Da Ceccarelli a Cuttone, quando la difesa del Cesena era imperforabile

Giampiero Ceccarelli Cesena
Invia l'articolo agli amici

FLASHBACK – Sono numerosi i difensori bianconeri che hanno scritto la storia del Cesena: da Ceccarelli a Cera, fino ad arrivare a Cuttone

In questi giorni si sta lentamente completando la rosa per il prossimo campionato: è freschissimo l’ arrivo di Andrea Esposito, prestante difensore salentino che lo scorso anno ha militato nel Vicenza. La retroguardia bianconera ha bisogno però di ulteriori innesti per potersi considerare sistemata. La storia del Cesena, contrariamente a ciò che avviene in questi ultimi tempi proprio in difesa, annovera molti giocatori che sono diventati nel corso degli anni delle vere e proprie bandiere in virtù dei tantissimi campionati giocati tra le fila bianconere e che sono da sempre nel cuore e nella memoria di tutti noi tifosi .

Il difensore simbolo per eccellenza della fedeltà alla maglia del Cesena è sicuramente Giampiero Ceccarelli: come Maldini, come Totti e come pochissimi altri nella storia del calcio italiano, ha legato tutta la sua carriera di calciatore, dalle giovanili all’esordio in prima squadra nel 1966 fino al ritiro nel 1985, ai colori del Cavalluccio e anche in seguito è rimasto per altri 12 anni in veste di vice direttore. Il suo percorso calcistico rappresenta 40 anni di storia della nostra società: forse non tutti sanno che il mitico “Cecca”, voluto da Marcello Lippi nello staff della nazionale come osservatore, ha contribuito in tale veste anche alla vittoria del campionato del mondo in Germania del 2006. Ceccarelli esordì in prima squadra nel 1966 insieme ad un’altra grandissima bandiera difensiva del Cesena come Paolo Ammoniaci che, anch’egli proveniente dalle giovanili bianconere, rimase 9 lunghi anni in prima squadra prima di approdare alla Lazio. Questi giocatori, con Pierluigi Cera (autore di sei campionati in maglia bianconera) e Luigi Danova, dal 1973 al 1976 formarono forse la più forte difesa che il Cesena abbia mai avuto nella sua storia.

Al terzo posto nella classifica dei difensori per fedeltà alla maglia si piazza l’indimenticato Agatino Cuttone, che dal 1984 al 1992 difese i colori del Cesena per 8 stagioni di fila, disputando anche tre campionati in A e contribuendo in maniera decisiva alla vittoria contro il Lecce del 1987, in quello che tuti i tifosi bianconeri ricorderanno come il mitico spareggio disputato a San Benedetto del Tronto dove realizzò il goal del decisivo 2-1. Al quarto posto a pari merito con 7 campionati ciascuno, altri due grandissimi come Corrado Benedetti, purtroppo prematuramente scomparso nel 2013, e Daniele Arrigoni: entrambi i giocatori provenivano dal fiorente vivaio romagnolo.

Ceccarelli, Cera, Ammoniaci, Cuttone, Benedetti e Arrigoni non sono stati però gli unici difensori a giocare a Cesena per numerose stagioni di fila. Tra gli altri ricordiamo anche Fabio Calcaterra con 6 campionati e Claudio Rivalta con 4. Mentre, in tempi recenti, fra i difensori che non dimenticheremo per simpatia e bravura non possiamo non ricordare Yuto Nagatomo, che nel 2010/11 si mise in mostra con la casacca bianconera tanto da essere acquistato dall’Inter nel mercato di riparazione. Citare certi nomi scalda ancora oggi i cuori e fa affiorare ricordi ed emozioni ad essi legati: peccato che il calcio delle bandiere e della fedeltà ad una maglia sia sempre più lontano dalla realtà!

Immagine tratta dal sito www.storiedicalcio.altervista.org

Ricerca personalizzata

3 Commenti

I commenti sono bloccati.