Solo per te, Cesena alé: prima tappa Bari

Bari - Cesena
Invia l'articolo agli amici

SOLO PER TE – Cesena Mio inaugura un’altra rubrica dedicata ai tifosi: le avventure del nuovo blogger Filippo Maestri al seguito del Cavalluccio in giro per l’Italia

Cos’hanno in comune fra loro città del nord Italia come Carpi, Parma, Cremona, Venezia, La Spezia e località del centro-sud come Bari, Ascoli, Empoli, Perugia? Forse, per molte delle persone che leggeranno queste righe risulterà assai difficile, se non addirittura impossibile, intuire il filo conduttore del discorso, ma fortunatamente non saranno incomprensibili per tutti… Anzi, per i tifosi del Cesena il collegamento è piuttosto immediato, visto che si tratta di città nelle quali la squadra bianconera ha già giocato in questo campionato!

Proprio così, queste sono le tappe di un viaggio. Un lungo viaggio iniziato in una serata di fine agosto ed al quale ancora non è stata messa la parola “fine”. Ma adesso è arrivato il momento di salire a bordo della macchina del tempo e partire…

Prima tappa

Ale: “Raga, voi cosa prendete da mettete nello zaino? Io due panini e l’acqua me li porto, che da qui a quando inizia la partita mi viene fame! E chissà se poi là c’è un bar decente”.

Tommy: “Biglietto preso, la tessera del tifoso ce l’ho, la sciarpa del Cesena sì: non mi manca niente. Ma te Ale hai visto Filo? Dov’è, che dobbiamo partire, che gli altri fra un po’ ci aspettano”.

Ale: “Boh ero qui adesso, non può essere andato lontano. Dai che dobbiamo partire, non voglio arrivare tardi. Filooo?!?”.

Passano 20 minuti…

Filo: “Scusatemi, sono pronto. Mi ero fermato sotto il nostro B&B a chiacchierare con un ragazzo del posto: quando gli ho detto che siamo venuti a Bari per la partita di stasera e che stamattina ci siamo fatti due tuffi in mare dagli scogli, quasi non ci credeva… Mi ha augurato buona partita ed io ho ricambiato”.

Quest’anno la prima fermata del viaggio al seguito del Cesena è in terra pugliese, nella fantastica e calorosa città di Bari, la prima avversaria in campionato. E così, un paio d’ore prima della partita, si entra allo Stadio San Nicola…

Ale: “Fenomenale ‘sto stadio, davvero bello. Venite quà, che ci facciamo un selfie, che poi quando incomincia la partita vi voglio carichi… DAI BURDEL”.

Filo: “Ne ho fatte molte altre di trasferte, ma non mi sbaglio se dico che questo è lo stadio più bello che abbia mai visto. E’ immenso, le tribune sembrano senza fine… Guardate, sta entrando altra gente! Secondo me, alla fine sarà quasi pieno”.

Ale: “Io dico che per stasera un pareggio lo possiamo portare a portare a casa: loro, oltre a due o tre giocatori buoni, non sono tanta roba. E poi, mica voglio perdere già alla prima…”.

Tommy: “Io invece non mi voglio sbilanciare, che magari dico che vinciamo e poi ne prendiamo tre…”.

Poi inizia la partita e, senza neanche troppa difficoltà, i padroni di casa vincono 3-0 sul nostro Cesena.

Filo: “Raga, a me proprio non interessa se abbiamo straperso, peraltro giocando male. Per me è stata ugualmente una serata bellissima, ormai non ho più la voce da quanto ho cantato, ma ne è valsa davvero la pena. Voi cosa ne dite?”.

Ale e Tommy ignorano la domanda ed imperterriti continuano a cantare… “Romagna, Romagna mia, lontan da te, non si può star…”

Tommy: “Raga, lo sapete che durante la partita ci hanno inquadrato due volte su Sky? Me lo ha detto adesso mio babbo al telefono, ormai siamo famosi…  Questa serata ce la ricorderemo a lungo, ne sono certo”.

Filo: “Ooohhh ci siete? Basta saltare e cantare, è da tre ore che siamo quà e ancora non ci siamo fermati . Andiamo, che se perdiamo il pullman, ci tocca tornare a casa in autostop!”.

Usciti dallo stadio, si sale sul pulman per il ritorno a casa.

Tommy: “Ci siamo tutti? Si? Ok, bene. Sento un attimo i miei, poi voglio sapere la vostra di questa trasferta”.

Ale: “Mamma mia che trasferta. Quante emozioni! Al mare stamattina, pranzo in spiaggia e serata allo stadio…. Spero proprio che il paradiso sia una cosa così, sarebbe il top! Io vi dico già che per la prossima trasferta ci sono, basta che me lo diciate in tempo, così mi organizzo con l’università. Ora però non offendetevi, io chiudo un po’ gli occhi che sono distrutto… ‘Notte!”.

Parlando sottovoce con Filo, Tommy: “A me le cose che stasera  sono piaciute di più sono state due: la prima, quando prima della partita i giocatori del Cesena sono venuti fin sotto il nostro settore ad applaudirci, un gran bel gesto un bel gesto da parte loro; la seconda non può che essere il finale di partita, quando sotto di tre reti abbiamo cantato e saltato fra noi…”.

Filo: “Ah beh, quello è poco ma sicuro, chissà che hanno pensato i baresi che ci guardavano… Ma i cesenati festeggiano la sconfitta? Dai, ci rifaremo nel ritorno, spero. A me è piaciuta tanto anche la loro sciarpata ad inizio partita, un muro biancorosso con tutte le sciarpe vicine”.

In men che non si dica, tutti e tre i ragazzi crollano dal sonno dopo la lunga ed emozionanante giornata, iniziata in costume sulla spiaggia e finita con la sciarpa del Cesena al collo.

E così, i primi 1.200 chilometri sono andati…


Foto La Presse / Donato Fasano tratta dal sito www.cesenacalcio.it

One Comment on “Solo per te, Cesena alé: prima tappa Bari”

Comments are closed.