Cesena – Pro Vercelli 2-2, le pagelle di Cesena Mio

Pagelle Cesena - Pro Vercelli
Invia l'articolo agli amici

PAGELLE – Un incomprensibile Cesena getta al vento una vittoria che a fine primo tempo sembrava ormai in cassaforte. Nella ripresa la Pro Vercelli tira in porta due volte e pareggia

Bicchiere mezzo vuoto per il Cesena, con i bianconeri che si sono fatti rimontare il doppio vantaggio acquisito nel corso del primo tempo da una Pro Vercelli non proprio irresistibile. I primissimi minuti sembrano propendere verso i piemontesi, ma è un fuoco di paglia. Il Cesena comincia a guadagnare metri e dopo qualche vago tentativo passa in vantaggio: su corner battuto da Schiavone, Di Noia è lasciato tutto solo in area e con una decisa inzuccata deposita in rete l’1-0. La Pro Vercelli fa fatica a reagire e mette in mostra tutti i suoi limiti in fase di impostazione. Al 22′ quindi il Cesena concede il bis: Jallow duetta con Dalmonte e chiude l’azione con un diagonale sui piedi di Kupisz, con il polacco che da due passi deve solo accompagnare il pallone in fondo al sacco. Nella ripresa gli ospiti provano a rifarsi avanti, ma senza acuti. La partita sembra incanalarsi verso la vittoria cesenate, se non fosse per i cinque minuti di follia tra il 67′ e il 72′: prima Castiglia indovina la bordata che riapre il match, poi Berra insacca di testa il pari. Il Cavalluccio prova a mettere in mostra tutta la sua buona volontà nel finale, ma è veramente poco per andare oltre il pari.

FULIGNATI 6: primo tempo di ordinaria amministrazione, con la Pro che fa tremendamente fatica ad arrivare dalle sue parti. Nella ripresa è chiamato ad alcune uscite abbastanza tranquille. Incolpevole sui gol.

DONKOR 6: non è stato chiamato troppo in causa nel corso della partita. A un certo punto prova uno stop alla Mai Dire Gol. Abbandona dolorante la contesa.

Dal 86′ ESPOSITO s.v.

SUAGHER 6: il Reginaldo che si trova davanti stasera è incredibilmente distante da quello descritto nella rubrica Figurine. Serata tutto sommato normale per lui, anche se partecipa insieme al resto della retroguardia all’immobilismo che permette agli ospiti di pareggiare sul corner.

SCOGNAMIGLIO 5: il difensore campano, suo malgrado, ci mette lo zampino in entrambi i gol vercellesi: in occasione del primo disimpegna in maniera non proprio ottimale, mentre sul secondo controlla così così il 23enne Pippo Berra che lo beffa.

PERTICONE 6: continua il suo apprendistato sulla fascia sinistra con la fascia da capitano. I suoi lanci dettano (o perlomeno ci provano) lo spartito della catena di sinistra cesenate.

KUPISZ 6,5: la maglia e la faccia intrisa di fango sono il sunto della sua voglia di lottare. Deve solo accompagnare in rete il 2-0. Nel finale fa parte della (inutile) buona volontà bianconera.

SCHIAVONE 6,5: da un girone a questa parte è garanzia di continuità di prestazioni a centrocampo: ruba palloni, ci prova da fuori e sfiora il colpo del k.o. con una bordata che si spegne ad un amen dal palo destro di Pigliacelli.

DI NOIA 6,5: assieme a Kupisz è parte integrante della buona volontà in salsa cesenate. Inzucca l’1-0, sgomita a centrocampo e rischia il colpo grosso da 30 metri.

VITA 5,5: leggerina la sua presenza, sulla fascia non salta mai l’uomo e non impensierisce la retroguardia della Pro Vercelli.

Dal 86′ CACIA 6: stop, controllo e tiro. Quanto basta per meritare la sufficienza.

DALMONTE 6,5: il segnale di questa partita è un Dalmonte in ripresa. Non ancora ai livelli di inizio stagione, ma comunque sulla buona strada. Fa la sponda a Jallow in occasione del 2-0.

Dal 76′ CHIRICO’ 6: la sua progressione manda in confusione mezza Pro Vercelli, ma non riesce a portare i suoi al gol che avrebbe significato la vittoria.

JALLOW 6: detta il passaggio a Dalmonte in occasione del bis. Cerca di svariare in zona offensiva, ma senza i guizzi visti in altre occasioni.

ALL. CASTORI 5,5: il primo tempo sarebbe da 6 abbondante. Da 5 invece la rimonta subita nella ripresa in una contesa quasi chiusa. Cambi troppo tardivi? A mio avviso no: l’inerzia del match è sempre stata verso il 2-0, tranne che per 5′ di follia.


Elaborazione grafica tratta dal sito www.cesenacalcio.it

27 Comments on “Cesena – Pro Vercelli 2-2, le pagelle di Cesena Mio”

  1. Per la mia personale rubrica “L’ignoranza è tutto!”, il premio dalle mani di Jallow passa ad una new entry, quelle di Kupisz!

    Jallow è stato davvero bravo e regolare durante tutta la partita. La sua intesa con Dalmonte ha generato una serie di gravi offese alla difesa della Pro. Era sempre nel mirino dei suoi compagni per i soliti lanci lunghi ad aggredire la profondità. Davvero encomiabile ma s’è vista poca della sua profonda ignoranza.

