SerieB #47 – Il Frosinone torna in A tra le polemiche, il Cosenza agguanta la Serie B

Cosenza promosso in Serie B
Invia l'articolo agli amici

CAMPIONATO – I ciociari tornano dopo due anni in massima serie grazie alla vittoria per 2-0 contro il Palermo, mentre calabresi approdano in Serie B vincendo 3-1 contro il Siena

Sono giunti finalmente al termine sia i play-off di Serie B che quelli di Serie C, che hanno decretato l’ultima squadra a salire in A e anche l’ultima a salire in cadetteria. Se riguardo ai primi non sorprende più di tanto che sia stato il Frosinone ad aver avuto la meglio, desta invece stupore che i secondi se li sia aggiudicati il Cosenza. Procediamo però per ordine analizzando le ultime due partite della stagione 2017/18.

Play-off Serie B

Nonostante avesse perso la gara di andata, al Frosinone bastava battere il Palermo con qualsiasi risultato per centrare il ritorno in Serie A. Eppure sono stati i rosanero a partire meglio e a collezionare due ottime palle gol con Murawski e Coronado, sulle quali il portiere Vigorito è stato costretto ai miracoli. I gialloblu si sono ripresi però nella seconda frazione di gara e hanno sbloccato la partita al 52’ con una splendida conclusione da fuori di Maiello, lasciato inspiegabilmente troppo libero di calciare. Da lì in poi il Frosinone ha giocato sulle ali dell’entusiasmo e ha gestito al meglio la partita, anche se il Palermo è andato su tutte le furie per il rigore prima concesso su Coronado e poi convertito in punizione dal limite dal direttore di gara. A tempo scaduto è arrivato inoltre in contropiede il gol di Ciano, che lanciato da Kone in contropiede, non si è fatto intimidire dall’uscita di Pomini e ha fatto impazzire di gioia i tifosi di casa, ormai demoralizzati dopo aver visto sfumare la promozione tante volte in queste ultime due stagioni.

Play-off Serie C

Dopo ben 15 anni il Cosenza torna in Serie B. Una promozione sulla quale in pochi avrebbero puntato: i calabresi infatti, essendo arrivati quinti in campionato, hanno dovuto affrontare tutte le nove partite dei play-off, e già essere arrivati in finale contro il Siena pareva un miracolo. Invece, nonostante i toscani avessero disputato quattro partite in meno, la stanchezza non ha influito; anzi è proprio stato il periodo di forma attraversato dalla squadra di Piero Braglia a risultare decisivo per le sorti del match. Dopo una mezzora sonnolenta, i lupi sono passati in vantaggio con Bruccini, che di piatto ha battuto Pane dopo essere stato servito magistralmente da Tutino. Il Siena non si è ripreso e così prima ha rischiato di capitolare a fine primo tempo quando Mungo ha sprecato da buona posizione, poi al 48’ ha subìto il 2-0 di Tutino, il quale ha trovato un eurogol da fuori area. I toscani hanno provato a riaprire la partita quando Marotta si è procurato e ha trasformato il rigore al 73’, ma il Cosenza è tornato a padroneggiare e nel giro di 15 minuti ha chiuso la pratica con il potente e vincente diagonale di Baclet. Vittoria quindi super meritata per i rossoblu che, avendo eliminato squadre del calibro di Trapani, Sambenedettese e Siena, hanno davvero fatto un miracolo!


Immagine tratta dal sito lastampa.it

About Matteo Magnani

Matteo Magnani è fedele tifoso del Cesena fin dalla tenera età di 8 anni, grazie alla grande passione trasmessagli dal padre. Studia Giurisprudenza nel campus di Ravenna e da oltre tre anni è uno degli apprezzati editor della pagina facebook emergente Per chi ama il Cesena, dove ha iniziato a muovere i primi passi nel mondo dell’editoria digitale, rigorosamente seguendo con passione (e spesso anche apprensione) le vicende del “suo” Cesena calcio.

View all posts by Matteo Magnani →

One Comment on “SerieB #47 – Il Frosinone torna in A tra le polemiche, il Cosenza agguanta la Serie B”

  1. Felicissimo x la promozione del Cosenza in serie B, in qualche modo il calcio di questa città é legato ad un piccolo paese della Romagna, anche tristemente.
    Il legame odierno è con Baclet, autore di un gol in finale e che mosse i primi passi calcistici italiani nel 2004 proprio a Russi.
    Quello triste, o con epilogo veramente devastante, è legato al nome di Denis Bergamini, il calciatore suicidato, come il titolo del libro sulla sua vicenda umana e calcistica.
    Lui passò direttamente dal Russi ai lupi cosentini…. poi l’inizio e la conferma di una brillante carriera a livello agonistico e la fine in un pomeriggio di pioggia del 1989.
    Fine di una vita, inizio di un incubo oscuro di menzogne, falsità, omertà, un incubo dal quale solo negli ultimi tempi la famiglia comincia a vederne la luce: Donato Denis Bergamini è stato ucciso.
    Bentornati Lupi della Sila, ma sempre forza Cesena!

Comments are closed.