Quella volta che… il Perugia ingaggiò un cinese, tale Ma…

Ma Mingyu - Cina e Perugia
Invia l'articolo agli amici

NONTISCORDARDIME’ – Il Perugia del vulcanico Presidente Luciano Gaucci nel 2000 operò il primo storico ingaggio di un calciatore cinese, tale Ma Mingyu

Il secondo turno infrasettimanale di serie B, in programma domani sera in occasione della 11^ giornata, riserva al Cesena la vicina trasferta di Perugia (appena 156 chilometri di superstrada dividono le due città). I bianconeri, forti del 3-3 in rimonta contro il Foggia, si presentano al Curi con il morale rinfrancato, mentre si è allungata a 4 la serie di sconfitte consecutive del Grifo, battuto 4-2 a La Spezia.

Passando dal rettangolo di gioco ai ricordi storici che contraddistinguono questa rubrica, torniamo indietro di 17 anni, all’estate del 2000. Il Presidente del Perugia è il vulcanico Luciano Gaucci, divenuto celebre in quegli anni anche per aver allestito squadre con giocatori di nazionalità allora ancora esotiche: come dimenticare infatti i vari Nakata (Giappone), Ahn (Corea del Sud) e Razaei (Iran). Tra i vari arrivi “inconsueti”, prima di un certo Saadi Gheddafi nel 2003 (il figlio dell’allora dittatore libico), ci fu anche un certo Ma Mingyu, il capitano della nazionale cinese, primo giocatore della Repubblica Popolare ad approdare in Italia. Per trattare questo singolare episodio ci affidiamo al racconto del giornalista del Corriere dello Sport Furio Zara (vedi Furio Zara racconta l’arrivo in Italia di Ma Mingyu e la squadra Risiko di Gaucci) dalla pagina di Blog Calcio Cina, visto che fu lui il primo ad accogliere Ma all’aeroporto di Fiumicino.

“… Aveva ventotto anni, o forse trenta e pure di più, come tradivano i lineamenti del viso, le rughe, lo sguardo che aveva perso la gioventù, diciamo che ci fu un po’ di confusione in merito, era capitano della Nazionale, giocava a centrocampo, così ci raccontò. Non c’era nessuno ad aspettarlo all’aeroporto. Il nostro cronista, con grande saggezza, appena lo vide gli gettò al collo una sciarpa del Perugia opportunamente rimediata da qualche parte… Per prima cosa Ma, che non parlava alcuna lingua se non il dialetto cinese, disse con l’aiuto dell’interprete che si sentiva ‘come una finestra’. Cercai di capire cosa intendesse, mi spiegò di ‘essere orgoglioso di giocare in Italia, Perugia rappresentava una grande occasione’ e lui voleva ‘far conoscere il calcio cinese agli italiani’. L’interprete ci confidò che quando Ma se n’era andato da Cheng-Du, al campo di allenamento erano arrivati più di mille tifosi, tutti per lui, per fargli l’in bocca al lupo. Era uno che ce l’aveva fatta… Il Perugia l’aveva comprato dallo Sichuan-Quanxing. Prestito gratuito di un anno con diritto di riscatto. A consigliarlo a Gaucci era stato Bora Milutinovic, il ct giramondo, che in Cina adoravano. La chiacchierata durò una mezz’ora abbondante, Ma raccontò di sé, dei suoi sogni, di cosa si aspettava dal nostro campionato, dei suoi idoli: ‘Maldini è il giocatore italiano più forte al mondo’. Disse di quanto era stanco e del vestito nuovo ‘di marca italiana’ che si era preso proprio a Pechino, per fare bella figura in Italia. Ci salutammo affettuosamente, lo vidi avviarsi verso il taxi spingendo il carrello dei bagagli, zavorrato da una responsabilità (rappresentava l’intera Cina!) che alla fine pagò cara. Il resto è storia nota: Ma non si ambientò mai, soffrì il carico degli allenamenti, non legò con Cosmi, non giocò nemmeno una partita ufficiale in serie A, tornò in Cina dove pochi anni dopo chiuse la carriera, non prima però di aver partecipato al Mondiale del 2002, giocando pure contro il Brasile. Fu facile, dopo un po’, derubricarlo alla voce ‘bidoni’. Era stato un fantasma. Un tentativo non riuscito. Un azzardo sghembo e inopportuno. Era stato il primo cinese a (non) giocare in Italia. Passò come una meteora, in un cielo che non aveva tempo e voglia di riconoscerlo…” – Furio Zara – Blog Calcio Cina


Perugia-Cesena, i precedenti

Ex Cesena: Volta, Falco.
Ex Perugia: Scognamiglio, Fazzi.

Precedenti al Curi: 25
Vittorie Perugia: 11
Vittorie Cesena: 1
Pareggi: 13

Ultima vittoria Perugia: 2003/04 (3-2 Coly, Ongfiang, Do Prado, Margiotta, Ceccarelli)
Ultima vittoria Cesena: 1991/92 (0-1 Amarildo)
Ultimo pareggio: 2016/17 (3-3 Kone [aut.], Ciano, Ricci, Kone, Cocco, Forte)

Precedente con più reti totali: 1953/54 (7-1)
Sconfitta più larga del Cesena: 1953/54 (7-1)
Vittoria più larga del Cesena: 1991/92 (0-1)


Immagine tratta dal sito blogcalciocina.altervista.org

Ricerca personalizzata
About Rinaldo Belleggia 118 Articles

Rinaldo Belleggia è marchigiano di nascita ma cesenate d’adozione. Come spesso accade, la Romagna gli è entrata nel cuore anche grazie al Cavalluccio, ma ciononostante si ostina a rimanere un gobbo … Ha collaborato con Radiogol24 ed il Corriere di Romagna, ora è il deus ex machina, regista e conduttore di Radio Tifoso, la trasmissione di approfondimento sportivo della web radio universitaria Uniradio Cesena. Con grande passione e dedizione si diletta con personaggi, aneddoti, storie e statistiche del calcio.

1 Commento

I commenti sono bloccati.