Omaggio al grande doppio ex Agostino “Diba” Di Bartolomei

Agostino diba Di Bartolomei
Invia l'articolo agli amici

NONTISCORDARDIME’ – Agostino Di Bartolomei, detto “Diba”, lo storico capitano della Roma, vestì anche le maglie di Salernitana e Cesena a fine carriera

Domenica pomeriggio il Cesena ospiterà la Salernitana al Dino Manuzzi: gli uomini di Fabrizio Castori sono chiamati a dar seguito alla serie di quattro risultati utili consecutivi, cominciata contro il Foggia, mentre i campani si presenteranno in Romagna forti del 6° posto in classifica. Le due squadre, tra i tanti altri, hanno in comune un grande giocatore, il compianto Agostino “Diba” Di Bartolomei che ha vestito entrambe le maglie al crepuscolo della sua splendida carriera. E’ proprio a lui che dedichiamo il Nontiscordardimé di questa settimana.

Il centrocampista romano iniziò la sua carriera nelle giovanili della Roma, riuscendo a ritagliarsi spazio anche in prima squadra tra il 1972 ed il 1973 da giovanissimo. Dopo una breve parentesi in prestito al Vicenza nel 1975/76, Diba tornò a vestire il giallorosso, colore che lo accompagnerà ininterrottamente e con grandissime soddisfazioni fino alla stagione 1983/84: nella Roma diventò il capitano e vinse lo storico scudetto del 1983, oltre a ben tre Coppe Italia. Dopo oltre un decennio nella capitale, Agostino Di Bartolomei trascorse tre stagioni al Milan, per poi approdare al neopromosso Cesena nel 1987 (poche settimane prima si disputò infatti lo storico spareggio di San Benedetto del Tronto). In bianconero, l’allora tecnico Alberto Bigon gli affidò subito la fascia di capitano e Diba ripagò la fiducia della piazza con 24 presenze e 4 reti che consentirono al Cavalluccio di concludere quella stagione con la salvezza ed un ottimo 9° posto. Quell’annata romagnola fu l’ultima in massima serie per Agostino che successivamente, dal 1988 al 1990, giocò nella Salernitana in C1, formazione della quale divenne ovviamente il capitano e con la quale concluse la carriera agonistica. Tuttavia, prima di congedarsi dal calcio giocato, il regista fu il grande protagonista del ritorno in serie B dei granata dopo oltre 20 anni. Dopo il ritiro agonistico, Di Bartolomei si prodigò nella fondazione di una scuola calcio a Castellabate, località vicino Salerno, prima del tragico ed inspiegabile gesto con il quale il 30 maggio 1994 decise di mettere fine alla sua vita. Quel giorno ci lasciava per sempre un campione straordinario, un modello dentro e fuori dal campo, il prototipo del capitano…

Ciao Diba, il mondo del calcio non ti dimentica !

I precedenti

Ex Cesena: Perico, Rodriguez, Rosina, Di Roberto.
Ex Salernitana: Scognamiglio.

Precedenti al Manuzzi: 8
Vittorie Salernitana: 1
Vittorie Cesena: 5
Pareggi: 2

Ultima vittoria Salernitana: 2015/16 – 1-2 (Ciano, Coda, Bagadur)
Ultima vittoria Cesena: 2009/10 – 3-0 (Schelotto [2], Matute)
Ultimo pareggio: 2016/17 – 0-0

Precedenti con più reti totali: 1995/96 – 3-2 (Hubner [2], Piangerelli, Grimaudo, Rivalta [aut.])
Sconfitta più larga del Cesena: 1970/71 – 0-2 (Fara, Marmo) e 1989/90 = 0-2 (Carrera, Maiellaro)
Vittoria più larga del Cesena: 1999/00 – 4-0 (Taldo [3], Barollo)


Immagine tratta dal sito it.wikipedia.org

Ricerca personalizzata
About Rinaldo Belleggia 118 Articles

Rinaldo Belleggia è marchigiano di nascita ma cesenate d’adozione. Come spesso accade, la Romagna gli è entrata nel cuore anche grazie al Cavalluccio, ma ciononostante si ostina a rimanere un gobbo … Ha collaborato con Radiogol24 ed il Corriere di Romagna, ora è il deus ex machina, regista e conduttore di Radio Tifoso, la trasmissione di approfondimento sportivo della web radio universitaria Uniradio Cesena. Con grande passione e dedizione si diletta con personaggi, aneddoti, storie e statistiche del calcio.

3 Commenti

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*