Foscarini: “Emmanuello è davvero un ottimo innesto”

Simone Emmanuello
Invia l'articolo agli amici

INTERVISTA – Il tecnico Claudio Foscarini ha allenato a Vercelli il neo bianconero Simone Emmanuello, centrocampista di scuola Atalanta in prestito al Cesena fino a giugno

Dopo aver concluso con l’Atalanta il prestito di Emanuele Suagher (vedi Nice to meet you, Emanuele Suagher!), il Cesena ha definito anche l’arrivo in prestito fino al 30/06/2018 di un elemento di scuola Juventus, ma di proprietà anch’esso dell’Atalanta, il talentuoso Simone Emmanuello. Classe 1994, il centrocampista ha giocato il girone di andata con la maglia del Perugia (appena 7 presenze, di cui solo una da titolare contro il Frosinone), dopo aver disputato due stagioni e mezzo nella Pro Vercelli, conquistando anche la promozione in serie B nel 2014. Per conoscerlo meglio, abbiamo interpellato Claudio Foscarini, che ha allenato Emmanuello alla Pro Vercelli nella stagione 2015/16: queste le parole dell’esperto tecnico a Cesena Mio.

Buongiorno mister, è ufficiale l’arrivo a Cesena di Emmanuello. Lei lo conosce bene, che giocatore è?
“E’ un centrocampista di prospettiva, dotato di buon fisico, discreto passo e dal piede sopraffino: Simone ha infatti un’ottima visione di gioco”.

Le prerogative principali?
“Ha tempi di gioco e soprattutto possiede un gran tiro da fuori. Gli piace attaccare gli spazi, inserirsi e provare la conclusione dalla distanza”.

Nella Pro Vercelli lei come lo utilizzava? Qual è il ruolo che preferisce?
“Con me era alle prime armi in prima squadra ed inizialmente l’avevo impostato come regista basso davanti alla difesa, ma in seguito si è espresso molto bene da mezzala, proprio perché lì può sfruttare al meglio le caratteristiche che vi ho elencato prima”.

Secondo lei modulo 4-4-1-1 utilizzato da Castori è adatto ad Emanuello?
“Diversi moduli gli sono congeniali. Secondo me può ricoprire con buoni risultati quasi tutti i ruoli a centrocampo”.

Che ragazzo è Emmanuello?
“Una persona eccezionale, tanto bravo: ha valori importanti e l’atteggiamento giusto”.

Un particolare nel quale deve invece migliorare?
“Se proprio devo trovare un difetto, dico che se in certi frangenti saprà usare più malizia e cattiveria, ecco allora che farà il salto di qualità. Lo spero proprio, perché ne ha davvero tutte le potenzialità”.


Immagine tratta dal sito lnx.tifogrifo.com