La parabola di Macheda, dall’Old Trafford al Dino Manuzzi

Federico Macheda
Invia l'articolo agli amici

FIGURINE – Nel Novara milita l’attaccante Federico Macheda, gol winner lo scorso anno al Manuzzi, con alle spalle un’importante esperienza oltre Manica

Per la nostra collezione di “figurine”, racconterò oggi la storia di un giocatore che veste la maglia dei piemontesi: si tratta di Federico Macheda, 26enne attaccante romano, che poco meno di 10 anni fa finì alla ribalta delle cronache vestendo la maglia dei Red Devils.

Federico è cresciuto nel settore giovanile della Lazio e, non ancora maggiorenne, venne prelevato dai pari età dal Manchester United. Una volta giunto in Inghilterra, le suo ottime prestazioni convinsero il grande Sir Alex Ferguson a promuoverlo in prima squadra. Il momento di gloria arrivò negli ultimi minuti di Manchester United – Aston Villa di Premier League: la partita era ferma sul 2-2 e Ferguson decise di buttare nella mischia il giovane italiano al posto di Nani e Macheda lo ricompensò con il gol vittoria, un mirabile stop con le spalle alla porta e la successiva girata vincente. La stampa italiana si scatenò, designandolo come ragazzo prodigio che il calcio italiano era riuscito ancora una volta a farsi scappare. Le quotazioni del centravanti salirono ancor di più quando nella partita successiva mise a segno un’altra rete pesante, quella del 2-1 contro il Sunderland. Poi però, nella stagione 2010/11, trovò poco spazio, ma riuscì comunque a mettere a segno un altro gol pesante, ancora contro l’Aston Villa. Nel mercato invernale passò alla Sampdoria in prestito, venendo risucchiato dalla brutta stagione blucerchiata: infatti, dopo un promettente inizio, la squadra genovese intraprese una parabola discendente, conclusasi con una sciagurata retrocessione, alla quale contribuì anche il Cesena di Massimo Ficcadenti con il 3-2 a domicilio firmato Giaccherini (doppietta) e Parolo. Per Federico Macheda cominciarono tempi molto duri: al Manchester United non riuscì più trovare spazio, venendo girato in prestito, nell’ordine, a QPR, Stoccarda, Doncaster, Birmingham ed infine ceduto a titolo definitivo al Cardiff City. In Galles, dopo alcuni mesi, si riaprirono ancora una volta le porte del prestito per lui, questa volta allo storico, ma decaduto, Nottingham Forest.

Arriviamo così al dicembre scorso. Federico è un disoccupato del pallone, dopo la rescissione contrattuale con il Cardiff. allora si fa avanti il Novara di Boscaglia; lui accetta la proposta e ripaga la fiducia concessagli con 7 reti in appena cinque mesi di campionato. La sorte volle che proprio uno di questi sette gol fu messo a segno al Dino Manuzzi contro il Cesena, quando Macheda gelò la Curva Mare, regalando ai piemontesi il successo per 0-1.


Getty Images tratta dal sito footballpassion24.altervista.org

Ricerca personalizzata
About Rinaldo Belleggia 118 Articles

Rinaldo Belleggia è marchigiano di nascita ma cesenate d’adozione. Come spesso accade, la Romagna gli è entrata nel cuore anche grazie al Cavalluccio, ma ciononostante si ostina a rimanere un gobbo … Ha collaborato con Radiogol24 ed il Corriere di Romagna, ora è il deus ex machina, regista e conduttore di Radio Tifoso, la trasmissione di approfondimento sportivo della web radio universitaria Uniradio Cesena. Con grande passione e dedizione si diletta con personaggi, aneddoti, storie e statistiche del calcio.

2 Commenti

  1. Macheda sei anche bravino, ma noi ti abbiamo già visto, lo sappiamo già. Non ci devi dimostrare niente domani. Chiaro il concetto ?

I commenti sono bloccati.