Cesena tutto cuore e grinta: che rimonta contro il Foggia!

Cesena-Foggia
Invia l'articolo agli amici

CHE BELLO È – Il Cesena riesce a recuperare un match che sembrava ormai perso contro il Foggia. Ma resta comunque all’ultimo posto solitario in classifica

È vero, il Cesena avrebbe dovuto vincere per cercare di allontanarsi il prima possibile da quella degradante ultima posizione in classifica. Ma la pazza rimonta riuscita contro il Foggia lascia probabilmente soddisfatti quasi tutti i tifosi bianconeri, visto come si era messa ad un certo punto la gara. Grande dimostrazione di grinta e di carattere, ma soprattutto, un punto che da morale in vista della prossima difficilissima partita contro il Perugia di martedì sera.

Una partita dai due volti, caratterizzata da un primo tempo arido di emozioni ed un Cesena volenteroso, ma praticamente mai pericoloso, ed una ripresa invece da batticuore. I bianconeri partono col piglio giusto, con Laribi e Jallow che da buona posizione calciano debolmente in bocca a Guarna, Però poi, a sorpresa, passa in vantaggio il Foggia con il centrale difensivo Coletti, che da oltre 30 metri pesca il jolly. Sulle ali dell’entusiasmo, i rossoneri raddoppiano appena 5 minuti dopo: angolo battuto malamente da Schiavone, Deli recupera ed avanza indisturbato palla al piede, allargando per Mazzeo che trova a centro area Beretta, il quale insacca in anticipo su Fazzi. Ma non è certo finita e nel momento migliore del Foggia, nella ripresa, il Cesena accorcia le distanze con Dalmonte, abile a ribadire a porta sguarnita il cross basso del neoentrato Panico. La girandola di emozioni prosegue ed i rossoneri si riportano avanti con Mazzeo, che si fa 20 metri palla al piede prima di scaricare un gran sinistro ad incrociare che si infila alle spalle di Agliardi, nuovamente sorpreso da un tiro da fuori. Il Cesena accusa il colpo e gli ospiti sciupano clamorosamente il 4-1 con Beretta in contropiede che avrebbe definitivamente chiuso la partita. Invece i bianconeri risorgono in maniera inaspettata e completano una rimonta che sembrava ormai impossibile: prima Panico costringe Gerbo a ribattere in rete il tiro di Jallow respinto da Guarna, poi Rigione al 90′ risolve da due passi una situazione molto confusa in area di rigore foggian. Sembra finita, dopo tutti questi capovolgimenti, invece la partita regala ancora un’importante occassione per parte: prima Calderini sciupa di testa, poi Dalmonte da ottima posizione spara su Guarna, congelando un 3-3 più importante per il morale che per la classifica.

Un Cesena ancora troppo fragile in difesa, che sente terribilmente la mancanza di Perticone: gol a parte, Rigione ha perso diverse volte la marcatura, soprattutto su Calderini sul 3-3, una disattenzione che poteva costare davvero cara ai bianconeri; ancora male Fazzi, evidentemente inadatto al ruolo di terzino. A questo proposito, è ormai chiaro che il Cesena dovrà intervenire sul mercato di riparazione per comprare un terzino di ruolo, a meno che Castori non decida di dare fiducia a Setola o a Mordini. A centrocampo la prestazione è stata nel complesso sufficiente, soprattutto Di Noia, che ha distributo parecchi palloni e dato fluidità alla manovra. L’attacco bianconero invece, nonostante le 3 reti segnate, ha sciupato davvero troppe opportunità, con Dalmonte, ad esempio, che ha avuto almeno 3 ghiotte palle gol, ma le cui conclusioni sono sempre state deboli e centrali. Al ragazzo ravennate i tempi di inserimento non mancano, ma serve ancora tempo affinché migliori l’abilità realizzativa.

In definitiva, una partita che il Cesena non avrebbe meritato di perdere. Tuttavia, per affrontare il Perugia in trasefrta martedì sera servirà quella cattiveria mostrata negli ultimi 15 minuti di oggi, perchè combattendo così, non si retrocede….

Che bello è

Oltremodo decisivo l’ingresso di Giuseppe Panico: entrato sullo 0-2, prima sfodera un cross al bacio per Dalmonte, poi costringe Gerbo all’autorete del 2-3 ed infine conquista la punizione da cui nascerà il 3-3. Uno dei pochi a credere nella realizzazione di questa impresa, della quale è stato uno dei principali artefici. Il migliore in campo di oggi non può che essere lui!


Foto di Luigi Rega tratta dal sito www.cesenacalcio.it

Ricerca personalizzata

10 Commenti

  1. Grandissimo cesena e grandissimo mister. Però 3 gol in casa nostra non si possono prendere. Bravi lo stesso per la determinazione e la grinta Bravi ragazzi dai burdel

  2. Oggi si doveva vincere facile …invece nella merda fino alla fine. Cmq il lavoro del mister si vede . Con dei giocatori da campionato dilettanti fare la serie B è dura.

  3. Su questo non ci piove, l’auspicio è che prima o poi arrivi il cambio di passo, che qualche sconfitta esterna diventi pareggio ed i pareggi interni vittorie

I commenti sono bloccati.