Mandorlini: “Cacia formidabile, un lusso per la B. Jallow, ottimo prospetto”

Andrea Mandorlini
Invia l'articolo agli amici

INTERVISTA – Mister Andrea Mandorlini segue con grande attenzione la serie B ed in particolare il Cesena, dove gioca bomber Cacia, uno dei suoi giocatori preferiti

In questi giorni di sosta è il calciomercato a tenere banco in serie B, ma è anche tempo di bilanci dopo il completamento del girone di andata. Abbiamo approfittato di questa pausa per parlare un po’ di serie cadetta con Andrea Mandorlini, tecnico ravennate attualmente disoccupato dopo la breve esperienza al Genoa della scorsa stagione, ma con un curriculum di tutto rispetto sulle panchine di Atalanta, Bologna, Padova, Sassuolo, Cluj e, soprattutto, Hellas Verona, dove ha raggiunto traguardi importanti. Queste le sue dichiarazioni in esclusiva a Cesena Mio:

Ciao Andrea, al giro di boa quale giudizio possiamo dare al campionato di serie B? Tutto secondo pronostico?
“Dopo un girone intero i valori delle formazioni emergono, perciò, a questo punto, le favorite sono quelle che si trovano davanti: Palermo e Frosinone. Si tratta di due club che hanno compiuto investimenti importanti e come da pronostico stanno esprimendo il loro enorme potenziale”.

Le concorrenti però non mancano…
“L’Empoli ed il Bari sono due serie candidate alla promozione visto il notevole organico a disposizione: attualmente sono leggermente attardate dalla vetta, ma il distacco è minimo che basta poco per agganciare le altre due davanti, quindi ritengo azzurri e biancorossi più in corsa che mai”.

Rispetto al recente passato non troviamo in vetta sorprese o rivelazioni…
“Al momento fatico ad individuare outsiders, nel senso che al vertice si collocano tutte compagini ambiziose che fin dall’inizio avevano tutte le credenziali per poter essere protagoniste”.

Il Parma però sta facendo un campionato importante e si trova in zona promozione…
“I ducali di D’Aversa non li considero una sorpresa, ma stanno confermando le aspettative. Le due neopromosse Parma e Venezia possono contare su proprietà solide, forti che a mio avviso faranno qualche operazione di spicco durante il calciomercato per rinforzare ulteriormente le rispettive rose e rilanciare ancora di più le loro ambizioni”.

Quali formazioni ritieni siano invece in ritardo sulla tabella di marcia?
“Perugia e Pescara hanno collettivi di livello, la classifica non rispecchia il valore delle squadre di Breda e Zeman”.

Sappiamo che segui con attenzione il Cesena…
“Da buon romagnolo, vengo sempre volentieri al Dino Manuzzi, uno stadio con un pubblico fantastico ed anche durante questo campionato ho visto alcune gare dal vivo”.

Come lo vedi?
“Il Cesena sta proseguendo il suo percorso di risalita. Serve pazienza, unità d’intenti tra tutte le componenti perché uscire dai bassifondi è dispendioso ed è un processo lungo che richiede tempo: finora Castori ci sta riuscendo benissimo e sta svolgendo un grande lavoro. Bisogna continuare ad insistere su questa strada”.

Secondo te, si potrebbe sognare un inserimento in zona playoff nel ritorno?
“La classifica è molto corta, però parlare ora di altri discorsi mi pare azzardato: credo che la priorità dei bianconeri debba essere quella di salvarsi il prima possibile, poi solo strada facendo si potranno cambiare obiettivi, se ci sarà possibilità”.

La rivelazione tra i bianconeri?
“Direi Jallow. L’avevo visto già nel Trapani, si tratta di attaccante giovane, rapido, che quando attacca la profondità fa male agli avversari. Deve crescere, ma è un ottimo prospetto”.

Nel Verona di Mandorlini, bomber Cacia fece faville nella stagione 2012/13 con 24 reti, il suo record personale: può essere l’arma in più del Cesena?
“Alle mie dipendenze, Daniele fece un’annata strepitosa, realizzò il suo record di gol e fu determinante per la promozione in serie A. Cacia è un attaccante formidabile, una garanzia per la serie cadetta, deve solamente ritrovare la migliore condizione dopo l’infortunio, occorre aspettarlo e saperlo sfruttare al meglio perché quando sarà al 100%, sarà un lusso”.

Cosa servirebbe al Cesena in questa sessione di calciomercato?
“Non c’è bisogno dei miei consigli: il Cesena ha in Rino Foschi e Fabrizio Castori due professionisti competenti che conoscono a fondo la categoria e sapranno come operare al meglio sul mercato per sistemare la squadra”.

Mister Mandorlini invece resta alla finestra…
“Sì, ho ricevuto qualche proposta in questi mesi, ma non se né fatto nulla, dunque resto ancora in attesa”.


Immagine tratta dal sito www.napolisoccer.net

Ricerca personalizzata
About Ivan Zannoni 268 Articles
Ivan Zannoni frequenta da sempre il mondo del calcio, dapprima come giocatore poi come allenatore e dirigente. Ha collaborato con La Voce di Romagna per la quale seguiva i campionati dilettantistici ed ultimamente lo si è anche potuto seguire su Telerimini nel ruolo di opinionista per la trasmissione Dilettanti nel Pallone. Da buon romagnolo, segue con apprensione le vicende del Cesena Calcio e scrivendone, riesce a dar sfogo alla sua passione.

3 Commenti

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*