Alberigo Evani: “Ligi con Drago crescerà ancora”

Invia l'articolo agli amici

L’attuale tecnico dell’Italia Under 20 ha lanciato Ligi nel calcio che conta

Con il suo acquisto il Cesena ha completato la batteria dei centrali di difesa per la prossima stagione. Alessandro Ligi, uno degli ultimi arrivati, si giocherà un posto per una maglia da titolare e farà il possibile per meritare la fiducia di mister Massimo Drago, che ritroverà dopo la positiva esperienza di Crotone. Uno dei primi allenatori a credere in Ligi è stato  però Alberigo Evani.

Evani giocò soprattutto nel Milan e nella Nazionale; una volta appesi gli scarpini al chiodo e dopo aver allenato le giovanili rossonere, diventò tecnico del San Marino, dove lanciò il nuovo difensore bianconero. Correva l’anno 2009/2010 ed il 20enne Alessandro si accingeva a disputare il primo campionato professionistico della carriera. Il San Marino giocava in Seconda Divisione e l’esordio fu piuttosto memorabile: la formazione del Titano dopo il secondo posto nella regolar season vide svanire nella finale playoff contro il Gubbio la possibilità di salire in Prima Divisione.

Queste le parole rilasciate in esclusiva a Cesena Mio da Evani sul nuovo centrale cesenate.

Alberigo-Evani
Alberigo Evani, ct dell’Under 20 azzurra

Evani, ha dato fiducia e spazio fin da subito a Ligi, cosa l’ha colpito di lui?
Era molto giovane ed alle prime esperienze di un certo tipo in prima squadra ma ha dimos
trato subito di possedere buone qualità: bel fisico, bravo nel colpo di testa, ha un discreto mancino con cui spesso inizia a costruire l’azione dalle retrovie. E’ un difensore attento nelle marcature, fondamentale non trascurabile
”.

Possiamo dire che ha vinto la sua scommessa vista la successiva ascesa di Ligi, arrivata fino alla Serie B?

In quella stagione decisi di puntare, pur consapevole di rischiare qualcosina, su una coppia di centrali giovanissima composta da Alessandro e Bergamini, un ’88 che portai dal Milan. Grazie alla loro attitudine si completavano e fecero benissimo crescendo a vista d’occhio gara dopo gara: arrivammo secondi in campionato”.

A Cesena può trovare l’ambiente e l’allenatore giusto per mettersi in mostra?
Ligi dopo San Marino ha racimolato esperienze importanti, è cresciuto e lo reputo un buon acquisto. Cesena è una società blasonata con grandi trascorsi, lo seguo perché fornisce diversi giocatori alle Nazionali, tipo i vari Caldara, Sensi, Rosseti e Garritano l’anno scorso. Sotto osservazione avevamo pure Valzania che ha però trovato poco spazio. In Romagna c’è l’ambiente ideale e mister Drago, un tecnico preparato che lavora bene e sa far crescere i giovani nella giusta maniera”.


Immagine tratta da http://calcio.fanpage.it