Perticone in panchina, contro il Carpi esperimento Di Noia terzino

Infografica Carpi-Cesena (parte 2)
Invia l'articolo agli amici

INFOGRAFICA – Questo pomeriggio (ore 15) il Cesena sfiderà in trasferta il Carpi, ultima squadra allenata da Castori prima di approdare in bianconero

Oggi pomeriggio il Cesena affronterà in trasferta il Carpi in quella che appare come un’importantissima sfida per entrambe le formazioni. Da una parte la squadra allenata da Castori, che in virtù della vittoria di ieri sera del Foggia ai danni del Perugia deve per forza fare risultato per non rimanere ultima in classifica; dall’altra quella allenata da Calabro che, reduce da due sconfitte consecutive, vuole tornare a sorridere davanti ai propri tifosi. Castori non ha convocato per infortunio Cacia, Gliozzi, Donkor e Cascione, mentre Perticone è partito verso il ‘Cabassi’ ma difficilmente scenderà in campo.

Qui Cesena

In settimana Castori ha insistito sul 4-4-1-1 che aveva regalato i primi tre punti della sua gestione contro lo Spezia. In porta giocherà Agliardi, mentre in difesa probabilmente assisteremo all’esperimento Di Noia terzino sinistro, soluzione già provata due settimane fa ma che poi si era arenata a causa dell’attacco febbrile patito dall’ex Bari. Al centro ci saranno Rigione ed Esposito mentre a destra torna Fazzi che sostituisce Perticone. A centrocampo la musica non dovrebbe cambiare: Kupisz e Dalmonte agiranno sulle fasce mentre in mezzo giocheranno Kone e Schiavone. Dietro la prima punta Jallow giocherà Laribi, parso rivitalizzato dal nuovo ruolo dietro la punta.

Ballottaggi: Fazzi 70% – Setola 30%; Di Noia 75% – Mordini 25%.

CESENA (4-4-1-1): Agliardi; Fazzi, Rigione, Esposito, Di Noia; Kupisz, Kone, Schiavone, Dalmonte; Laribi; Jallow. All.: Castori.

Qui Carpi

Dopo le due sconfitte consecutive, Calabro medita di tornare al 3-5-2 dopo aver sperimentato senza fortuna il 4-3-3 contro il Venezia. Negli emiliani non ci saranno Bittante, Prezioso, Mbaye e Manconi. In porta giocherà Colombi, in difesa spazio a Brosco, Poli e l’ex Ligi. A centrocampo giocheranno Jelenic, Verna, Pasciuti, Saric e Sabbione, mentre in attacco ci saranno Nzola e il temibile Mbakogu. Dovrebbe inizialmente sedere in panchina Malcore, uno degli attaccanti del Carpi più prolifici fino ad ora.

CARPI (3-5-2): Colombi; Brosco, Poli, Ligi; Jelenic, Verna, Pasciuti, Saric, Sabbione; Nzola, Mbakogu. All.: Calabro.

Aggiornamento infografica 14.10.17 delle ore 11:00.


Archiviata la vittoria di sabato scorso contro lo Spezia, per il Cesena di Castori è ora di pensare alla sfida di sabato pomeriggio al ‘Cabassi’ di Carpi. Il derby emiliano-romagnolo vedrà di fronte due squadre con animo diametralmente opposto: i bianconeri sono galvanizzati dal ritorno sulla panchina di mister Castori mentre i biancorossi sono reduci da due sconfitte consecutive e sono parsi piuttosto in difficoltà sia dal punto di vista delle trame di gioco che da quello della realizzazione (l’ultimo gol porta la firma di Mbakogu quasi quattro partite fa). A Villa Silvia la squadra ha lavorato quasi a ranghi completi ad esclusione degli infortunati di lunga data Cacia e Gliozzi, oltre a Cascione che si è fatto male nel corso dell’allenamento di ieri pomeriggio e probabilmente non partirà per Carpi.

Sabato pomeriggio Castori potrebbe riproporre il 4-4-1-1 visto contro lo Spezia, tanto che in settimana nel corso delle partitelle finali ha schierato la squadra titolare proprio con quel modulo, mentre le riserve con il 3-5-1-1, schieramento utilizzato dal Carpi nelle ultime uscite. In porta sarà confermato Agliardi, mentre per la difesa bisogna valutare le condizioni di Perticone: se l’ex Trapani dovesse recuperare, dovrebbe essere riproposto a destra con Rigione ed Esposito centrali con Fazzi sull’out di sinistra. Qualora invece non ce la facesse, potrebbe prendere il suo posto il giovane Setola. A centrocampo si va verso la conferma di Kupisz, Kone, Schiavone e Dalmonte, con Di Noia pronto a subentrare, mentre davanti Laribi supporterà Jallow.

Continuano dunque gli esperimenti in vista di questa difficile trasferta, che potrebbe presentare più di un’insidia per la squadra romagnola, ma che potrebbe anche rappresentare il trampolino di lancio per allontanarsi dalle zone rosse della classifica. Probabilmente il Cesena agirà di rimessa cercando di colpire gli avversari in contropiede, cosa non successa invece contro lo Spezia nonostante i numerosi lanci lunghi per la punta Jallow, non sempre supportata a dovere e lasciata troppo spesso sola contro la retroguardia avversaria.

Aggiornamento infografica 12.10.17 delle ore 19:00.


Elaborazione grafica tratta dal sito best11.eurosport.com

Ricerca personalizzata
About Nicholas Brasini 173 Articles
Nicholas Brasini, tifoso sfegatato dei bianconeri, studia Ingegneria e Scienze Informatiche a Cesena e nel tempo libero collabora con il “Corriere Romagna”, seguendo gli allenamenti a Villa Silvia del Cavalluccio. Folgorato da quella maglia a partire dal 2007, anno della retrocessione in Serie C, avrebbe potuto dedicarsi ad altro, ma ha continuato a credere in questi colori ed oggi si gode il suo Cesena dagli spalti della Curva Mare.

3 Commenti

  1. schiavone riperà le gesta di ciaramitaro, primo anno inguardabile, secondo da trascinatore (uno dei tanti di quella squadra). non ci credo davvero, ma lo dico perché voglio contendere a stefano la palma miglior ottimista del sito..a noi due! ahah

  2. Di Noia in panca e Schiavone titolare????
    Non sono convinto.
    Comunque forza Cesena.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*