I tanti ex di Cesena-Spezia ed il ricordo di Paolo Ponzo

Paolo Ponzo Spezia
Invia l'articolo agli amici

NONTISCORDARDIME’ – L’imminente sfida con lo Spezia riporta alla mente, tra l’altro, anche il mitico Paolo Ponzo, indimenticato e sfortunato doppio ex

Il Cesena proverà a invertire il recente trend estremamente negativo già domani sera al Manuzzi contro lo Spezia, una sfida difficile, ricca di corsi e ricorsi storici ed anche di tanti ex.

Sfogliando il libro dei ricordi spezzini, ci fermiamo alla stagione 2006/07: i liguri sono appena stati promossi in serie B, un ritorno tra i cadetti atteso per quasi 60 anni. Fu il campionato di B passato alla storia come quello più ricco di prestigio di sempre, visto che ospitò, in un solo colpo, la Juventus, il Napoli ed il Genoa. Ma c’era anche lo Spezia, guidato da Soda, che si trovò di fronte la Vecchia Signora nell’ultima giornata del girone di andata: per l’occasione, lo stadio Federico Picco era colmo in ogni ordine di posto, con biglietti esauriti già svariati giorni prima della partita. Sulla carta, il match doveva essere una semplice formalità per la Juve di Buffon, Nedved, Camoranesi e Trezeguet, ma così non fu. Al 39′ fu lo Spezia a passare inaspettatamente in vantaggio, grazie ad un’azione firmata da due vecchie conoscenze cesenati: Guilherme Raymundo do Prado dalla sinistra mise al centro un cross sul quale Simone Confalone di testa anticipò Balzaretti, insaccando alle spalle di Buffon. La partita si mantenne sul 1-0 fino agli ultimi minuti, ma quando ormai i tifosi liguri assaporavano l’incredibile colpaccio, Nedved da quasi 30 metri insaccò la sfera grazie ad un gran destro, evitando la sconfitta ai suoi. Tuttavia, quello stesso Spezia riuscì a fare il colpaccio a Torino nel match di ritorno, con un incredibile 3-2 che gli valse la salvezza. Oltre a Confalone e Do Prado, erano in squadra altri due ex cesenati, il portiere Nicola Santoni e Paolo Ponzo, affettuosamente soprannominato “il muratore”, che calcò il prato del Manuzzi tra il 1995 e il 1997 e che purtroppo un improvviso malore ha portato via giovane nel marzo 2013 (approfittiamo dell’occasione per ricordarlo, ciao Paolino).

Un altro ricordo relativo agli incroci diretti o indiretti tra Cesena e Spezia riguarda l’annata 2015/16, quando sulla panchina dei romagnoli sedeva Massimo Drago ed in campo giocavano, tra gli altri, Gomis, Caldara, Sensi, Kessie, Ragusa e Ciano: la partita d’andata fu stravinta dal Cesena per 5-1, mentre quella di ritorno finì in parità, ma la sentenza si ebbe nella gara ad eliminazione diretta del preliminare playoff promozione. Il Cesena giocava in casa e pertanto aveva a disposizione due risultati su tre, ma il gol del 1-2 nel finale di Postigo (già a segno nella sconfitta dei suoi per 5-1 qualche mese prima) condannò i bianconeri all’amara eliminazione.


Gli ex della sfida

Ex Cesena: Capelli, De Col, Giorgi, Marilungo, Granoche.
Ex Spezia: nessuno.

I precedenti

Precedenti al Manuzzi: 14
Vittorie Spezia: 2
Vittorie Cesena: 6
Pareggi: 6

Ultima vittoria Spezia: 2015/16 – playoff (1-2 Renzetti [aut.], Ciano, Postigo)
Ultima vittoria Cesena: 2016/17 (1-0 Ciano)
Ultimo pareggio: 2012/13 (1-1 Sansovini, Succi)

Precedente con più reti totali: 2015/16 (5-1 Postigo, Garritano [2], Sensi, Djuric, Kone)
Sconfitte più larghe del Cesena: 2013/14 (0-2 Giannetti, Bellomo)
Vittoria più larga del Cesena: 2015/16 (5-1)


Immagine tratta dal sito ilsecoloxix.it

Ricerca personalizzata
About Rinaldo Belleggia 111 Articles
Rinaldo Belleggia è marchigiano di nascita ma cesenate d’adozione. Come spesso accade, la Romagna gli è entrata nel cuore anche grazie al Cavalluccio, ma ciononostante si ostina a rimanere un gobbo ... Ha collaborato con Radiogol24 ed il Corriere di Romagna, ora è il deus ex machina, regista e conduttore di Radio Tifoso, la trasmissione di approfondimento sportivo della web radio universitaria Uniradio Cesena. Con grande passione e dedizione si diletta con personaggi, aneddoti, storie e statistiche del calcio.