SerieB #8 – Improta fa volare il Bari, Castiglia giustizia il Perugia

SerieB 8
Invia l'articolo agli amici

CAMPIONATO – Sono ancora due ex Cesena le sorprese di SerieB: Improta affonda l’Avellino mentre Castiglia segna una doppietta al Perugia

In questa ottava giornata di SerieB le squadre che occupavano le prime posizioni di classifica non sono riuscite a vincere, equilibrando come non mai il campionato: da quando è stata introdotta la formula a 22 squadre, il massimo distacco raggiunto dopo otto giornate tra prima e ultima è stato infatti di 9 punti nella stagione 2014/15, mentre ad oggi la differenza è di appena 7 misure. Il risultato più inaspettato è senza ombra di dubbio quello del Perugia, che contro ogni pronostico perde in casa contro la Pro Vercelli per 1-5. I Grifoni, passati subito in svantaggio con Legati, pareggiano con Belmonte, ma l’espulsione di Pajac al 40′ condiziona parecchio l’andamento del match e cosi gli ospiti dilagano grazie alla doppietta dell’ex Cesena Castiglia e alle reti di Vives e Morra. Da segnalare che i piemontesi sino a due giornate fa erano il peggior attacco di serieB con appena 3 reti messe a segno, mentre ora dopo le vittorie di larga misura con Cesena e Perugia risultano il quinto miglior reparto offensivo del campionato.

Altra sconfitta inaspettata è quella del Frosinone, che cade 2-1 a Novara: il gol di Soddimo non basta ai ciocari, superati dalle reti di Chajia (un interessante esterno d’attacco classe ’98, proveniente dall’Oostende) e dall’autogol di Beghetto. Maggiormente prevedibile invece la sconfitta dell’Avellino in casa del Bari, con i biancorossi che rimontano lo svantaggio iniziale di Kresic grazie all’eurogol di Improta – vero e proprio trascinatore del Bari in questo avvio di stagione, con già 6 gol all’attivo – e al rigore di Galano. Infine il Palermo, unica squadra ancora imbattuta, non riesce ad andare oltre l’1-1 contro il Parma (rete di La Gumina per i rosanero e di Gagliolo per i Ducali, ancora una volta a segno su palla inattiva).

Nemmeno nelle altre partite sono mancati gol e colpi di scena. Significativo in questo senso il 3-3 tra Cremonese e Ternana: i lombardi passano in vantaggio con Piccolo (su calcio di rigore procurato dall’ex bianconero Cinelli), ma sul finire di primo tempo crollano sotto i colpi di Carretta, Signorini e Albadoro, rimontando poi nella ripresa con Scappini e Mokulu. Colpaccio poi del Cittadella in casa del Pescara: i granata centrano la terza vittoria nelle ultime quattro partite grazie ai gol di Siega e Adorni, difensore classe ’92 ex prodotto del viviaio cesenate; per il Pescara gol della bandiera di Benali. Vittorie anche per Entella, Venezia ed Empoli, che si lanciano a pochissimi punti dalla vetta: i liguri strapazzano 3-0 il Brescia (De Luca, Brivio e La Mantia), la squadra di Inzaghi supera di due reti il Carpi (Marsura, Pinato), mentre i toscani vincono agevolmente contro il Foggia 3-1 grazie alla premiata ditta Caputo-Donnarumma (doppietta per il primo, ora capocannoniere del campionato con 8 centri). Di Mazzeo la rete dei satanelli, ora fanalini di coda assieme a Ternana e Cesena. Infine pareggio a reti bianche nell’anticipo tra Salernitana e Ascoli.


Immagine tratta dal sito magicapro.it

Ricerca personalizzata

1 Commento

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*