A questo punto, dovremmo stare tutti con Castori !

Castori esulta in Cesena-Spezia
Invia l'articolo agli amici

OPERAZIONE IANUS – Il pareggio di Salerno rappresenta un punto guadagnato, anche grazie alle scelte di mister Castori, che non poteva fare diversamente

Di questi tempi, un punto in una trasferta come quella di Salerno è sempre un punto e vale sicuramente oro. E anche se il pareggio pare più che giusto, rimane un po’ di amaro in bocca, perché per come si erano messe le cose nel secondo tempo e la superiorità mostrata in campo, il Cesena questa partita avrebbe potuto anche vincerla. Vincere in casa della Salernitana avrebbe significato lavare in parte quel peccato originale che questa squadra si porta dietro da sempre, ovvero i troppi cali di concentrazione ed i conseguenti punti lasciati per strada, come ad esempio le rimonte subite in doppio vantaggio, senza le quali la classifica della formazione di Fabrizio Castori oggi sarebbe ben diversa.

Sabato pomeriggio, dopo un primo tempo in affanno nel quale il Cesena ha subito troppo le incursioni sulla fascia sinistra, complice Fazzi sottotono, ma terminato fortunosamente in vantaggio grazie a tre miracoli di Fulignati ed agli errori dei granata, il secondo tempo ha visto i bianconeri prendere decisamente in mano le redini del match, anche grazie ad un atteggiamento spavaldo e ben diverso da quello rinunciatario ed esclusivamente votato al pareggio, mostrato in altre simili occasioni. Il bello del calcio sta anche qui: nei primi 45′ meriti di prendere tre gol ed invece li chiudi in vantaggio, ma poi quando giochi bene e puoi chiuderla, allora subisci il pareggio. Peccato davvero per le belle ripartenze nelle quali però i nostri hanno mancato di lucidità nell’ultimo tocco e che diversamente avrebbero potuto regalarci i tre agognati punti.

Da segnalare un’altra ottima prestazione di Moncini, che ancora una volta ha dimostrato ampiamente di poter reggere il peso del reparto offensivo, facendosi trovare nel posto giusto al momento giusto. Così come positiva è stata la partita di Dalmonte, che nelle ultime settimane ha ritrovato la continuità di rendimento, anche grazie alla posizione più avanzata sul terreno di gioco che ne esalta le caratteristiche. Convincenti infine le scelte di mister Castori, che si è trovato ad organizzare una trasferta così importante con gli uomini contati e senza alternative in difesa ed in attacco, alternative che sarebbero invece servite, soprattutto quando Moncini esausto è stato forzatamente sostituito da un centrocampista. E perché non Chiricò, si continuano a chiedere in tanti? Al proposito, io ritengo che un giocatore non vada valutato solo per le sue qualità individuali, ma piuttosto vada inserito in un contesto di squadra, fatto anche di delicati equilibri da mantenere. Ecco perché comprendo la scelta del mister, che per il gioco di questo Cesena non ritiene opportuno schierare contemporaneamente due giocatori come Laribi e Chiricò, entrambi amanti del gioco palla al piede, ma piuttosto tenere questa soluzione tattica per rimediare a partite ormai compromesse. Una mossa che, per altro, fino ad ora non ha sortito effetti, con buona pace dei tanti critici a prescindere!

A questo punto del campionato, con questa classifica ed alla vigilia di una partita importante come quella di martedì sera contro il “rullo compressore” che si chiama Empoli, penso sia utile che ognuno dia il massimo, dentro e fuori dal campo, stringendosi attorno alla squadra. L’invito è rivolto a tutti gli scettici, non sempre convinti delle scelte tecnico-tattiche della panchina bianconera: considerando cos’era questa squadra quando Castori l’ha presa in mano e l’assenza di una società che continua a versare in condizioni precarie, penso che i problemi del Cesena siano molto più profondi e radicati nel passato di un cambio non effettuato o di una formazione discutibile.


Immagine tratta dal sito www.legab.it

16 Comments on “A questo punto, dovremmo stare tutti con Castori !”

  1. Speriamo che le motivazioni dell’ EMPOLI non siano di chiudere la pratica serie A stassera e i nostri ragazzi facciano il massimo come hanno sempre fatto

  2. stefano, secondo te cambiando adesso il nuovo allenatore farebbe in tempo ad incidere? (anche considerando il calendario) io l avrei cambiato (almeno) prima di novara, ora mi sembra evidente che rimarra lui fino alla fine, e non ci resta che sperare..sicuramente il pareggio a salerno non è un buon risultato visto le squadre che mancano..e qua sembrano tutti contenti di averlo fatto..

  3. Martedì sera voglio solo incitamento ai nostri ragazzi. Allenatore giocatori e NOI .
    Solo uniti si rimane in questa splendida categoria. Dai burdel.

