Ballottaggio Cacia-Moncini per la gara con l’Ascoli

Infografica Ascoli-Cesena (parte 1)
Invia l'articolo agli amici

INFOGRAFICA – Questo pomeriggio (ore 15) il Cesena sfiderà in trasferta l’Ascoli in una sfida salvezza fondamentale. Castori avrà a disposizione tutta la rosa per tentare di portare a casa i tre punti

Oggi pomeriggio i bianconeri tenteranno di trovare importanti punti salvezza che contro l’Ascoli potrebbero valere doppio. Da una parte infatti il Cesena si allontanerebbe dalla zona rossa della classifica, dall’altra farebbe sprofondare ancora di più la squadra di Cosmi nelle sabbie mobili della retrocessione condannandola ad inseguire una disperata salvezza. Per la sfida del Del Duca Castori potrà contare sull’intera rosa a disposizione ad eccezione di Eguelfi, che giocherà con la Primavera di Rivalta questo pomeriggio sul campo della Spal.

Qui Cesena

In settimana Castori ha optato per lavorare a porte chiuse e alla domanda di un giornalista sul perché avesse fatto questa scelta, ha risposto di non aver avuto nulla da nascondere ma di aver voluto compattare il gruppo in vista delle prossime tre partite decisive. Pertanto la formazione che schiererà questo pomeriggio rimane un rebus: probabilmente l’allenatore di Tolentino schiererà un 4-4-2 con due punte vere, dove Jallow tornerà titolare dopo la panchina di Cittadella. In porta giocherà Fulignati, mentre in difesa Donkor dovrebbe tornare sulla fascia destra con Fazzi a sinistra ed Esposito e Scognamiglio centrali. In mezzo al campo Schiavone e Di Noia formeranno la coppia centrale con Laribi a sinistra (panchina per Dalmonte) e Vita a destra. In attacco l’unico sicuro di partire titolare è Jallow, mentre Cacia e Moncini si giocano l’altro posto con il classe ’96 leggermente favorito.

Ballottaggi: Donkor 80% – Perticone 20%; Vita 70% – Kupisz 30%; Moncini 51% – Cacia 49%.

CESENA (4-4-2): Fulignati; Donkor, Esposito, Scognamiglio, Fazzi; Vita, Schiavone, Di Noia, Laribi; Jallow, Moncini. All.: Castori.

Attenzione a…

Se anche dovesse partire dalla panchina, con ogni probabilità Castori gli concederà minuti nella seconda frazione di gara, perché in una partita simile può davvero risultare decisivo. Daniele Cacia è a caccia del record di marcature in Serie B e di fronte troverà la sua ex squadra, per cui potrebbe avere uno stimolo in più a raggiungere il record proprio questo pomeriggio nello stadio che tanto gli ha dato negli ultimi anni.

Qui Ascoli

La squadra allenata da Cosmi è reduce dalla sconfitta per 2-0 sul campo del Frosinone dove peraltro ha sbagliato un rigore non meritando di soccombere. In casa i bianconeri marchigiani non vincono da ottobre e tutti sono convinti che questa sia l’occasione buona. Cosmi dovrebbe schierare un 4-4-2 speculare a quello di Castori: in porta giocherà l’ex Agazzi, mentre in difesa spazio a Mogos, Padella, Gigliotti e Mignanelli. A centrocampo dovrebbero giocare Baldini, Addae, Buzzegoli e l’ex Martinho, mentre in avanti spazio a Ganz e Monachello, i due acquisti di punta del mercato invernale.

ASCOLI (4-4-2): Agazzi; Mogos, Padella, Gigliotti, Mignanelli; Baldini, Addae, Buzzegoli, Martinho; Ganz, Monachello. All.: Cosmi.

Attenzione a…

Monachello rappresenta il pericolo numero uno per la retroguardia bianconera: mentre Ganz sembra non essersi integrato al meglio negli schemi di Cosmi, altrettanto non si può dire dell’ex Palermo, che sta mettendo in mostra qualità interessanti che potrebbero aiutare l’Ascoli in questa disperata rincorsa alla salvezza. A dicembre nella sfida Cesena-Palermo non si vide molto, ma oggi le cose sono cambiate e Monachello, autore di 2 gol in 3 partite con la maglia del Picchio, andrà controllato con ogni mezzo da parte dei centrali del Cesena.

