Ancora Laribi dietro a Jallow per la sfida contro il Bari

Infografica Cesena-Bari (parte2)
Invia l'articolo agli amici

INFOGRAFICA – Questa sera il Cesena sfiderà il Bari di Fabio Grosso: Suagher ed Emmanuello verso la panchina, così come Cacia che ha recuperato

Finalmente si riparte: questa sera il Dino Manuzzi sarà invaso da almeno 14000 tifosi, di cui quasi 1500 di sponda barese, per la prima giornata di ritorno di Serie B che vedrà di fronte il Cesena di mister Castori e il Bari del debuttante Grosso. L’attesa per entrambe le formazioni è tanta perché si vuol capire dopo quasi un mese di sosta quali saranno le armi tecnico e tattiche per cercare di scardinare le rispettive difese avversarie. Castori ha convocato entrambi i nuovi acquisti Suagher ed Emmanuello ma dovrebbero partire dalla panchina, così come l0attaccante Cacia recuperato in extremis. Prima panchina tra i professionisti per Moussa Ndiaye, centrocampista classe ’99 giunto nella Primavera del Cesena dal settore giovanile della Juventus.

Qui Cesena

All’inizio della settimana i dubbi di formazione per Castori erano davvero tanti, ma ad oggi l’allenatore di Tolentino dovrebbe schierare il classico 4-4-1-1 con gli stessi interpreti che hanno dato il via alla rimonta bianconera. Tra i pali giocherà Fulignati, mentre in difesa spazio a Donkor, Esposito, Scognamiglio e Perticone (Fazzi è squalificato). In mezzo al campo Kupisz giocherà sulla destra, con i rientranti Di Noia (ex della partita) e Schiavone in mezzo al campo e Dalmonte sull’out di sinistra. In avanti Laribi coprirà le spalle a Jallow, nella speranza di poter far male alla rinnovata difesa del Bari.

Ballottaggi: Esposito 70% – Suagher 30%; Di Noia 80% – Emmanuello 20%.

CESENA (4-4-1-1): Fulignati; Donkor, Esposito, Scognamiglio, Perticone; Kupisz, Schiavone, Di Noia, Dalmonte; Laribi; Jallow. All.: Castori.

Attenzione a…

Nelle ultime partite non ha mai convinto, ma la sosta potrebbe avergli fatto bene: Dalmonte ha dimostrato di essere una delle armi in più nello scacchiere di Castori e sulla sinistra potrebbe impensierire la difesa del Bari, che dopo il mercato è stata rinforzata ma potrebbe ancora subire le folate offensive bianconere per mancanza di amalgama. Nicola “rischia” di essere ceduto a gennaio ma sono convinto che questa sera potrebbe tirare fuori dal cilindro una prestazione super.

Qui Bari

Il Bari potrà contare sul seguito di almeno 1500 tifosi, che come successo negli anni passati non faranno mancare il loro caloroso apporto alla propria squadra. Grosso ha principalmente un dubbio di formazione: chi far giocare come prima punta? In porta ci sarà Micai, in difesa spazio ad Anderson, Diakitè, Marrone e D’Elia. A centrocampo giocheranno Tello, Basha e Busellato, mentre Improta e Galano agiranno ai lati della prima punta che dovrebbe essere Kozak, con Floro Flores che scalpita per un posto da titolare.

BARI (4-3-3): Micai; Anderson, Diakitè, Marrone, D’Elia; Tello, Basha, Busellato; Improta, Kozak, Galano. All.: Grosso.

Attenzione a…

Galano è sinceramente l’uomo in più di questo Bari: ha trascinato i pugliesi fino alle zone alte della classifica a suon di gol e ottime prestazioni, dimostrandosi sempre come uno dei migliori della propria squadra. Galano rappresenta senza dubbio l’uomo più pericoloso per il Cesena questa sera, considerando poi che dovrebbe agire dalle parti di Donkor, non esente da qualche irrorino in fase di copertura…

Aggiornamento infografica del 20/01/18 delle ore 12:30


Continua la settimana di preparazione in vista della prima giornata di ritorno, che vedrà il Cesena misurarsi contro il Bari sabato sera (ore 20:30) al Dino Manuzzi. Nella giornata di ieri era giunta una notizia che sembrava assai negativa: Cacia pareva aver subìto un infortunio serio, ma per fortuna l’attaccante bianconero non ha riportato alcun tipo di lesione ma solo un affaticamento alla coscia sinistra. E’ da escludere che lo si possa leggere nell’elenco dei convocati di Castori per la sfida contro i pugliesi, ma dovrebbe tornare a disposizione già a partire dalla prossima settimana in vista della complicata trasferta di Venezia.