  4. Mi dispiace ma non concordo…proprio perchè sono tifoso del cesena non sto con Castori….perchè sono convinto che la maggior parte degli allenatori ci porterevvero ad una salvezza tranquilla….mentre questo TEMO FORTEMENTE che ci farà retrocedere.
    SPERO TANTO DI SBAGLIARMI

  5. Gianluca Ambrogetti Visto che sono stata chiamata in causa volevo chiarire che nel corso della stagione sono stata a volte d’ accordo, a volte menu con le scelte del Mister a cui attribuisco comunque il merito di avere rivitalizzato una squadra alla canna del gas.
    Penso però che giunti a questo punto cruciale della stagione debbano prevalere su tutto L’ amore per il Cesena e L’ attaccamento alla maglia remando tutti nella stessa direzione …
    Altrimenti che TIFOSI saremmo?!
    ☺️

  6. Purtroppo temo che ce ne accorgeremo alla fine quanto serviranno questi pareggi pesantissimi……a niente.
    Con Castori stateci voi…per me andava esonerato gia da mesi…anzi sta storia della società della squadra come era prima sta diventando un alibi troppo comodo per quell incompetente cocciuto che per me sarà nel caso l UNICO colpevole della probabile retrocessione, dato che a mio avviso pur con tutte le carenze la rosa si sta dimostrando piu che competitiva, ed in mano ad un allenatore normale, niente di che , ma normale. si salverebbe tranquillamente.
    Se si trattasse di uno , due …tre cambi sbagliati sarei anche d accordo , ma qui è mesi che va avanti sta storia….un incubo.
    Comunque vada mi auguro di non rivederlo mai piu a cesena se non da avversario….punto.

    Commissariatelo anche nelle sostituzioni!!!!!!

  7. senza contare che oltre a formazioni e cambi conta anche l atteggiamento, e anche quello lo trasmette il mister, non certo la società. Anche i muri hanno visto che il cesena ha troppo spesso paura, ultimamente qualcosa sembra(!) cambiato, l’ augurio è che la rondine stavolta faccia primavera, il periodo è quello giusto.

  8. Sono d’accordo con il titolo (castori fino a prova contraria è l allenatore del cesena, e a questo punto bisogna stringersi attorno al cesena e sperare..) ma non con l articolo. Che la mossa chiricò non abbia mai funzionato mi aspettavo che prima o poi qualcuno lo dicesse..ma non funziona cosi..criricò non è un cane pastore e quando i buoi sono scappati non puo farci nulla, bisognava dargli la possibilità di giocare e prendere la condizione, non farlo entrare gli ultimi 5 minuti in situazioni disperate con gli avversari ormai chiusi e poi dire…visto? non ha funzionato..questo è disonesto. inoltre la salvezza si ottiene giocando le partite, e la società non gioca le partite, le gioca la squadra…dunque formazioni e cambi non sono un dettaglio insignificante come si vorrebbe incredibilmente far passare (mentre inciderebbe di più e non si sa come l assenza della società, ma non scherziamo): sono la sostanza!
    forza cesena!!!

  9. Vista la sua esagerata popolarità direi che il calcio è il meno serio fra tutti gli sport. Però ho anche notato che in molti riescono a dare il meglio di sè nei momenti di “cazzeggio” che il parlare di calcio e squadre del cuore riesce a portare tra i tifosi. D’altra parte non è forse vero che la qualità migliore di informazioni è quella che ci si scambia davanti alla macchina del caffè? O che tutti abbiamo bisogno, durante la giornata, di DEPRESSURIZZARE per qualche attimo?

    Quindi avanti alla chiacchera! Ma di quella migliore!!!!!

  10. Mi sono autoimbavagliato ahahaha…
    Bimbi, ogni tanto ricordiamoci che il calcio è un gioco e che anche questa pagina è un gioco…
    Se era serio, mica facevano scrivere un divano.
    Quanto alle dietrologie, le lasciamo a chi evidentemente le pratica (il doppio senso è involontario) e ci si diverte pure. Cesena Mio non ha un davanti e un didietro, quello che pensa dice (piaccia o non piaccia, ma c’è l’art. 21 della Costituzione che ci protegge)
    W Castori, abbasso Castori, meglio l’eccellenza di questa dirigenza, Castori vattene, Castori solo tu ci puoi salvare, Drago na mmerda, come Drago nessuno più, meno male che Foschi c’è, ci vuole il bel gioco, il bel gioco non porta punti.

  11. Caro Gianluca, ti sbagli, non c’è alcuna presa di posizione. Cesena Mio è un blog dove si confrontano opinioni talvolta diverse, frutto di otto diverse teste pensanti. Il filo conduttore è la passione per la scrittura e l’amore per il Cesena. Non ci sono ordini di scuderia, ne opinioni preconfezionate da esporre. I soli limiti, ormai arcinoti, sono il rispetto delle idee altrui, il rifuggere la violenza verbale, evitare provocazioni, allusioni o ironie nei confronti di chi, legittimamente, ha un’opinione diversa da quella di chi scrive. Peraltro firmandosi di volta in volta in calce al proprio articolo. Cesena Mio è di tutti, non degli “anti x” o “pro y”.

  12. Se non lo hanno cacciato prima ora non conviene spero di sbagliarmi di grosso nel dire sempre che dopo la vittoria sulla PRO io gli avrei dato il benservito adesso tutti attorno ai ragazzi forza CESENA

  13. Molto bene, con questo post si prende una posizione chiara! Discutibile, ma netta. L’azienda è in rovina. La squadra naviga a vista senza progetti per il futuro, ma tutto è ancora attivo. Fino alla fine, FORZA CESENA!

Comments are closed.