo, mentre nella categoria dei frequentatori della C rientrano Taugordeau (8 gol), Ferretti (6 gol) e Tulli (7 gol). Infine, sul podio dei migliori marcatori del girone troviamo la coppia della Casertana ,composta da Castaldo e D’Ursi (17 e 14 gol), insieme a Fischnaller del Catanzaro con 13 reti.

Conclusioni

Le cinque squadre promosse in Serie B hanno dimostrato di poter disporre di un nucleo di giocatori che ha partecipato a diversi campionati di cadetteria, ma anche di giovani ragazzi provenienti dalla Primavera di qualche squadra di Serie A, oltre ad un buon numero di calciatori esperti della categoria. Un perfetto mix quindi di esperienza e voglia di affermarsi. La Juve Stabia, il Trapani ed il Pisa hanno potuto contare su attaccanti di spessore per la SerieC che hanno spesso giocato in B, mentre per Pordenone ed Entella si sono rivelate vincenti le scelte effettuate nella selezione dei giovani.

A mio avviso, il Cesena dovrà essere bravo ad attirare un paio di elementi che  hanno già giocato in Serie B, ma il nucleo della squadra dovrà essere composto da giovani di categoria e ancora da scoprire per tornare ad essere una fucina di talenti come sempre stato in passato.


Immagine tratta dal sito noisamb.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *