Simone sulle tracce di papà Maurizio “el segna semper lù” Ganz

Simone Ganz
Invia l'articolo agli amici

FIGURINE – Nel folto e qualitativo reparto avanzato del Pescara troviamo anche Simone Ganz, figlio del celebre Maurizio, bomber di Atalanta, Milan ed Inter

Poichè le squadre di stampo zemaniano sono rinomate per reparto avanzato, risulta quasi impossibile non attingere dall’attacco pescarese il protagonista odierno delle nostre “Figurine”. Oggi parliamo infatti di Simone Ganz, attaccante 24enne, approdato in Abruzzo nel orso dell’ultimo mercato estivo. Simone appartiene alla ristretta cerchia dei figli d’arte: suo padre Maurizio, anch’egli attaccante (e che attaccante!) ha vestito maglie molto prestigiose come quelle di Sampdoria, Parma, Brescia, Atalanta, Milan, Inter e Fiorentina.

Il giovane Simone, seguendo le orme paterne, è partito dal Milan, la squadra dove giocava il padre quando ha iniziato. E proprio con i rossoneri si è tolto la grande soddisfazione di esordire in prima squadra: l’occasione è arrivata nel 2011 sul prestigioso palcoscenico della Champions League, quando in un Bate Borisov – Milan è subentrato a Robinho nel finale di partita. Per fargli fare la necessaria esperienza, all’alba del campionato 2013/14, il Diavolo rossonero lo ha ceduto in prestito al Lumezzane, ma questa esperienza si è rivelata piuttosto negativa e così, già a gennaio, il Milan lo ha dirottato al Barletta. Purtroppo per lui, nemmeno in Puglia le cose sono andate bene e le due parentesi in prestito si sono concluse con il deludente bottino di 18 presenze e nessun gol. A quel punto il Milan, nell’estate del 2014, lo cede a titolo definitivo al Como e finalmente Ganz dimostra di che pasta è fatto, realizzando ben 4 gol nei playoff di Lega Pro che trascinano i lariani in serie B. Nel successivo campionato cadetto, Simone si ripete, mettendo a segno ben 16 reti in 35 presenze, ma nonostante i suoi tanti gol, il Como non riesce ad evitare il ritorno in terza serie. Tuttavia, qualcuno di molto importante si accorge di lui e nell’estate del 2016 la Juventus acquista dal Como il cartellino di Simone Ganz e lo gira in prestito all’Hellas Verona, squadra con la quale segna 4 reti in 21 partite e centra la promozione in serie A (tra l’altro festeggiata proprio al Dino Manuzzi, dopo lo 0-0 contro il Cesena del maggio scorso).

Nonostante le buone prestazioni fornite a Verona, la Juventus ha comunque deciso di rinunciare al giovane attaccante, che l’estate scorsa si è accasato al Pescara: evidentemente il Delfino del Presidente Sebastiani e di mister Zeman crede molto nel ragazzo e punta su di lui, avendolo acquistato a titolo definitivo e blindato con un contratto quadriennale. Simone Ganz tenterà nel corso di questa stagione di consolidare le sue doti di attaccante rapido ed imparare dai compagni dell’aggueritissimo reparto avanzato pescarese, composto da grandi giocatori come Stefano Pettinari, già a segno 11 volte da inizio campionato, il promettente Leonardo Mancuso, arrivato in estate dalla Sambenedettese dopo essersi fatto notare a suon di gol in Lega Pro e Andrea Cocco, ben conosciuto a Cesena per la sua parentesi di sei mesi lo scorso anno.

Non esiste la ricetta perfetta per i giovani giocatori, ciascuno ha una propria storia e particolari necessità. Persino il trascorrere del tempo sembra diverso da giocatore a giocatore: c’è chi esplode a 16 anni e poi magari si perde per strada, oppure chi arriva a sfondare molto più tardi, dopo aver girovagato a lungo. Vedremo quale sarà il destino di Simone, ma c’è da scommetterci che con un predigree come il suo, prima o poi, il successo arriverà. Del resto è figlio di Maurizio “el segna semper lù” Ganz…


Foto di Daniele Buffa – Image Sport tratta dal sito www.tuttosport.com

Ricerca personalizzata
About Rinaldo Belleggia 127 Articles

Rinaldo Belleggia è marchigiano di nascita ma cesenate d’adozione. Come spesso accade, la Romagna gli è entrata nel cuore anche grazie al Cavalluccio, ma ciononostante si ostina a rimanere un gobbo … Ha collaborato con Radiogol24 ed il Corriere di Romagna, ora è il deus ex machina, regista e conduttore di Radio Tifoso, la trasmissione di approfondimento sportivo della web radio universitaria Uniradio Cesena. Con grande passione e dedizione si diletta con personaggi, aneddoti, storie e statistiche del calcio.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*