Non ha pace Castori nel corso degli allenamenti a Villa Silvia: l’allenatore bianconero vuol partire alla grande conquistando un’importante vittoria di fronte al proprio pubblico, ma per farlo dovrà valutare bene le condizioni dei giocatori a disposizione. Contro il Bari sarà infatti assente sicuramente Fazzi, che ha rimediato una giornata di squalifica nell’ultima gara del 2017 contro la Cremonese. Oltre al classe ’95, potrebbe non farcela neppure Kupisz, che ha saltato gli ultimi allenamenti a causa di un attacco febbrile. In porta giocherà Fulignati, mentre la difesa dovrebbe essere ridisegnata con Perticone a sinistra (in attesa di acquistare un terzino di ruolo), Esposito e Scognamiglio in mezzo (Suagher dunque partirà dalla panchina) e Donkor a destra. A centrocampo si paventava l’ipotesi di vedere dal 1′ Emmanuello, ma sembra che Castori, dopo la partenza di Kone (leggi Au revoir Moussa Kone, gladiatore bianconero!), voglia dare fiducia alla coppia SchiavoneDi Noia, che tornano disponibili dopo diverso tempo passato lontano dal rettangolo di gioco. Sulla destra se non dovesse farcela il polacco ci sarà Vita, mentre a sinistra spazio a Dalmonte. Davanti Laribi e Jallow non si toccano, ma Moncini probabilmente entrerà a gara in corso poiché anche in questi ultimi allenamenti si sta segnalando come uno dei giocatori più in forma della rosa.

La sfida al Bari rappresenta un importante snodo del campionato bianconero: partire bene significherebbe allontanarsi ulteriormente dalla zona rossa della classifica in attesa di una sfida difficile come quella contro il Venezia, ma genererebbe entusiasmo sia nella società che nei tifosi. Bisogna poi considerare che probabilmente ci saranno un paio di acquisti da qui alla fine del mercato invernale, per cui il Cesena dovrà dimostrare se la rimonta avviata con Castori potrà portare a qualcosa in più di una (comunque) auspicabile salvezza.

Aggiornamento infografica del 18/01/18 delle ore 18:00


Finalmente si torna in campo: sabato sera (ore 20:30), il Cesena aprirà le porte del Dino Manuzzi a tutti i tifosi bianconeri dopo un mese esatto dall’ultima apparizione sul rettangolo di gioco. In quell’occasione, il Cesena augurò buone festività natalizie con un bel pareggio contro la capolista Palermo, passata in vantaggio con Trajkovski, ma poi raggiunta dalla perla di Jallow sotto la Curva Mare. Tra quattro giorni sarà la volta del Bari, che all’andata disintegrò il Cesena con un secco 3-0, che sarebbe potuto essere molto più ampio e diede inizio al (rapido) declino di Camplone sulla panchina del Cavalluccio.

Per la sfida ai pugliesi Castori dovrà mettere mano alla formazione che l’ultima volta è stata sconfitta dalla Cremonese. A parte le questioni tecnico-tattiche, l’allenatore di Tolentino dovrà infatti tener conto della questione calciomercato, che nell’ultima settimana ha in parte rivoluzionato l’organico a sua disposizione. Sono infatti partiti Rigione e Gliozzi, che nelle gerarchie di Castori non erano comunque molto considerati, oltre alla cessione di Maleh (ufficializzato in giornata al Ravenna) e quella di Kone, con l’ivoriano che ha già raggiunto il ritiro del Frosinone. Di contro sono entrati a far parte della famiglia del Cesena Suagher ed Emmanuello, due giocatori espressamente richiesti da Castori per provare a risollevare definitivamente le sorti (e la classifica) della squadra.

Il modulo scelto dovrebbe ancora una volta essere il 4-4-1-1, ma le alterative sono davvero tante e non è detto che non si parta dal 1′ con il 4-3-1-2 (vedi Ecco perchè il Cesena potrebbe ripartire con il 4-3-1-2). In porta giocherà Fulignati, mentre il quartetto difensivo dovrebbe essere composto da Donkor, Scognamiglio, Esposito (in ballottaggio con Suagher) e Perticone (Fazzi è squalificato per una giornata dopo la trasferta di Cremona). A centrocampo ci saranno Kupisz, Emmanuello, Schiavone e Dalmonte, mentre in avanti Laribi aiuterà Jallow a perforare la retroguardia pugliese. Appare comunque chiaro che i recuperati Di Noia e Cacia, così come il giovane Moncini, potrebbero partire dal 1′, ma ad oggi è quasi impossibile indovinare la formazione che scenderà in campo contro il Bari. Se invece Castori optasse per il secondo modulo, allora davanti Jallow e Cacia potrebbero coesistere con alle spalle Laribi, ma in quel caso a farne le spese dovrebbe essere Dalmonte che si accomoderebbe in panchina.

Aggiornamento infografica del 16/01/18 delle ore 18:00


Elaborazione grafica dal sito buildlineup.com

About Nicholas Brasini

Nicholas Brasini, tifoso sfegatato dei bianconeri, studia Ingegneria e Scienze Informatiche a Cesena e nel tempo libero collabora con il “Corriere Romagna”, seguendo gli allenamenti a Villa Silvia del Cavalluccio. Folgorato da quella maglia a partire dal 2007, anno della retrocessione in Serie C, avrebbe potuto dedicarsi ad altro, ma ha continuato a credere in questi colori ed oggi si gode il suo Cesena dagli spalti della Curva Mare.

View all posts by Nicholas Brasini →