Solo per te, Cesena alè: seconda tappa Parma

Parma-Cesena tifosi
Invia l'articolo agli amici

SOLO PER TE – Dopo il racconto della prima trasferta della stagione a Bari, oggi tocca al derby contro il Parma, andato in scena a metà dicembre

Dite la verità, anche voi, al momento del sorteggio del calendario di Serie B, avete cercato la giornata in cui il Cesena avrebbe affrontato il Parma, nobile decaduta che dopo anni difficili seguenti al fallimento è riuscita a tornare nel calcio che conta. L’algoritmo adottato dalla Lega B ha stabilito che i bianconeri dovessero scendere in campo al Tardini a metà dicembre: poco male, nemmeno il freddo sarà in grado di fermarci…

Seconda tappa Parma

16/12/17. Sveglia ore 8, partenza di casa ore 10:30.
Ma perché anche oggi che è sabato così presto la sveglia? Il Cesena oggi gioca alle 15, in due ore di auto a Parma si arriva, mica bisogna scendere in Puglia!
<tre giorni prima> COMUNICATO CURVA MARE: “Dopo qualche anno torniamo al Tardini e lo facciamo organizzando il viaggio in treno. Il mezzo più usato anni addietro per le trasferte di massa (…) Portiamo con noi i nostri colori, il Bianco e il Nero. TUTTI IN TRENO ORE 11 IN STAZIONE… INVADIAMO PARMA“.

Noi giovani possiamo sapere soltanto attraverso i racconti di amici e di conoscenti più grandi, quali emozioni e sensazioni si provavano negli anni ’90 nel seguire la squadra del cuore in trasferta a bordo dei cosidetti “treni speciali”: viaggi organizzati in occasione di match che attiravano un seguito importante di sostenitori. Fortunatamente, dopo tanto tempo, quest’anno la maggior parte di tifosi bianconeri ha optato per utilizzare il treno per raggiungere la vicina Emilia ed è stata l’occasione per provare direttamente sulla nostra pelle cosa significa “la partita dura molto più dei 90 minuti in campo”. Così, all’ora stabilita dal comunicato degli ultras, io e circa altri 300 tifosi, biglietto dello stadio e del treno alla mano, siamo partiti alla volta della città ducale. Si potrebbe pensare che ParmaCesena sia un derby “infuocato” e teso da entrambi le parti, come ad esempio sono le partite con il Modena o con il Bologna, ma non è proprio così. Infatti, per diversi anni, le due tifoserie sono state legate da un forte legame di amicizia e gemellaggio ed anche oggi, seppur in modo minore, sono legate da un rispetto reciproco.

Chi beve in questo vagone è accettato, astemi e feminucce accomodatevi negli gli altri scompartimenti“: così tifosi giovani e non, scherzano e chiedono più volte (chiaramente sempre in modo ironico) a gran voce questa divisione sul treno in direzione Parma. Donne al seguito del marito, giovani fidanzate, ragazzi rimasti a casa da scuola (“Mamma che motivo scrivo nella giustificazione per la scuola per sabato, che sono andato a Parma?“) rendono l’idea di chi dalle prime ore della mattina si è messo in viaggio per sostenere chi cerca di portare a casa punti importanti per la classifica sul campo di una big del campionato. Anche chi non vive di calcio 24 ore al giorno può immaginare che nella mente di molti cesenati siano fissate da giorni alcune tappe “doverose” ed “importanti” sul tragitto del viaggio. Una su tutte? Facile, Bologna! Eterni rivali da sempre, è con loro che disputiamo il vero derby! Impossibile quindi resistere alla tentazione di un “chi non salta è un bolognese” nella stazione centrale del capoluogo, piena di viaggiatori ignari e stupiti dalla situazione.

Ma noi siamo cesenati e mica possiamo non farci sentire e notare quando siamo in viaggio… Tempo di superare Bologna ed è quasi il momento di fare lo stesso nelle fermate di Modena e Reggio Emilia: W la Romagna! “Parma arriviamooo“. Inizio a capire in questi momenti che la partita, quella del tifo e della passione, è già iniziata e non bisogna fermarsi nemmeno un secondo per fare un selfie (moda che dovrebbe essere vietata per legge, allo stadio…) anziché cantare e mostrare tutto il nostro attaccamento alla maglia. Tempo di mangiare (e bere…) qualcosa al volo, che è già ora di dirigersi in zona stadio, dove ci sono già diverse auto e pullman di tifosi dei vari Club del Coordinamento.

La partita (finita con un pareggio a reti bianche, risultato positivo per il Cesena) è già stata raccontata in modo eccellente a suo tempo e per questo motivo non c’è da aggiungere nient’altro. Rimane però da scrivere che la trasferta in terra emiliana è stata l’ennesima bella giornata passata insieme a tanti amici giovani e meno, semplici sostenitori o tifosi sfegatati, uniti però da una fortissimo legame, quello per il MAGICO CESENA!


Immagine di Luigi Rega tratta dal sito cesenacalcio.it

About Filippo Maestri

Filippo Maestri è un giovane tifoso bianconero che, molto precocemente, già all’età di 3 anni, ha assistito alla sua prima partita dagli spalti del Dino Manuzzi! Non poteva che essere amore a prima vista… Dall’età di 13 anni, Filippo è abbonato in Curva Mare e, ora che ha terminato gli studi all’Istituto Tecnico Pascal di Cesena, riesce anche a seguire il Cavaluccio in giro per l’Italia. Pur senza precedenti come blogger, dimostra grande voglia e determinazione nel voler scrivere dell’amato Cesena e attraverso Cesena Mio dà sfogo a queste sue passioni.

View all posts by Filippo Maestri →

One Comment on “Solo per te, Cesena alè: seconda tappa Parma”

Comments are closed.