Riccardo Bocalon specialista in gol decisivi

Riccardo Bocalon
Invia l'articolo agli amici

FIGURINE – Nell’attacco della Salernitana domani al Manuzzi ci sarà Bocalon, l’ex bomber dell’Alessandria, uno che che di gol “pesanti” ne ha fatti parecchi

Due settimane fa, nel match vinto dalla sua Salernitana per 2-1 contro l’Empoli, il 28enne attaccante Riccardo Bocalon ha realizzato la sua seconda doppietta in serie B. Gol che hanno regalato tre punti al suo nuovo club ed imposto all’attenzione del campionato un ragazzo che di gol ne ha segnati tantissimi, seppur in terza serie (ma non solo). Domani il bomber veneziano sarà di scena al Dino Manuzzi e per la difesa bianconera sarà un avversario da prendere con le molle…

Cresciuto nelle giovanili del Treviso prima e dell’Inter poi, Bocalon approda nel calcio dei “grandi” con la maglia del Portogruaro, per una delle tante favole che il calcio italiano sa spesso regalare, una Cenerentola che per una notte partecipa al ballo delle principesse. Infatti, il campionato di Lega Pro 2009/10 segna la storia del club veneziano attraverso l’inaspettata quanto trionfale promozione in serie B che, guarda caso, porta la firma di Riccardo Boccalon, il quale segna il gol decisivo nella vittoria di Verona all’ultima giornata: per l’allora 21enne centravanti di proprietà dell’Inter è il primo gol “pesante” di una carriera che molti già preannunciano splendida. Invece le cose non andranno subito per il verso giusto e l’approdo in serie B sarà piuttosto complicato, sia per la squadra che per Riccardo che infatti, a gennaio e dopo 11 presenze e nessun gol, inizia un girovagare in prestito che lo condurrà al Viareggio, Cremonese, Carpi e Sudtirol, senza che lasci particolari segni di sé.

La svolta nella carriera di Bocalon arriva però con il ritorno a casa (e la discesa di categoria): nel gennaio 2013, visto che a Bolzano il ragazzo non esplode, l’Inter lo presta al Venezia in Seconda Divisione e lui subito rinasce. Con 6 gol in 11 partite Riccardo trascina i lagunari ad una clamorosa rimonta in classifica che li porta fino ai playoff promozione: la finale di ritorno a Monza è decisa proprio da una doppietta di Bocalon per il 2-3 conclusivo, che significa promozione per il Venezia. L’anno successivo, in Prima Divisione, l’attaccante realizza ben 17 gol e chiude al secondo posto nella classifica dei marcatori. Si ripete l’anno successivo a Prato, dove realizza altri 16 gol, prima del passaggio all’Alessandria, questa volta a titolo definitivo, nell’estate del 2015.

Con la prestigiosa maglia dell’Alessandria arrivano altre imprese per Bocalon, che in Piemonte realizza la bellezza di 39 gol in 83 partite nell’arco di due stagioni, entrambe ricche di soddisfazioni. La prima è quella della clamorosa cavalcata dei grigi in Coppa Italia (un’altra bella storia di una Cenerentola al ballo): Riccardo segna nei supplementari della partita contro il Genoa il gol che porta l’Alessandria ai quarti di finale, turno nel quale la sua doppietta allo Spezia regala ai piemontesi una storica semifinale contro il Milan. La seconda stagione è ancor più favolosa per lui, se non altro a titolo personale, visto che realizza ben 20 gol in 37 partite di regular season, per una media realizzativa stratosferica.

All’età di 28 anni, maturato dalle tante battaglie in terza serie e dai tanti palloni messi alle spalle dei malcapitati portieri, Bocalon è finalmente pronto per il ritorno in serie B, categoria che lo aveva respinto sette anni prima a Portogruaro. La Salernitana infatti decide di puntare su di lui in un attacco che comunque dispone già di pezzi da novanta come Rodriguez e Donnarumma: il contratto triennale che viene sottoscritto è sinonimo di grande fiducia, subito ripagata dal ragazzo. Dopo una prima partita di ambientamento, nella seconda è già doppietta (Salernitana-Ternana 3-3), cui segue la doppietta all’Empoli di cui si è già parlato in apertura.

E così, 4 gol in 11 partite è il biglietto da visita con cui Riccardo Bocalon si presenta al Dino Manuzzi, uno stadio nel quale non ha ancora segnato. Finora…


Immagine tratta dal sito www.salernogranata.it

Ricerca personalizzata
About Stefano Manzi 267 Articles

Impiegato e padre di famiglia, perdo ancora tempo come blogger ed eterno aspirante giornalista: dopo aver scritto per Il BiancoNero Magazine e la Federazione Italiana Sostenitori Squadre di Calcio, da settembre 2014 sono nella redazione zona sport di Destrosecco. Recentemente ho aperto il blog Cesena Mio e talvolta mi si può ascoltare come opinionista sportivo a UniRadio Cesena. Oltre all’amato Cesena calcio, seguo con immensa passione il ciclismo professionistico ed il rugby union, sport dei quali ho scritto per anni su Facebook, nonché sui siti web chorse.it e freeforall.it.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*