    Il nostro Kupisz invece mi ha messo in allerta già dalla partita contro lo Spezia (vedi pagelle Spezia 1-2 Cesena su CesenaMio). Già allora i suoi movimenti, obbligati da un ordine perenterio del nostro-bigOne, mi avevano solleticato la corteccia cerebrale dell’emisfero destro. Con la Pro si è ripetuto dando prova che non si trattava di un caso. Il suo gol è l’esatta fotocopia di quello precedente messo a segno a La Spezia. Questo significa solo una cosa: quest’uomo ha una fede a prescindere nei dettami di nostro-bigOne e farà tutto quello che lui dice a PRESCINDERE. Il suo motto, ZITTO&CORRI, probabilmente è ricamato anche sulla sua federa del letto per aumentare la sua immersione in questa FEDE totalizzante. E tutto questo immane e incompreso lavoro lo sta ripagando da mesi di sfottò e umiliazioni che probabilmente lui non si è nemmeno accorto di ricevere, preso com’era dalla sua accecante MISSIONE. Da oggi potremo avere un ottimo esempio da inserire nella nostra bacheca delle storie utii a convincere nostro figlio che STUDIARE è UTILE, come SUBITO ho fatto strumentalmente io con il mio, anche se non se ne vede la meta finale: guarda Kupisz, gli hanno detto DI correre e lui l’ha fatto, gli hanno detto anche DOVE correre e lui l’ha fatto, gli hanno detto che ad un certo punto, durante la sua corsa, sarebbe arrivato un PALLONE ed è arrivato, gli hanno detto che a quel punto doveva spingere il pallone in PORTA e lui ha eseguito. GOL, felicità e ovazioni dal pubblico. Fine.

    L’ignoranza di questo soldato è grande come la sua umiltà. Che il nostro-bigOne si prenda cura della sua anima. Amen.

  2. Anche a me è sembrato che qualcuno ha esaltato troppo castori per la partita con lo spezia. Non mi è per niente piaciuto come siamo rientrati nel secondo tempo (la linea dei centrocampisti nella nostra trequarti), e la sufficienza con cui abbiamo sprecato i vari possibili 3-0, come se fossimo una squadra a cui 2 goal di vantaggio bastano e avanzano…. ultima considerazione: giochiamo 3 partite in una settimana, finiamo il primo tempo sul 2-0, puoi far rifiatare dalmonte e inserire chiricò che in contropiede sarebbe stato devastante (sia per qualità tecnica che per freschezza), e invece no, lo fai entrare a frittata fatta nell ultimo quarto d ora, con la pro che ormai si guardava bene dallo sbilanciarsi..boh..

  3. Invece secondo me. Se rigiochiamo altre 10 volte , con csstori in panchina, nemmeno se alla provercelli espellono 2 uomini. Riusciamo a evitare il pareggio , perche l atteggiamento sarebbe il solito..

  4. Allora ti sei perso questi famosi 5′ nei quali Scognamiglio non è stato proprio impeccabile. Aggiungo che tra le due reti della Pro, Schiavone ha rischiato di insaccare il 3-1.

  5. Chi ha commesso gli errori che hanno portato al gol? E basterebbe questo a spiegare gli accadimenti? Perchè, per esempio, non abbiamo continuato a cercare nuove reti anche nel secondo tempo? (scusami, ma non avendo visto la seconda metà della partita mi trovo completamente all’oscuro degli accadimenti determinanti)

  6. Che vuol dire in un match che solo il Cesena poteva far riaprire? Vuol dire che al minimo errore il Cesena è stato punito, nonostante l’inerzia del match non sia stata mai troppo verso la Pro Vercelli. Se vogliamo vedere gli errori si sa chi è stato complice dei gol.

  7. Rinaldo Belleggia “…..in un match che solo il Cesena poteva far riaprire.” Che vuol dire? Cosa ha sbagliato o quali comportamenti ha tenuto in campo e quali invece avrebbe dovuto tenere?

    Ci può stare anche che abbiano avuto “fortuna” anche se è più facile per me credere che abbiamo sbagliato qualcosa. Ma COSA?

  8. Se vogliamo vederla dal punto di vista delle mosse, Grassadonia ha messo Berra e dopo 2′ lui ha segnato. A me personalmente la Pro è sembrata di livello piuttosto basso. È dura spiegare cosa sia successo in quei 5′. Loro sono stati bravi ad approfittare di quelle due occasioni (derivate da giocate di un singolo), in un match che solo il Cesena poteva far riaprire.

  9. Un Cesena incomprensibile solo per chi (e a quanto pare non sono pochi) ha considerato quella di La Spezia una buona prestazione e una vittoria strameritata.. ..e non frutto di episodi favorevoli e di un portiere avversario in giornata no.

  10. Ma che diamine è successo? Lascio lo stadio nell’intervallo e succede un disastro? Come è stato possibile? Davvero siamo risusciti a pareggiare con QUESTI solo perchè siamo calati di intensità nel secondo tempo? Davvero è bastato che il centrocampo smettesse di costruire e interdire con la vivacità del primo tempo per avere un collassamento sulla difesa dell’intera squadra che non ci ha permesso di dominare l’avversario e imporre il nostro gioco (gioco…..vabbè, si fa per dire) come gli ho visto fare fino all’intervallo? Ma è stata una distrazione generalizzata condita da mancanza di umiltà (almeno fino al 2-2) dei nostri giocatori o l’avversario ha fatto qualche mossa tattica che ha cambiato gli equilibri? Perchè nel primo tempo la Pro era completamente chiusa e non riusciva a giocare……datemi delle spiegazioni, per favore!!!!!!

  11. Mi ripeto x l’ennesima volta , ogni tiro nello specchio della porta 1 gol….è mai possibile????? La partita andava chiusa le occasioni ci sono state si sapeva che un loro gol avrebbe riaperto la partita e così è stato

Comments are closed.