Gli ultimi due precedenti contro il Carpi sorridono al Cesena

Carpi-Cesena nontiscordar
Invia l'articolo agli amici

NONTISCORDARDIME’ – Il Carpi ha giocato in Eccellenza e in Serie A, grazie anche all’attuale tecnico del Cesena, Fabrizio Castori…

Dopo aver trovato una sofferta ma rincuorante vittoria contro lo Spezia, il Cesena affronterà in trasferta il Carpi sabato pomeriggio (ore 15:00). I bianconeri si presenteranno in Emilia all’ultimo posto in classifica alla pari di Ternana e Foggia. Il dato interessante riguarda la distanza che intercorre dall’ultimo posto al primo: il Cavalluccio è ad appena 7 punti dalle prime della classe (Empoli, Palermo e Frosinone sono a quota 14).

Passando alla storia del Carpi, sorprende (fino a un certo punto) come la piccola realtà del modenese negli ultimi due decenni abbia scalato metà delle categorie calcistiche del campionato italiano. Il punto di partenza può essere fissato all’inizio del nuovo millennio. Difatti tra il 1999 e il 2000 la squadra biancorossa ha subito l’onta del fallimento e nell’arco di pochi mesi si è ritrovata dalla vecchia Serie C2 all’Eccellenza. I carpigiani vennero inseriti nel girone con le romagnole: Massalombarda, Cervia, Castrocaro e Savignanese. Grazie all’aiuto dell’imprenditore locale Franco Cavicchioli, che in seguito passerà la società a Fausto Salami, gli emiliani in appena due anni ritornarono in Serie D. Decisive, per i ragazzi guidati da Raffaello Papone, furono le vittorie agli spareggi nazionali contro Massalombarda e Sacilese.

Di sicuro nel giugno 2002 nessuno avrebbe immaginato che appena 13 anni dopo il Carpi avrebbe raggiunto l’apoteosi della promozione in Serie A. Un traguardo che arriverà proprio sotto la guida dell’attuale tecnico del Cesena, Fabrizio Castori. Il massimo campionato ha visto i carpigiani arrivare a due passi dalla salvezza, retrocedendo beffardamente in Serie B solo dopo il fischio finale dell’ultima giornata. Castori e il Carpi non si sono persi d’animo e ci hanno subito riprovato a tornare in Serie A. Nel maggio scorso difatti i biancorossi sono giunti sino alla finale play-off di B dopo le imprese in trasferta contro Cittadella ma soprattutto Frosinone. Purtroppo per gli emiliani però la finale è stata persa contro il Benevento.

Nello scorso campionato il Carpi è stata una delle (poche) vittime preferite dal Cesena, che ha vinto sia all’andata che al ritorno. Al Cabassi la sfida terminò 2-1 per i ragazzi di Camplone: sotto una pioggia battente i gol di Balzano e Cocco regalarono la prima vittoria stagionale in trasferta al Cavalluccio. Fondamentale fu poi la vittoria della stagione 2013/14, quella della seconda promozione di Bisoli in A col Cavalluccio: Krajnc e Rodriguez nel finale regalarono tre punti ai bianconeri nonostante la rete messa a segno su rigore da parte di Ardemagni.

Ex Cesena: Ligi, Saric.
Ex Carpi: Castori.

Precedenti al Cabassi: 9
Vittorie Carpi: 2
Vittorie Cesena: 6
Pareggi: 1

Ultima vittoria Carpi: 1957/58 (3-1 Onesti [3])
Ultima vittoria Cesena: 2016/17 (1-2 Bianco [Rig.], Balzano, Cocco)
Ultimo pareggio: 1997/98 (1-1)

Precedente con più reti totali: 1957/58 (3-1)
Sconfitta più larga del Cesena: 1951/52 (3-0 Spaggiari [2], Cuoghi)
Vittoria più larga del Cesena: 1958/59 (0-2)


Immagine tratta dal sito gazzetta.it

Ricerca personalizzata
About Rinaldo Belleggia 111 Articles
Rinaldo Belleggia è marchigiano di nascita ma cesenate d’adozione. Come spesso accade, la Romagna gli è entrata nel cuore anche grazie al Cavalluccio, ma ciononostante si ostina a rimanere un gobbo ... Ha collaborato con Radiogol24 ed il Corriere di Romagna, ora è il deus ex machina, regista e conduttore di Radio Tifoso, la trasmissione di approfondimento sportivo della web radio universitaria Uniradio Cesena. Con grande passione e dedizione si diletta con personaggi, aneddoti, storie e statistiche del calcio.

1 Commento

  1. li Castori da fare giocare certo i giocatori li aveva non come a cesena che non ha neanche un attaccante a carpi aveva Lasagna ora serie A tutto nostro buono in B quindi qualcuno sarebbe anche rimasto ma via per soldi tutto buono ed ora nemmeno un attaccante da mettere in campo speriamo uno per fare un gol ci sia come l’altra sera in casa Forza Cesena

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*