Mister, sfumati per il Cesena i playoff e (quasi) i playout, prova con la playstation…

Fabrizio Castori - Cesena
Invia l'articolo agli amici

DI-VANEGGIANDO – Un’altra prova sconcertante del Cesena e del suo mister, che continua a non osare. La retrocessione è ormai dietro l’angolo

In questo cupo venerdì 30 marzo 2018, i tifosi del Cesena hanno dovuto assistere all’ennesima partita non giocata dal nostro Conigliotto Pasquale. Credo di avere scritto almeno quaranta volte (io che non capisco niente di calcio) che dobbiamo partire ogni giornata con l’idea di fare almeno un gol per avere almeno un punto. Sono i dati che parlano.

Invece niente. Fulignati e il palo ci hanno evitato di beccare uno 0-4 da un Novara stralunato, ma non l’umiliazione di essere entrati in campo solo per tirar via la palla con una fifa blu e per sperare in una botta di culo là davanti, dove non abbiamo né gioco, né strumenti tattici per andare. Poi la mossa disperata di far entrare Cacia e Chiricò (motivatissimi!) a pochi passi dalla fine, dopo aver dichiarato, con l’ingresso di Fedele, che uno zero a zero era perfetto. Ancora una volta!

Perdenti a tutti i costi. Il “ruggito del coniglio”, come si suol dire. Dice che Cacia e Chiricò non si adattano al gioco del mister. Può darsi, ma una soluzione ci sarebbe. Siccome play-off e (probabilmente) play-out non sembrano proprio alla nostra portata, proviamo con la play-station. Da casa, magari, mister.

Probabilmente ci aspetta una retrocessione che noi tifosi non meritiamo. Lasciateci almeno vedere una squadra che ci prova! La dignità è l’ultima trincea.


Immagine tratta dal sito www.legab.it

About Alberto Neri

Alberto Neri (Wolf) è nato parecchi anni fa a Cesena, ma all’età di 5 anni è stato "deportato" a Faenza al seguito della famiglia. Da allora il Cesena è stato il legame identitario con la sua città di origine, dove ora abita nuovamente. Da ragazzino veniva in treno da Faenza, prendeva la bici del nonno Ermenegildo (Gildìn) e si fiondava allo stadio. Così Gildìn, grande tifoso, ma ormai anziano, in cambio di 100 Lire, riceveva una cronaca vivace della partita. Da lui Wolf ha imparato che il Cesena è come una malattia cronica: se ce l’hai te la tieni finchè campi. Ma, in questo caso, non ti dispiace.

View all posts by Alberto Neri →

25 Comments on “Mister, sfumati per il Cesena i playoff e (quasi) i playout, prova con la playstation…”

  1. Michele Masi ha cancellato i suoi commenti. Mi congratulo con lui, deve aver capito di aver esagerato e ha avuto l’intelligenza di farsi da parte. I miei complimenti.

  2. Quest anno e impossibile saivarsi , non c e spirito di gruppo e siamo la difesa più battuta della B. Io non mi arrabbio più e aspetto il fallimento

  3. Alberto Sacconte Fusco i motivi sono diversi e il principale è che il nostro mister non sa come impiegarlo, ma le cose stanno cambiando…..sarà interessante vedere i nuovi effetti delle ingerenze dirigenziali.

  4. Solo 1 punto in meno dello scorso campionato, con una rosa svenduta per fare cassa. Io grido al miracolo per questi 34 punti. Quando a disposizione del mister gli acquisti milionari dal Chievo?

  5. ARTICOLO PERFETTO e commento di Max PERFETTO.
    Basta con sta storia della sociètà, della rosa scadente ecc. ; non è stato fatto un mercato perfetto, ma nemmeno cosi disastroso da giustificare questa tristezza!!!! LA MAGGIORE COLPA DI QUESTA SOCIETA’° è NON AVER ESONERATO per tempo colui che è il maggior colpevole di questa situazione

  6. Osare osare osare, non abbiamo più niente da perdere. Giocare in attacco sempre, perdere 1 a 0 o 5 a 4 cosa cambia??? Occorre giocare per fare un gol più degli altri o almeno provarci, ma così no, così non se ne può più…

  7. Dai burdel non scherziamo chiunque farebbe giocare cavia e chirico anche con una sola gamba.castori vuole solo giocatori di gamba che pensano solo a spezzare il ritmo avversario che ci può stare ma quando sei in vantaggio però

  8. articolo perfetto, d’altronde chi nega il valore di questo articolo ritiene castori perfetto, essendo il suo scopo l eccellenza (altro che una b troppo larga). a me invece retrocedere non piace, e mi tengo stretta questa unica testata seria sul cesena, essendocene una “mainstream” ormai ridicola. dare colpe generiche e intangibili alla società a seconda del mister (quando c era drago non volava una mosca) è semplicemente patetico, non perché non ne abbia (in primis il mercato, in secundis non aver esonerato in tempo castori), ma perché dare colpe a caso all “assenza” della società serve solo a censurare ogni critica al fifone. cosi, appena uno coglie il punto (il fifone in panchina) la si butta in caciara tirando fuori le colpe della società.

  9. Ieri ho scelto di andare fuori a cena e di non vedere la partita. E cosi faro fino a che ci sara questo allenatore in panchina.
    L articolo non solo non é penoso….ma é sacrosanto. Probabilmente retrocederemo, ma almenondateci una speranza di PROVARCI , non con un bel gioco….ma almeno con un minimo di gioco.
    Castori é diventato un INCUBO….

  10. A me sconcerta vedere I giocatori farsi I selfie a radio gamma prima della partita invece di essere concentrati sulla partita,presidente dove sei

  11. Bisogna provarle tutte, ormai Castori non ha più in mano la squadra, giocatori con un passato in serie A e altri che comunque hanno sempre giocato in B che non indovinano un passaggio di 10 metri, significa che il problema è nella testa ed io sono sostengo anche nel modulo, questa squadra deve giocare a 3 dietro visto la mole di centrali che abbiamo e tutti hanno giocato a 3 in passato

Comments are closed.