Analisi di TUTTE le pagelle di Cesena-Spezia

Analisi pagelle Cesena-Spezia
Invia l'articolo agli amici

ANALISI PAGELLE – Il ritorno in panchina di Castori coincide con il ritorno alla vittoria del Cesena che, dopo una mese orribile, risale anche nelle pagelle

Essendo anche noi tra quelli che producono pagelle, il format post partita più amato dai lettori ed allo stesso tempo più temuto da chi le redige visto che è impossibile accontentare tutti, ci fa piacere confrontare le nostre opinioni con quelle altrui, ovvero quelle dei colleghi che si cimentano nello stesso esercizio. Il giudizio sulla prestazione di ogni singolo giocatore del Cesena, sintetizzato al massimo con il classico voto, diventa confrontabile grazie all’analisi grafica che presentiamo. Essa offre anche lo spunto per una serie di interessanti considerazioni che seguono la tabella.

L’effetto Castori

Non abbiamo assistito a calcio spettacolo, né ci siamo esaltati per giocate sopraffini, ma quel che conta è che Cesena ha vinto. E lo ha fatto senza subire gol, circostanza impensabile solo pochi giorni fa, al culmine di una situazione che vedeva i bianconeri ultimi in classifica, sopraffatti ed umiliati. Evidente la mano di Fabrizio Castori in questa metamorfosi, almeno stando alle pagelle del match. Il tecnico di Tolentino ha infatti conseguito un 6,64 medio che rappresenta un ottimo punto di partenza, figlio di due 7 e cinque 6,5, invertendo radicalmente il trend della guida tecnica nelle precedenti settimane.

Torna Agliardi ed è subito il migliore in campo

Il nuovo allenatore rispolvera dalla naftalina alcuni elementi, come Agliardi e Schiavone, e questi subito lo ripagano con prestazioni più che sufficienti. Federico Agliardi ha salvato il risultato in un paio di circostanze e si è meritato il 6,75 medio con cui chiude in testa la giornata. Bene anche il resto della difesa, con Romano Perticone (6,69) e Michele Rigione (6,56) sugli scudi. La nota negativa di giornata è invece rappresentata da Moussa Kone che non va oltre il 5,31 ed è il meno performante della gara, almeno tra i bianconeri. Lievemente insufficienti anche Nicolò Fazzi (5,63) e Lamin Jallow (5,69). Come sempre, un tema che sta particolarmente a cuore a questa testata è quello della “variabilità” dei giudizi, perchè certifica, partita dopo partita, che redarre pagelle è esercizio molto personale. Al netto della “variabilità” fisiologica di +1 / -1 punto, in una sola occasione le pagelle del match hanno valutato in maniera difforme la prestazione dei singoli, si tratta di Michele Rigione che varia da 6 a 7,5.

Pagelle di carta un po’ più generose di quelle online

Una diretta conseguenza della limitata variabilità di cui sopra è una media molto vicina per tutte le testate. La particolarità è che la media più alta tra le pagelle online è pari alla media più bassa tra quelle cartacee, ma si tratta di pochi centesimi. I più severi siamo stati noi di Cesena Mio con 5,96 (-0,16 rispetto alla media complessiva), mentre Il Resto del Carlino (+0,11) è stato il più generoso, ma è la prima volta in stagione che tra la media più bassa e quella più alta intercorrono appena 0,27 punti.

Qui l’archivio di Tutte le pagelle del Cesena 2017/18


Foto di Luigi Rega tratta dal sito www.cesenacalcio.it

Ricerca personalizzata
About Stefano Manzi 258 Articles
Impiegato e padre di famiglia, perdo ancora tempo come blogger ed eterno aspirante giornalista: dopo aver scritto per Il BiancoNero Magazine e la Federazione Italiana Sostenitori Squadre di Calcio, da settembre 2014 sono nella redazione zona sport di Destrosecco. Recentemente ho aperto il blog Cesena Mio e talvolta mi si può ascoltare come opinionista sportivo a UniRadio Cesena. Oltre all'amato Cesena calcio, seguo con immensa passione il ciclismo professionistico ed il rugby union, sport dei quali ho scritto per anni su Facebook, nonché sui siti web chorse.it e freeforall.it.