Cesena, le tappe fondamentali della (rin)corsa salvezza

Moncini Cesena-Parma
Invia l'articolo agli amici

CAMPIONATO – I momenti cruciali nella travagliata stagione del Cesena: decisiva la fiducia a Castori e l’incredibile marcia trionfale degli ultimi due mesi

Metaforicamente, il Cesena ha tagliato il traguardo salvezza a braccia alzate, dopo aver superato all’ultimo chilometro diversi concorrenti e la Cremonese all’ultima curva. E così, i bianconeri hanno agguantato una difficile salvezza al termine di una stagione fin troppo altalenante, fatta di molti momenti negativi, cancellati però da uno sprint finale straordinario che ha consentito alla formazione di Fabrizio Castori di raggiungere addirittura quota 50 punti, nonostante la salvezza matematica sia arrivata solo negli ultimi 90′. Vale la pena ripercorrere le tappe principali di questa (rin)corsa verso la salvezza:

30 settembre 2017: trascorse sette giornate, il Cesena ha raccolto appena 4 punti (1 vittoria, 1 pari e ben 5 ko) ed è fanalino di coda: uno dei punti più bassi degli ultimi anni. Dopo la rovinosa sconfitta di Vercelli, un umiliante 5-2, la società decide di sollevare dall’incarico Andrea Camplone ed il giorno successivo viene annunciato che sarà Fabrizio Castori il nuovo tecnico.

7 ottobre: l’esordio dell’allenatore di Tolentino è bagnato da una preziosissima vittoria casalinga 1-0 contro lo Spezia, partita decisa dalla rete di Schiavone.

24 ottobre: nel turno infrasettimanale di campionato, i romagnoli espugnano il Renato Curi, rifilando al Perugia un netto 3-0 (Jallow e doppietta di Laribi), confezionando una delle migliori prestazioni in trasferta degli ultimi anni.

2 dicembre: la squadra è in ottima salute e lo dimostra, andando a strappare un clamoroso 3-3 in casa della corazzata Frosinone: una gara dalle mille emozioni, pesantemente condizionata dall’affrettata ed ingiusta espulsione di Kupisz nel primo tempo e da alcune altre discutibili decisioni arbitrali.

6 marzo 2018: il Cesena, reduce dal pesante ko 2-1 nel delicato scontro diretto di Ascoli, peraltro contro una squadra in quel momento in grande difficoltà, si fa rimontare al Dino Manuzzi da una più che abbordabile Pro Vercelli. Da 2-0 a 2-2 ed altri preziosi punti gettati al vento: la situazione di classifica si fa allarmante.

1 aprile: il giorno che segue il deludente stop patito nella sfida di Novara, uno scontro diretto da non fallire. Piovono critiche e la panchina di Castori traballa, tanto che iniziano a circolare voci sui possibili sostituti. La dirigenza si riunisce con il tecnico e gli rinnova la fiducia: è probabilmente questo il momento decisivo della stagione.

8 aprile: dopo la famosa riunione tecnica, il mister “aggiusta la rotta” e adotta qualche nuovo accorgimento tattico.  I bianconeri “asfaltano” la Virtus Entella con un perentorio 3-0, rimettendosi in careggiata e ricominciano a sperare nella salvezza, quantomeno attraverso i playout.

21 aprile: senza osare, il Cesena non va oltre lo 0-0 al Rigamonti contro un Brescia a quel punto quasi salvo (non sarà così, ma in quel momento lo pareva). Quella sera i bianconeri erano terz’ultimi in classifica  con 38 punti e con un calendario durissimo davanti: la corsa alla salvezza sembrava impresa al limite del possibile.

28 aprile e 6 maggio: come per incanto, il Cesena ha uno moto d’orgoglio e, sostenuto alla grande dal suo pubblico, supera prima il Frosinone e poi il Parma in un match mozzafiato. Contro i ducali, i bianconeri ribaltano il punteggio da 0-1 a 2-1 nel recupero, grazie alla doppietta di uno strepitoso Moncini. Nel mezzo, un buon punto raccolto a Pescara: sette punti in tre partite che avvicinano i ragazzi alla salvezza diretta, fino a quel momento impensabile.

18 maggio: grazie ad una rimonta da urlo, il Cesena si presenta all’ultima giornata con due risultati su tre a disposizione contro la Cremonese. Tuttavia, non si accontentano e vincono 1-0, raggiungendo i 50 punti: la salvezza è matematica e si può festeggiare in un Dino Manuzzi stracolmo di entusiasmo per una sofferta, ma meritata salvezza.


Foto di Luigi Rega tratta dal sito www.cesenacalcio.it