Aggiornamento infografica 24/02/2018 delle ore 12:30.


La sconfitta casalinga contro il Cittadella della scorsa settimana ha smosso l’ambiente bianconero, con il Cesena che è ripiombato in zona play-out dopo un paio di settimane di relativa tranquillità. Sarà pertanto fondamentale la sfida salvezza in programma sabato pomeriggio ad Ascoli, dove la band di Castori non potrà fare altro che cercare la vittoria. Lo scontro i marchigiani è di quelli da non poter assolutamente sbagliare: con i tre punti infatti il Cesena tornerebbe a respirare ma soprattutto staccherebbe in classifica proprio la squadra di Cosmi, dandole probabilmente una mazzata decisiva verso la retrocessione. In caso contrario invece l’Ascoli tornerebbe in corsa e si avvicinerebbe ai romagnoli, che verrebbero ulteriormente risucchiati verso il fondo della classifica.

La speranza è che la sconfitta interna contro il Cittadella sia servita a Castori per poter ripartire dopo un mese abbondante di magri risultati. Ma soprattutto quello che si chiede all’allenatore di Tolentino è un deciso cambio dal punto di vista dell’atteggiamento della squadra. Il Cesena ha bisogno di giocare per vincere, non per difendere lo 0-0 che spesso ha invece portato alla sconfitta. E’ difficile ipotizzare la formazione che scenderà in campo contro l’Ascoli perché Castori ha deciso di lavorare tutta la settimana a porte chiuse, ma probabilmente si affiderà al 4-4-2 con due punte vere perché non si può più sbagliare. In porta giocherà Fulignati, mentre in difesa si dovrebbe rivedere Donkor dal 1′ al posto di Perticone, con Esposito e Scognamiglio in mezzo e Fazzi a sinistra. A centrocampo Schiavone e Di Noia dovrebbero giocare nel mezzo, con Laribi sulla sinistra e Vita a destra. In avanti Moncini, leggermente favorito rispetto a Cacia, affiancherà Jallow. E’ chiaro che con questo modulo il sacrificato sarebbe Laribi, costretto ad agire sulla fascia sinistra e “schiavo” di una collocazione tattica per lui non ideale. Per poter far rendere al meglio l’italo-tunisino si potrebbe pensare ad un 4-3-1-2 in cui giocherebbe alle spalle delle due punte, ma Castori fino ad ora non ha mai palesato quest’ipotesi.

Onestamente, il modulo non è quello che potrà decidere le sorti della gara, perlomeno non nella sua totalità. Sarà fondamentale è scendere in campo con la voglia di vincere che spesso porta effettivamente a conquistare i tre punti. L’atteggiamento del 2018 è assolutamente da cancellare e da non riproporre: tutti i giocatori dovranno dimostrare di poter essere titolari per poter aiutare la squadra a conquistare tre punti che darebbero ossigeno, soprattutto in vista del secondo scontro salvezza di martedì sera contro la Pro Vercelli.

Aggiornamento infografica 22/02/2018 delle ore 18:00.


Elaborazione grafica dal sito homecrowd.io

About Nicholas Brasini

Nicholas Brasini, tifoso sfegatato dei bianconeri, studia Ingegneria e Scienze Informatiche a Cesena e nel tempo libero collabora con il “Corriere Romagna”, seguendo gli allenamenti a Villa Silvia del Cavalluccio. Folgorato da quella maglia a partire dal 2007, anno della retrocessione in Serie C, avrebbe potuto dedicarsi ad altro, ma ha continuato a credere in questi colori ed oggi si gode il suo Cesena dagli spalti della Curva Mare.

View all posts by Nicholas Brasini →

4 Comments on “Ballottaggio Cacia-Moncini per la gara con l’Ascoli”

  1. Dato che ci giochiamo il campionato in 3 giorni occorrerà avvalersi anche di un turn over coinvolgendo un po tutti utilizzando giocatori piu freschi

  2. Al di la’ della formazione che schierera’ mister Castori l’augurio è che la squadra scenda in campo ben motivata.
    La vittoria deve essere cercata ad ogni costo.
    Sulle note del refrain di “Ciao mare” del maestro Casadei tutti in coro :
    …dai, dai, dai, dai Cesena
    sei la squadra del mio cuore
    dai Cesena non mollare
    …dai, dai, dai, dai Cesena…

Comments are closed.