TUTTE le pagelle di Empoli-Cesena: difesa impresentabile

Analisi Empoli-Cesena
Condividi questo articolo

ANALISI PAGELLE – A Empoli il Cesena subisce l’ennesima umiliazione della stagione ed ancora una volta è la difesa ad risultare il principale imputato

Essendo anche noi tra quelli che producono pagelle, il format post partita più amato dai lettori ed allo stesso tempo più temuto da chi le redige visto che è impossibile accontentare tutti, ci fa piacere confrontare le nostre opinioni con quelle altrui, ovvero quelle dei colleghi che si cimentano nello stesso esercizio. Il giudizio sulla prestazione di ogni singolo giocatore del Cesena, sintetizzato al massimo con il classico voto, diventa confrontabile grazie all’analisi grafica che presentiamo. Essa offre anche lo spunto per una serie di interessanti considerazioni che seguono la tabella relativa a Empoli-Cesena di ieri.

Una difesa impresentabile

Si parla di voti e di medie, per cui siamo già nel mondo dei numeri. Impietosi quelli riguardanti le ultime giornate di campionato del Cesena: 12 gol subiti nelle ultime 4 partite (media di 3 a gara), nelle quali i bianconeri hanno totalizzato solo 3 punti (media di 0,75 a gara), restando quindi inchiodati al penultimo posto della classifica con 14 punti in 15 partite (media di 0,93 a gara). Insomma, un mezzo disastro, per il quale la difesa appare la maggior responsabile, al netto del giusto ragionamento che vede tutta la squadra sotto accusa, mister in testa, quando si ottengono risultati del genere. La partita di ieri a Empoli non fa eccezione e per i 5 gol incassati è il reparto arretrato ad ottenere i giudizi peggiori: Michele Rigione (4,56) e Andrea Eposito (4,63), sopravanzano di poco Romano Perticone (4,88), con lo stesso Federico Agliardi (4,94) che partecipa al disastro collettivo. Pochissime le note positive ed il solo Gabriele Moncini (che peraltro ha giocato solo una manciata di minuti) ad ottenere la sufficienza (6,14), per una partita che lascia il Cesena nel suo complesso a 5,26 di media generale. Una giornata che presenta anche una certa disparità di giudizio tra le varie testate, che si estrinseca con un’elevata variabilità: addirittura due punti per Nicolò Fazzi e Nicola Dalmonte (da 4 a 6), che non si capisce bene come abbiano giocato; un punto e mezzo per Esposito (da 4 a 5,5), Agliardi, Kupisz e Kone (da 4,5 a 6), Schiavone e Jallow (da 5 a 6,5). Insomma, confusione in campo, ma a quanto pare anche nelle pagelle del post partita…

Anche il mister sul banco degli imputati

I timidi miglioramenti ottenuti da Fabrizio Castori all’inizio della sua avventura bis sulla panchina del Cesena sembrano essersi già volatilizzati. Anche ieri il mister è stato bocciato dai “pagellisti” che gli hanno assegnato voti per 5,21 di media, frutto di quattro 5 e tre 5,5.

Cesena Mio è la testata più severa

Non che gli altri siano poi molto distanti, ma nelle pagelle di Cesena Mio si riscontra l’unico valore medio inferiore al 5, ovvero un 4,92 (-0,34 rispetto alla media generale) che è anche la media di giornata più bassa. All’estremo opposto si pone La Gazzetta dello Sport che ha assegnato voti per 5,69 (+0,43 sul benchmark).

Qui l’archivio di Tutte le pagelle del Cesena 2017/18


Immagine tratta dal sito www.legab.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.