A fermare Cacia proverà il suo amico Ivan Lanni…

Ivan Lanni
Invia l'articolo agli amici

FIGURINE – Ivan Lanni, l’estremo difensore dell’Ascoli Picchio, è uno dei beniamini della curva bianconera. E non solo per le sue prestazioni tra i pali…

Nonostante un avvio di campionato un po’ difficile anche per lui, senza dubbio uno dei punti di forza dell’Ascoli Picchio che arriva domani a Cesena per un match tra formazioni in difficoltà è il suo estremo difensore Ivan Lanni. Proviamo a conoscerlo meglio…

Portiere classe 1990, Lanni è cresciuto nelle giovanili del Frosinone, prima di essere notato e prelevato dalla Roma che nel 2004 lo ha inserito nell’organico delle sue rappresentative, dove rimane per quattro anni prima di essere ceduto in prestito alla Primavera del Lecce. La carriera da professionista dell’attuale numero uno dell’Ascoli inizia però a Pisa nel 2009, quando il 19enne giovane portiere fa il suo esordio in Serie D contro una formazione romagnola, il Valleverde Riccione. Due stagioni non certo esaltanti in una nobile decaduta che non riesce ad uscire dalla palude della quarta serie e quindi il passaggio al Grosseto in serie B: in maglia biancorossa Lanni parte come riserva di Bremec, ma i tanti infortuni del collega spagnolo gli spianano ben presto la strada e, diventato titolare, il 26 dicembre 2012 fa parlare di sé per la prima volta, parando il rigore di Ciccio Caputo al San Nicola di Bari. Dopo tre stagioni in Toscana, Ivan passa all’Ascoli nell’estate del 2014, rimanendoci fino ad oggi, peraltro con in tasca un contratto fino al 30 giugno 2020.

Il sito specializzato Transfermarkt valuta in 400 mila euro l’attuale valore di mercato di Ivan Lanni, che lo scorso anno è stato uno dei protagonisti della sofferta, ma meritata, salvezza dell’Ascoli. Utilizzato infatti in ben 41 delle 42 partite disputate, il portiere laziale di nascita ha avuto un ottimo rendimento, fornendo alla causa bianconera un contributo determinante in termini di parate, esperienza e personalità.

Decisamente uno degli idoli della curva ascolana, non solo per quello che è riuscito a fare sul campo in queste tre stagioni marchigiane, ma anche per la sensibilità che ha dimostrato nei confronti della città che così bene lo ha accolto ed adottato: nell’inverno dello scorso anno infatti, assieme ad alcuni compagni, Ivan Lanni ha aiutato dei lavoratori in grossi difficoltà, quelli della Ecoservices. Questo il suo racconto al blog di Gianluca Di Marzio: “Li vedevamo sempre, erano sulla strada che facevamo per andare al campo d’allenamento. Abbiamo visto degli striscioni su cui c’era scritto che non prendevano lo stipendio da 10-11 mesi. E intanto si avvicinava il Natale… Siamo riusciti ad aiutarli e ci ha fatto un grosso piacere. Pensavamo a come potevano trascorrere la cena della vigilia, alla loro voglia di fare un regalino ai nipoti”.

Tornando al calcio, domani pomeriggio sulla strada del portiere bianconero si staglierà un ex compagno, uno di quelli davvero pericolosi per chi fa il suo mestiere, Daniele Cacia. Chissà quante volte in questi anni nel Piceno si saranno sfidati in allenamento e chissà quante volte Lanni sarà riuscito a respingere un rigore al bomber amico… D’altro canto, Cacia avrà sicuramente imparato a conoscere pregi e difetti del corazziere di Alatri e non vedrà l’ora di beffarlo in maniera inaspettata… Insomma, si preannuncia una bella sfida tra i due e chi la vincerà, molto probabilmente, consegnerà qualche importantissimo punto slvezza alla propria squadra.


Foto di Fabio Urbini – LaPresse tratta dal sito www.tg24.info

Ricerca personalizzata
About Stefano Manzi 258 Articles
Impiegato e padre di famiglia, perdo ancora tempo come blogger ed eterno aspirante giornalista: dopo aver scritto per Il BiancoNero Magazine e la Federazione Italiana Sostenitori Squadre di Calcio, da settembre 2014 sono nella redazione zona sport di Destrosecco. Recentemente ho aperto il blog Cesena Mio e talvolta mi si può ascoltare come opinionista sportivo a UniRadio Cesena. Oltre all'amato Cesena calcio, seguo con immensa passione il ciclismo professionistico ed il rugby union, sport dei quali ho scritto per anni su Facebook, nonché sui siti web chorse.it e freeforall.it.